Il CEO di Ryanair accusato di razzismo e islamofobia

| Il variopinto Michael O’Leary, non nuovo ad uscite spettacolari e spesso sconvenienti, suggerisce controlli serrati contro i musulmani che viaggiano da soli: se il pericolo arriva da loro, è lì che bisogna agire

+ Miei preferiti
Michael O’Leary, il boss di “Ryanair”, è sicuramente un personaggio, per quanto ogni tanto discutibile. Conosciuto per essere un gran parlatore, nel tempo è stato descritto come arrogante, spregiudicato, facile alla contraddizione, stravagante e schietto fino al punto di diventare volgare. Anni fa aveva fatto scalpore affermando: “La cosa migliore da fare con gli ambientalisti è sparargli”, e lo stesso trattamento – più o meno – non ha mai nascosto di volerlo riservare agli agenti di viaggio. In tanti ricordano la proposta delle toilette di bordo a pagamento, e altri la volta in cui per lanciare la nuova rotta Dublino-Roma si era vestito da Papa. In un altro episodio si è rivolto ad alcuni passeggeri Ryanair che chiedevano un rimborso per gravi ritardi: “Fottiti. Non abbiamo tempo di ascoltare le vostre storie, tanto da qui non partirà mai alcun rimborso”.

Ma questa volta, sul suo conto si è scatenato un putiferio: l’ad della più celebre compagnia aerea lowcost, con più di 2.000 tratte che collegano 33 paesi, si è attirato accuse di “istigazione al razzismo” e “islamofobia”. Sotto accusa sono finite alcune sue dichiarazioni in cui afferma che “i uomini musulmani dovrebbero essere sottoposti a controlli di sicurezza extra negli aeroporti per prevenire gli attacchi terroristici: l’unico modo per affrontare la minaccia è quello di controllare con grande attenzione i musulmani che viaggiano da soli. Al contrario, le famiglie con bambini piccoli dovrebbero avere corsie di controllo preferenziali, perché è statisticamente meno probabile che facciano saltare in aria le persone. Ma purtroppo, certe cose oggi non si possono dire facilmente, perché diventa razzismo, anche se statisticamente gli attentatori sono sempre stati musulmani maschi. Trent’anni fa il pericolo erano gli irlandesi, ora sono loro: e se è da lì che arriva la minaccia, va affrontata come si deve”.

Fra i primi a bacchettarlo il deputato laburista Khalid Mahmood, che senza mezzi termini accusa O’Leary di “incoraggiare il razzismo in un momento storico in cui non è necessario aggiungere altro. Suggerisco di riservare ai bianchi lo stesso trattamento, magari per controllare se sono fascisti. E inoltre, se può dirmi di che colore sono i musulmani sarei molto felice di imparare da lui qualcosa che non conosco”.

A ruota è arrivato il commento del consiglio musulmano della Gran Bretagna, che ha bollato le frasi come “razziste e discriminatorie nei confronti dei passeggeri musulmani”, mentre il gruppo “Tell Mama” si augura che questo possa trasformarsi in gravi perdite economiche e di credibilità per la compagnia aerea. I musulmani si trovano già ad affrontare controlli serrati nei viaggi aerei, ma è un peccato che una forma di razzismo sia espresso così apertamente, e che l’amministratore delegato di una grande compagnia aerea voglia così sfacciatamente discriminare i suoi clienti. Oltre ad essere discriminatorio e a basare i giudizi sull’immagine delle persone, il che è ripugnante, O’Leary chiaramente non conosce la storia del terrorismo”.

Le frasi di O’Leary arrivano ad un giorno di distanza dalle rivelazioni di una donna musulmana che ha ammesso di aver sfiorato un attentato suicida alla Cattedrale di St. Paul, a Londra. Safiyya Amira Shaikh, 36 anni, nata Michelle Ramsden, si è convertita all'Islam nel 2007 e si ritiene si sia radicalizzata nel 2015 dopo aver seguito gruppi estremisti online.

Esteri
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare