Il CEO di Ryanair accusato di razzismo e islamofobia

| Il variopinto Michael O’Leary, non nuovo ad uscite spettacolari e spesso sconvenienti, suggerisce controlli serrati contro i musulmani che viaggiano da soli: se il pericolo arriva da loro, è lì che bisogna agire

+ Miei preferiti
Michael O’Leary, il boss di “Ryanair”, è sicuramente un personaggio, per quanto ogni tanto discutibile. Conosciuto per essere un gran parlatore, nel tempo è stato descritto come arrogante, spregiudicato, facile alla contraddizione, stravagante e schietto fino al punto di diventare volgare. Anni fa aveva fatto scalpore affermando: “La cosa migliore da fare con gli ambientalisti è sparargli”, e lo stesso trattamento – più o meno – non ha mai nascosto di volerlo riservare agli agenti di viaggio. In tanti ricordano la proposta delle toilette di bordo a pagamento, e altri la volta in cui per lanciare la nuova rotta Dublino-Roma si era vestito da Papa. In un altro episodio si è rivolto ad alcuni passeggeri Ryanair che chiedevano un rimborso per gravi ritardi: “Fottiti. Non abbiamo tempo di ascoltare le vostre storie, tanto da qui non partirà mai alcun rimborso”.

Ma questa volta, sul suo conto si è scatenato un putiferio: l’ad della più celebre compagnia aerea lowcost, con più di 2.000 tratte che collegano 33 paesi, si è attirato accuse di “istigazione al razzismo” e “islamofobia”. Sotto accusa sono finite alcune sue dichiarazioni in cui afferma che “i uomini musulmani dovrebbero essere sottoposti a controlli di sicurezza extra negli aeroporti per prevenire gli attacchi terroristici: l’unico modo per affrontare la minaccia è quello di controllare con grande attenzione i musulmani che viaggiano da soli. Al contrario, le famiglie con bambini piccoli dovrebbero avere corsie di controllo preferenziali, perché è statisticamente meno probabile che facciano saltare in aria le persone. Ma purtroppo, certe cose oggi non si possono dire facilmente, perché diventa razzismo, anche se statisticamente gli attentatori sono sempre stati musulmani maschi. Trent’anni fa il pericolo erano gli irlandesi, ora sono loro: e se è da lì che arriva la minaccia, va affrontata come si deve”.

Fra i primi a bacchettarlo il deputato laburista Khalid Mahmood, che senza mezzi termini accusa O’Leary di “incoraggiare il razzismo in un momento storico in cui non è necessario aggiungere altro. Suggerisco di riservare ai bianchi lo stesso trattamento, magari per controllare se sono fascisti. E inoltre, se può dirmi di che colore sono i musulmani sarei molto felice di imparare da lui qualcosa che non conosco”.

A ruota è arrivato il commento del consiglio musulmano della Gran Bretagna, che ha bollato le frasi come “razziste e discriminatorie nei confronti dei passeggeri musulmani”, mentre il gruppo “Tell Mama” si augura che questo possa trasformarsi in gravi perdite economiche e di credibilità per la compagnia aerea. I musulmani si trovano già ad affrontare controlli serrati nei viaggi aerei, ma è un peccato che una forma di razzismo sia espresso così apertamente, e che l’amministratore delegato di una grande compagnia aerea voglia così sfacciatamente discriminare i suoi clienti. Oltre ad essere discriminatorio e a basare i giudizi sull’immagine delle persone, il che è ripugnante, O’Leary chiaramente non conosce la storia del terrorismo”.

Le frasi di O’Leary arrivano ad un giorno di distanza dalle rivelazioni di una donna musulmana che ha ammesso di aver sfiorato un attentato suicida alla Cattedrale di St. Paul, a Londra. Safiyya Amira Shaikh, 36 anni, nata Michelle Ramsden, si è convertita all'Islam nel 2007 e si ritiene si sia radicalizzata nel 2015 dopo aver seguito gruppi estremisti online.

Esteri
Irlanda, sesta notte di proteste
Irlanda, sesta notte di proteste
Elementi infiltrati hanno alzato il livello degli scontri, mettendo a ferro e fuoco Belfast: un autobus dato alle fiamme e scontri violenza con la polizia sono proseguiti per tutta la notte
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi
Francia, smantellata la banda dei Lego
Francia, smantellata la banda dei Lego
Studiavano nei dettagli i negozi e magazzini da colpire, poi rivendevano i mattoncini sul mercato nero, dove pare siano richiestissimi
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Alla sua prima uscita pubblica dal castello di Windsor, la regina rende omaggio all’aviazione militare australiana. Un cenno verso un Paese che continua a chiedersi che senso ha avere una monarca così distante
Il #MeToo degli studenti inglesi
Il #MeToo degli studenti inglesi
Un sito per segnalazioni anonime ha registrato oltre 7.000 di stupri, violenze e bullismo, scoperchiando un realtà preoccupante su cui adesso tutti vogliono vederci chiaro
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Nei quattro anni di relazione clandestina (in realtà alla luce del sole) con l’allora sindaco di Londra, l’imprenditrice americana avrebbe ricevuto favori e contratti. Un’indagine vuole fare chiarezza, e Jonshon rischia grosso
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
Manifestazioni in tutto il Paese per un pacchetto di misure che sulla carta avrebbero dovuto trasformare ila Francia in un esempio, e che invece son o state riviste e scorrette per non scontentare i poteri forti
Peggiorano le condizioni di Navalny
Peggiorano le condizioni di Navalny
I suoi legali denunciano che l’ex dissidente accusa crescenti problemi di salute. Secondo qualcuno sarebbe ricoverato in ospedale, ma le autorità russe vietato a chiunque di avvicinarlo
Australia, i video hard dei parlamentari
Australia, i video hard dei parlamentari
Trema il governo di Scott Morrison, alle prese con il terzo caso di abusi sessuali nel giro di poche settimane. Questa volta sono emersi video e foto che mostrano i dipendenti mentre hanno rapporti sessuali negli uffici dei vari ministri
La bomba che ha ucciso la giornalista maltese fabbricata in Sicilia
La bomba che ha ucciso la giornalista maltese fabbricata in Sicilia
I 500grammi di esplosivo che hanno fatto saltare in aria l'auto di Daphne Caruana Galizia sarebbero stati preparati in Sicilia. È la rivelazione di un pentito, che conferma gli stretti legami fra la mafia maltese e quella siciliana