Il CEO di Ryanair accusato di razzismo e islamofobia

| Il variopinto Michael O’Leary, non nuovo ad uscite spettacolari e spesso sconvenienti, suggerisce controlli serrati contro i musulmani che viaggiano da soli: se il pericolo arriva da loro, è lì che bisogna agire

+ Miei preferiti
Michael O’Leary, il boss di “Ryanair”, è sicuramente un personaggio, per quanto ogni tanto discutibile. Conosciuto per essere un gran parlatore, nel tempo è stato descritto come arrogante, spregiudicato, facile alla contraddizione, stravagante e schietto fino al punto di diventare volgare. Anni fa aveva fatto scalpore affermando: “La cosa migliore da fare con gli ambientalisti è sparargli”, e lo stesso trattamento – più o meno – non ha mai nascosto di volerlo riservare agli agenti di viaggio. In tanti ricordano la proposta delle toilette di bordo a pagamento, e altri la volta in cui per lanciare la nuova rotta Dublino-Roma si era vestito da Papa. In un altro episodio si è rivolto ad alcuni passeggeri Ryanair che chiedevano un rimborso per gravi ritardi: “Fottiti. Non abbiamo tempo di ascoltare le vostre storie, tanto da qui non partirà mai alcun rimborso”.

Ma questa volta, sul suo conto si è scatenato un putiferio: l’ad della più celebre compagnia aerea lowcost, con più di 2.000 tratte che collegano 33 paesi, si è attirato accuse di “istigazione al razzismo” e “islamofobia”. Sotto accusa sono finite alcune sue dichiarazioni in cui afferma che “i uomini musulmani dovrebbero essere sottoposti a controlli di sicurezza extra negli aeroporti per prevenire gli attacchi terroristici: l’unico modo per affrontare la minaccia è quello di controllare con grande attenzione i musulmani che viaggiano da soli. Al contrario, le famiglie con bambini piccoli dovrebbero avere corsie di controllo preferenziali, perché è statisticamente meno probabile che facciano saltare in aria le persone. Ma purtroppo, certe cose oggi non si possono dire facilmente, perché diventa razzismo, anche se statisticamente gli attentatori sono sempre stati musulmani maschi. Trent’anni fa il pericolo erano gli irlandesi, ora sono loro: e se è da lì che arriva la minaccia, va affrontata come si deve”.

Fra i primi a bacchettarlo il deputato laburista Khalid Mahmood, che senza mezzi termini accusa O’Leary di “incoraggiare il razzismo in un momento storico in cui non è necessario aggiungere altro. Suggerisco di riservare ai bianchi lo stesso trattamento, magari per controllare se sono fascisti. E inoltre, se può dirmi di che colore sono i musulmani sarei molto felice di imparare da lui qualcosa che non conosco”.

A ruota è arrivato il commento del consiglio musulmano della Gran Bretagna, che ha bollato le frasi come “razziste e discriminatorie nei confronti dei passeggeri musulmani”, mentre il gruppo “Tell Mama” si augura che questo possa trasformarsi in gravi perdite economiche e di credibilità per la compagnia aerea. I musulmani si trovano già ad affrontare controlli serrati nei viaggi aerei, ma è un peccato che una forma di razzismo sia espresso così apertamente, e che l’amministratore delegato di una grande compagnia aerea voglia così sfacciatamente discriminare i suoi clienti. Oltre ad essere discriminatorio e a basare i giudizi sull’immagine delle persone, il che è ripugnante, O’Leary chiaramente non conosce la storia del terrorismo”.

Le frasi di O’Leary arrivano ad un giorno di distanza dalle rivelazioni di una donna musulmana che ha ammesso di aver sfiorato un attentato suicida alla Cattedrale di St. Paul, a Londra. Safiyya Amira Shaikh, 36 anni, nata Michelle Ramsden, si è convertita all'Islam nel 2007 e si ritiene si sia radicalizzata nel 2015 dopo aver seguito gruppi estremisti online.

Esteri
GB, lo scandalo Cummings travolge BoJo
GB, lo scandalo Cummings travolge BoJo
Il premier si rifiuta di chiedere le dimissioni del suo fidato consigliere, che durante il lockdown ha impunemente attraversato l’Inghilterra con la famiglia
GB: il ritorno dei «covidiot»
GB: il ritorno dei «covidiot»
Migliaia di persone, attirato da caldo e bel tempo, hanno letteralmente invaso le spiagge di diverse località di villeggiatura. Durante la notte, tende e camper sono spuntate ovunque
La pandemia ha allargato le crepe del Regno Unito
La pandemia ha allargato le crepe del Regno Unito
Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord, i quattro paesi che compongono il Regno Unito, hanno un approccio opposto alla crisi del coronavirus. Una divisione che dopo la Brexit mette sempre più in discussione il futuro del Paese
Francia, monta la rabbia delle banlieue
Francia, monta la rabbia delle banlieue
Intere comunità si sono sentite abbandonate e minacciate da una crisi economica che si annuncia devastante. L’Eliseo teme il ritorno di disordini sociali
Il ritorno di BoJo
Il ritorno di BoJo
Dopo aver combattuto in prima persona contro il coronavirus, il premier torna ai posti di comando mettendo in guardia il Paese: “Non è il momento di allentare le misure di contenimento”
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità
È vietato acquistare vernici e pennelli per ridipingere casa, ma non fare scorta di birra e vino, oltre ad una passeggiata rilassante dopo un litigio. Le stranezze della Gran Bretagna
Gli allegri vacanzieri di Cannes
Gli allegri vacanzieri di Cannes
Un jet privato e tre elicotteri atterrano a Marsiglia: a bordo un gruppo di persone invitate per una vacanza pasquale da un ricco croato. Tutti rispediti al mittente dalle autorità francesi
La proposta di due medici francesi: test per il vaccino in Africa
La proposta di due medici francesi: test per il vaccino in Africa
Sommersi da critiche, minacce, insulti e accuse di razzismo piovute da tutto il mondo, due stimati medici francesi sono costretti a fare marcia indietro sulla proposta di testare i vaccini dove la popolazione è più debole
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Un uomo di un villaggio della Russia occidentale infastidito dal chiasso dei vicini, ha iniziato un litigio che è sfociato in tragedia
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
Accusato da un uomo che afferma di essere stato violentato insieme ad un compagno di coro, morto suicida, l’alto prelato scagionato al terzo grado di giustizia. La sentenza non è appellabile