Il poliziotto e i porno davanti al cadavere

| Un agente della polizia di Londra di guardia al corpo di un ragazzino morto suicida, ha ingannato il tempo acquistando film porno attraverso l’account della famiglia. È stato condannato a un anno di carcere e licenziato

+ Miei preferiti
La notte dell’11 febbraio del 2018, in attesa della scientifica, del coroner e dell’impresa di pompe funebri, l’agente della polizia di Londra Avi Maharaj era rimasto da solo a sorvegliare il corpo di Harry Miller, un ragazzino di 14 anni morto suicida nell’abitazione di famiglia a Earlfield, a sud della capitale inglese. Si è guardato in giro, ha spulciato fra i libri e i videogiochi del ragazzino e curiosato qua e là, mentre da un’altra parte Graham e Allison, i genitori, venivano aiutati da un team di psicologi a superare lo shock iniziale. Scene a cui il poliziotto era abituato, a tal punto da decidere di ingannare l’attesa nel più subdolo dei modi: ha preso lo smartphone della vittima, e con quello ha acquistato quattro film porno, spendendo 25,96 sterline, ovviamente attraverso l’account della famiglia Miller attivo su “Virgin Media”.

A insospettire il padre del ragazzino è stato l’arrivo dell’estratto conto della carta di credito, dove risultava l’acquisto di quattro film porno proprio nel giorno della morte del figlio. Dopo un primo istante, in cui ha pensato che fosse stato un acquisto del figlio, a raccontare la verità sono stati gli orari degli acquisti, effettuati tra le 23 e le 23:42, tutti successivi alla morte di Harry.

La famiglia Miller ha presentato un esposto, seguito da un’inchiesta interna dell’Indipendent Office for Police Conduct: Avi Maharaj, 44 anni, ha tentato di giustificarsi, falsificando addirittura gli orari sul registro delle presenze e affermando di essere andato via prima dell’ora in cui risultano gli acquisti. Ma alla fine ha ceduto, confessando tutto. 

Il giudice della Southwark Crown Court Deborah Taylor lo ha condannato a 12 mesi di reclusione per frode e truffa, oltre al licenziamento dal corpo di polizia. “Mentre i genitori del giovane venivano consolati altrove, lei aveva la responsabilità di custodire la casa fino all’arrivo dell’impresario delle pompe funebri per rimuovere il corpo. Ma invece di svolgere il compito con rispetto e professionalità, ha passato il suo tempo a indovinare la password dell’account e usarla per acquistare, scaricare e visualizzare quattro film pornografici. La famiglia era vulnerabile, traumatizzata dalla perdita del figlio, e si affidava a lei per custodire la loro casa. Le sue azioni li hanno condotti a una falsa comprensione delle ultime ore del figlio e hanno esacerbato notevolmente il loro dolore e la loro sofferenza: è stata una grossolana mancanza di decenza e di rispetto”.

Esteri
Olanda, i container per le torture
Olanda, i container per le torture
In coordinamento con la polizia europea, le forze dell’ordine olandesi hanno sgominato una banda che aveva attrezzato sei container per torturare
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Finito al centro di un’indagine internazionale per possesso di materiale pedopornografico pedofilia, all’ex ambasciatore ungherese in Perù vicino al presidente Orban è stato garantito un trattamento giudiziario di favore
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
L’immagine di Nadezhda Zhukova in costume fra i malati di Covid-19 aveva fatto il giro del mondo. Un’inchiesta l’ha scagionata e ore sogna di diventare medico, ma nel frattempo ha iniziato anche a posare per un marchio sportivo
GB: notte di sangue a Reading
GB: notte di sangue a Reading
Un uomo armato di coltello si è gettato sulla folla che sciamava dopo una manifestazione antirazzismo: prima di essere bloccato è riuscito a uccidere tre persone e ferirne altrettanto. Per la polizia non si tratta di terrorismo