Il primo rapporto sul rogo della Grenfell Tower

| Senza le gravi carenze dei vigili del fuoco, compresa la decisione di non sfollare il grattacielo, molte più persone si sarebbero potute salvare. Il primo rapporto sul rogo del grattacielo è un pesante atto d'accusa

+ Miei preferiti
È pesante e rischia di avere ripercussioni molto gravi, il primo rapporto sul terrificante incendio della “Grenfell Tower”, il rogo che la notte del 14 giugno 2017 inghiottì per intero i 24 piani del grattacielo di North Kensington, a Londra, uccidendo 72 persone.

Secondo l’indagine, che sarà divulgata nelle prossime ore ma anticipata da diversi quotidiani, molte più persone si sarebbero potute salvare se i Vigili del Fuoco di Londra non avessero dimostrato “gravi carenze” e fallimentari “protocolli di intervento”.

Il rapporto punta il dito contro Dany Cotton, il comandante della brigata accusato di “notevole insensibilità” dopo aver dichiarato di non essere pentito per le decisioni prese la notte del rogo. L’inchiesta era stata annunciata il giorno successivo all’incendio dall’allora primo ministro Theresa May, e da allora sono state raccolte le testimonianze di personale dei vigili del fuoco, testimoni e sopravvissuti.

Il rapporto contiene anche le valutazioni del presidente dell’inchiesta Sir Martin Moore-Bick, che conferma i sospetti: l’incendio fu provocato da un guasto elettrico in un frigorifero difettoso in un appartamento al quarto piano. Ma, precisa, la causa precisa dell’incendio è “importante anche per capire come il banale guasto di un comune elettrodomestico possa avere conseguenze così disastrose”. Moore-Bick identifica nel rivestimento in alluminio utilizzato in una ristrutturazione il “motivo principale” della rapida propagazione del fuoco. Sir Martin continua criticando la strategia dei Vigili del Fuoco di Londra, secondo la quale ai residenti è stato detto di rimanere all’interno degli appartamenti per quasi due ore: l’incendio è iniziato poco prima dell’una di notte e la decisione di evacuare è stata presa alle 2:47 del mattino. “Sarebbe dovuta essere presa molto prima, salvando molte più vite umane”.

All’inizio di ottobre, il London Fire Commissioner Dany Cotton ha ammesso che la scelta di non evacuare il palazzo non era adatta per un incendio disastroso come quello che si era sviluppato alla Grenfell Tower. In precedenza aveva difeso la scelta, affermando che la velocissima diffusione dell’incendio all’esterno dell’edificio era del tutto inaspettata, e fino a quel momento i vigili del fuoco avevano ragione di consigliare ai residenti di rimanere nelle loro case.

Il rapporto di Sir Martin elogia l’eroismo e il coraggio dei singoli vigili del fuoco, ma afferma anche che la preparazione e la pianificazione per un incendio come quello che distrusse Grenfell era “gravemente inadeguata”. Prende tempo il portavoce dei Vigili del Fuoco di Londra: “Sarebbe inopportuno commentare i risultati dell’inchiesta fino al momento della loro pubblicazione”.

Esteri
GB, le bollette dei Vip
GB, le bollette dei Vip
Un sito ha scandagliato le bollette di luce e gas di celebrità inglesi o con residenza nel Regno Unito. Al primo posto svetta la Regina, seguita a ruota da Elton John
Accusate di omicidio le sorelle che uccisero il padre per autodifesa
Accusate di omicidio le sorelle che uccisero il padre per autodifesa
Con una clamorosa inversione di tendenza, poco prima dell’inizio del processo per la morte violenta di Mikhail Khachaturyan, i giudici hanno scelto di non considerare la legittima difesa, tra le proteste dell’opinione pubblica russa
Il governo inglese finanzia un sito porno
Il governo inglese finanzia un sito porno
La società Killing Kittens, specializzata nei sex-party soprattutto lesbo, è entrata fra le 800 aziende che hanno ricevuto una sovvenzione per la crisi dovuta alla pandemia
GB: ex concorrente di X Factor condannato per stupro
GB: ex concorrente di X Factor condannato per stupro
Da più di vent’anni, Philip Blackwell di giorno era un tranquillo appassionato di musica, mentre di notte si trasformava in uno stupratore seriale
Condannato un ex militare delle SS
Condannato un ex militare delle SS
A 93 anni, è stato ritenuto colpevole di oltre 5.000 capi d’imputazione. Viveva ad Amburgo con la famiglia e il suo nome è saltato fuori per caso. Rappresenta uno degli ultimi processi della storia contro i criminali nazisti
Ferito il testimone chiave dell’omicidio di Caruana Galizia
Ferito il testimone chiave dell’omicidio di Caruana Galizia
Secondo i rilievi della polizia, l’ex autista considerato l’intermediario fra il mandante e i killer della reporter maltese, avrebbe tentato il suicidio poche ore prima di ricomparire in tribunale
Amsterdam, la rivoluzione del quartiere a luci rosse
Amsterdam, la rivoluzione del quartiere a luci rosse
Dopo i silenzi del lockdown, i residenti chiedono un giro di vite al caos perenne che pesa sull’antico De Wallen. Ma le prostitute si oppongono alla creazione di un “hotel del sesso”
Spagna, bloccato il derby "Sani contro Infetti"
Spagna, bloccato il derby "Sani contro Infetti"
L’incredibile vicenda è accaduta a Pamplona, in Spagna, su idea di un giovane di 23 anni, denunciato e multato dalle autorità
Suicida una campionessa di pattinaggio
Suicida una campionessa di pattinaggio
Ekaterina Alexandrovskaya, 20 anni, si è lanciata dalla finestra. Su un foglietto ha lasciato scritta una sola parola
Germania, tutti con il «Rambo» della Foresta Nera
Germania, tutti con il «Rambo» della Foresta Nera
Da giorni gli danno la caccia centinaia di agenti di polizia, ma conosce talmente bene la zona da sfuggire alla cattura. Sconosciuti i motivi della fuga