Il primo rapporto sul rogo della Grenfell Tower

| Senza le gravi carenze dei vigili del fuoco, compresa la decisione di non sfollare il grattacielo, molte più persone si sarebbero potute salvare. Il primo rapporto sul rogo del grattacielo è un pesante atto d'accusa

+ Miei preferiti
È pesante e rischia di avere ripercussioni molto gravi, il primo rapporto sul terrificante incendio della “Grenfell Tower”, il rogo che la notte del 14 giugno 2017 inghiottì per intero i 24 piani del grattacielo di North Kensington, a Londra, uccidendo 72 persone.

Secondo l’indagine, che sarà divulgata nelle prossime ore ma anticipata da diversi quotidiani, molte più persone si sarebbero potute salvare se i Vigili del Fuoco di Londra non avessero dimostrato “gravi carenze” e fallimentari “protocolli di intervento”.

Il rapporto punta il dito contro Dany Cotton, il comandante della brigata accusato di “notevole insensibilità” dopo aver dichiarato di non essere pentito per le decisioni prese la notte del rogo. L’inchiesta era stata annunciata il giorno successivo all’incendio dall’allora primo ministro Theresa May, e da allora sono state raccolte le testimonianze di personale dei vigili del fuoco, testimoni e sopravvissuti.

Il rapporto contiene anche le valutazioni del presidente dell’inchiesta Sir Martin Moore-Bick, che conferma i sospetti: l’incendio fu provocato da un guasto elettrico in un frigorifero difettoso in un appartamento al quarto piano. Ma, precisa, la causa precisa dell’incendio è “importante anche per capire come il banale guasto di un comune elettrodomestico possa avere conseguenze così disastrose”. Moore-Bick identifica nel rivestimento in alluminio utilizzato in una ristrutturazione il “motivo principale” della rapida propagazione del fuoco. Sir Martin continua criticando la strategia dei Vigili del Fuoco di Londra, secondo la quale ai residenti è stato detto di rimanere all’interno degli appartamenti per quasi due ore: l’incendio è iniziato poco prima dell’una di notte e la decisione di evacuare è stata presa alle 2:47 del mattino. “Sarebbe dovuta essere presa molto prima, salvando molte più vite umane”.

All’inizio di ottobre, il London Fire Commissioner Dany Cotton ha ammesso che la scelta di non evacuare il palazzo non era adatta per un incendio disastroso come quello che si era sviluppato alla Grenfell Tower. In precedenza aveva difeso la scelta, affermando che la velocissima diffusione dell’incendio all’esterno dell’edificio era del tutto inaspettata, e fino a quel momento i vigili del fuoco avevano ragione di consigliare ai residenti di rimanere nelle loro case.

Il rapporto di Sir Martin elogia l’eroismo e il coraggio dei singoli vigili del fuoco, ma afferma anche che la preparazione e la pianificazione per un incendio come quello che distrusse Grenfell era “gravemente inadeguata”. Prende tempo il portavoce dei Vigili del Fuoco di Londra: “Sarebbe inopportuno commentare i risultati dell’inchiesta fino al momento della loro pubblicazione”.

Esteri
GB, polemiche per la pedofila graziata
GB, polemiche per la pedofila graziata
Monica McCanch, condannata nel 2007 per abusi su minori e uscita di galera, ha ottenuto la revoca del divieto di avere contatti con minori di 16 anni. Secondo il tribunale non sarebbe più un soggetto a rischio
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Cosimo Chionna, su cui pensava un mandato di cattura internazionale, è accusato di oltre 160 stupri in 14 anni
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Polemiche e proteste per la decisione di alcuni istituti superiori di adottare t-shirt consegnate all’ingresso delle scuole alle studentesse con abiti provocanti o succinti