Il primo rapporto sul rogo della Grenfell Tower

| Senza le gravi carenze dei vigili del fuoco, compresa la decisione di non sfollare il grattacielo, molte più persone si sarebbero potute salvare. Il primo rapporto sul rogo del grattacielo è un pesante atto d'accusa

+ Miei preferiti
È pesante e rischia di avere ripercussioni molto gravi, il primo rapporto sul terrificante incendio della “Grenfell Tower”, il rogo che la notte del 14 giugno 2017 inghiottì per intero i 24 piani del grattacielo di North Kensington, a Londra, uccidendo 72 persone.

Secondo l’indagine, che sarà divulgata nelle prossime ore ma anticipata da diversi quotidiani, molte più persone si sarebbero potute salvare se i Vigili del Fuoco di Londra non avessero dimostrato “gravi carenze” e fallimentari “protocolli di intervento”.

Il rapporto punta il dito contro Dany Cotton, il comandante della brigata accusato di “notevole insensibilità” dopo aver dichiarato di non essere pentito per le decisioni prese la notte del rogo. L’inchiesta era stata annunciata il giorno successivo all’incendio dall’allora primo ministro Theresa May, e da allora sono state raccolte le testimonianze di personale dei vigili del fuoco, testimoni e sopravvissuti.

Il rapporto contiene anche le valutazioni del presidente dell’inchiesta Sir Martin Moore-Bick, che conferma i sospetti: l’incendio fu provocato da un guasto elettrico in un frigorifero difettoso in un appartamento al quarto piano. Ma, precisa, la causa precisa dell’incendio è “importante anche per capire come il banale guasto di un comune elettrodomestico possa avere conseguenze così disastrose”. Moore-Bick identifica nel rivestimento in alluminio utilizzato in una ristrutturazione il “motivo principale” della rapida propagazione del fuoco. Sir Martin continua criticando la strategia dei Vigili del Fuoco di Londra, secondo la quale ai residenti è stato detto di rimanere all’interno degli appartamenti per quasi due ore: l’incendio è iniziato poco prima dell’una di notte e la decisione di evacuare è stata presa alle 2:47 del mattino. “Sarebbe dovuta essere presa molto prima, salvando molte più vite umane”.

All’inizio di ottobre, il London Fire Commissioner Dany Cotton ha ammesso che la scelta di non evacuare il palazzo non era adatta per un incendio disastroso come quello che si era sviluppato alla Grenfell Tower. In precedenza aveva difeso la scelta, affermando che la velocissima diffusione dell’incendio all’esterno dell’edificio era del tutto inaspettata, e fino a quel momento i vigili del fuoco avevano ragione di consigliare ai residenti di rimanere nelle loro case.

Il rapporto di Sir Martin elogia l’eroismo e il coraggio dei singoli vigili del fuoco, ma afferma anche che la preparazione e la pianificazione per un incendio come quello che distrusse Grenfell era “gravemente inadeguata”. Prende tempo il portavoce dei Vigili del Fuoco di Londra: “Sarebbe inopportuno commentare i risultati dell’inchiesta fino al momento della loro pubblicazione”.

Esteri
Animatore di feste per bambini condannato per stupro
Animatore di feste per bambini condannato per stupro
Fra i bambini dello Yorkshire “Bobby Brown” era una celebrità: richiestissimo, lavorava da anni a feste e compleanni. Ma una donna l’ha denunciato perché quando aveva 13 anni era stata violentata
Sanna Marin, la premier più giovane del mondo
Sanna Marin, la premier più giovane del mondo
Dovrebbe entrare in carica questa settimana una giovane 34enne entrata in politica per rendere la Finlandia un posto ancora migliore di quanto non lo sia già adesso
Coppia si toglie la vita in un AirBnB
Coppia si toglie la vita in un AirBnB
Avevano 28 e 24 anni, pare si fossero conosciuti sul web e deciso di farla finita insieme. Li hanno trovati senza vita in un alloggio di una località scozzese
Trump, confusione al vertice Nato
Trump, confusione al vertice Nato
Buckingham Palace alle prese con lo scottante “affaire Andrew”, la Casa Bianca con l’approvazione del rapporto dell’intelligence che preclude la stesura della messa in stato d’accusa. Tensioni anche con Macron
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit
Dopo aver pesantemente insultato Boris Johnson, il celebre attore da giorni è impegnato in un door to door per invitare i suoi concittadini al voto per scongiurare l’uscita dalla UE
Con la Brexit sarà più difficile viaggiare in UK
Con la Brexit sarà più difficile viaggiare in UK
Le nuove norme dettate dall’impaziente Boris Johnson, ormai certo di ottenere la maggioranza alle prossime elezioni che gli permetterà di concludere l’uscita dalla UE
Malta, il premier Muscat pronto alle dimissioni
Malta, il premier Muscat pronto alle dimissioni
Avrebbe voluto resistere altri 6-8 mesi, ma le pieghe dell’inchiesta sull’omicidio della giornalista hanno convinto il premier a fare un passo indietro
Toronto: arrestato il lanciatore di escrementi
Toronto: arrestato il lanciatore di escrementi
Da giorni aveva preso di mira gli studenti universitari: li avvicinava e dopo aver sorriso li investiva con gli escrementi che trasportava in un secchio
Le grandi manovre di Buckingham Palace
Le grandi manovre di Buckingham Palace
Allo scoccare del 95esimo compleanno, la regina Elisabetta sarebbe pronta a nominare Charles “Principe Reggente”: un’abdicazione a metà, visto che lei resterebbe comunque la sovrana
Pilota muore in volo, l’aereo costretto ad un atterraggio di emergenza
Pilota muore in volo, l’aereo costretto ad un atterraggio di emergenza
È successo in Russia, a bordo di un volo dell’Aeroflot partito da Mosca: il rientro a terra pochi minuti dopo il decollo per consentire le cure, ma per il pilota non e’era più nulla da fare