Il primo sciopero della British Airways

| Oggi e domani restano a terra 1.700 voli e 300mila passeggeri, che secondo la compagnia hanno trovato soluzioni alternative. Alla base della protesta rivendicazioni sindacali ed economiche

+ Miei preferiti
A modo suo ha qualcosa di epocale: quello scattato alla mezzanotte della notte scorsa è il primo sciopero nella lunga storia della “British Airways”, la compagnia di bandiera del Regno Unito nata nel 1971 dalla fusione di diverse società aeree e con sede all’aeroporto Heathrow di Londra.

All’agitazione, prevista per lunedì e martedì, partecipano i 4.300 piloti della compagnia aerea e lascia presagire enormi fastidi per 300mila passeggeri, con 1.700 voli destinati a rimanere a terra e una stima di perdita in 40 milioni di sterline al giorno. Con una lieve sfumatura polemica, la BA ha annunciato che, visto il grande anticipo con cui i due giorni sono stati annunciati, saranno pochi disagi per i passeggeri, che hanno ottenuto i rimborsi scegliendo compagnie alternative.

Una prima volta che perfino il premier Boris Johnson, alle prese con i fastidi parlamentari e la questione “Brexit”, aveva tentato di scongiurare con un tavolo di trattative, ma inutilmente. Per tutta risposta, la “BA” ha minacciato di eliminare il pacchetto di viaggi gratuiti per le famiglie dei piloti.

A mettere in agitazione la “Balta”, l’associazione di categoria che riunisce i piloti, sarebbe l’incremento dei salari dell’11,5% diluito in tre anni proposto dalla compagnia, che porterebbe lo stipendio dei responsabili dei voli a 220mila euro annui. Il sindacato replica a muso duro che a rimetterci sono però i copiloti e altri profili professionali, molto svantaggiati. Tutto questo a fronte di un momento di grande espansione della compagnia, tornata a imporsi sui voli internazionali come una delle principali scelte dei viaggiatori, a tutto vantaggio delle casse aziendali.

Già fissata un’altra giornata di sciopero per il 27 settembre e la minaccia di fermo anche durante le prossime vacanze natalizie. 

Esteri
Irlanda, sesta notte di proteste
Irlanda, sesta notte di proteste
Elementi infiltrati hanno alzato il livello degli scontri, mettendo a ferro e fuoco Belfast: un autobus dato alle fiamme e scontri violenza con la polizia sono proseguiti per tutta la notte
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi
Francia, smantellata la banda dei Lego
Francia, smantellata la banda dei Lego
Studiavano nei dettagli i negozi e magazzini da colpire, poi rivendevano i mattoncini sul mercato nero, dove pare siano richiestissimi
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Alla sua prima uscita pubblica dal castello di Windsor, la regina rende omaggio all’aviazione militare australiana. Un cenno verso un Paese che continua a chiedersi che senso ha avere una monarca così distante
Il #MeToo degli studenti inglesi
Il #MeToo degli studenti inglesi
Un sito per segnalazioni anonime ha registrato oltre 7.000 di stupri, violenze e bullismo, scoperchiando un realtà preoccupante su cui adesso tutti vogliono vederci chiaro
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Nei quattro anni di relazione clandestina (in realtà alla luce del sole) con l’allora sindaco di Londra, l’imprenditrice americana avrebbe ricevuto favori e contratti. Un’indagine vuole fare chiarezza, e Jonshon rischia grosso
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
Manifestazioni in tutto il Paese per un pacchetto di misure che sulla carta avrebbero dovuto trasformare ila Francia in un esempio, e che invece son o state riviste e scorrette per non scontentare i poteri forti
Peggiorano le condizioni di Navalny
Peggiorano le condizioni di Navalny
I suoi legali denunciano che l’ex dissidente accusa crescenti problemi di salute. Secondo qualcuno sarebbe ricoverato in ospedale, ma le autorità russe vietato a chiunque di avvicinarlo
Australia, i video hard dei parlamentari
Australia, i video hard dei parlamentari
Trema il governo di Scott Morrison, alle prese con il terzo caso di abusi sessuali nel giro di poche settimane. Questa volta sono emersi video e foto che mostrano i dipendenti mentre hanno rapporti sessuali negli uffici dei vari ministri
La bomba che ha ucciso la giornalista maltese fabbricata in Sicilia
La bomba che ha ucciso la giornalista maltese fabbricata in Sicilia
I 500grammi di esplosivo che hanno fatto saltare in aria l'auto di Daphne Caruana Galizia sarebbero stati preparati in Sicilia. È la rivelazione di un pentito, che conferma gli stretti legami fra la mafia maltese e quella siciliana