Il primo sciopero della British Airways

| Oggi e domani restano a terra 1.700 voli e 300mila passeggeri, che secondo la compagnia hanno trovato soluzioni alternative. Alla base della protesta rivendicazioni sindacali ed economiche

+ Miei preferiti
A modo suo ha qualcosa di epocale: quello scattato alla mezzanotte della notte scorsa è il primo sciopero nella lunga storia della “British Airways”, la compagnia di bandiera del Regno Unito nata nel 1971 dalla fusione di diverse società aeree e con sede all’aeroporto Heathrow di Londra.

All’agitazione, prevista per lunedì e martedì, partecipano i 4.300 piloti della compagnia aerea e lascia presagire enormi fastidi per 300mila passeggeri, con 1.700 voli destinati a rimanere a terra e una stima di perdita in 40 milioni di sterline al giorno. Con una lieve sfumatura polemica, la BA ha annunciato che, visto il grande anticipo con cui i due giorni sono stati annunciati, saranno pochi disagi per i passeggeri, che hanno ottenuto i rimborsi scegliendo compagnie alternative.

Una prima volta che perfino il premier Boris Johnson, alle prese con i fastidi parlamentari e la questione “Brexit”, aveva tentato di scongiurare con un tavolo di trattative, ma inutilmente. Per tutta risposta, la “BA” ha minacciato di eliminare il pacchetto di viaggi gratuiti per le famiglie dei piloti.

A mettere in agitazione la “Balta”, l’associazione di categoria che riunisce i piloti, sarebbe l’incremento dei salari dell’11,5% diluito in tre anni proposto dalla compagnia, che porterebbe lo stipendio dei responsabili dei voli a 220mila euro annui. Il sindacato replica a muso duro che a rimetterci sono però i copiloti e altri profili professionali, molto svantaggiati. Tutto questo a fronte di un momento di grande espansione della compagnia, tornata a imporsi sui voli internazionali come una delle principali scelte dei viaggiatori, a tutto vantaggio delle casse aziendali.

Già fissata un’altra giornata di sciopero per il 27 settembre e la minaccia di fermo anche durante le prossime vacanze natalizie. 

Esteri
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Polemiche e proteste per la decisione di alcuni istituti superiori di adottare t-shirt consegnate all’ingresso delle scuole alle studentesse con abiti provocanti o succinti
Navalny: «Putin mi voleva morto»
Navalny: «Putin mi voleva morto»
“C’è lui dietro al mio avvelenamento”: la pesante accusa lanciata dal dissidente russo in un’intervista in cui ribadisce di voler tornare al suo posto in Russia
La scomoda verità delle spettacolari residenze inglesi
La scomoda verità delle spettacolari residenze inglesi
Dietro la bellezza a volte fiabesca di palazzi immersi nel verde, si nasconde il risvolto meno conosciuto dell’impero britannico, fra schiavitù e colonialismo. Luoghi che il “National Trust” ha censito, scatenando le polemiche