Il ritorno di BoJo

| Dopo aver combattuto in prima persona contro il coronavirus, il premier torna ai posti di comando mettendo in guardia il Paese: “Non è il momento di allentare le misure di contenimento”

+ Miei preferiti
Dell’allegro guascone spettinato che quasi sorrideva di fronte ai rischi della pandemia, a parte la zazzera ribelle è rimasto quasi nulla: Boris Johnson sembra aver imparato la lezione. Tornato al suo posto al numero 10 di Downing Street dopo la convalescenza per lo stesso virus che non sembrava preoccuparlo, ha messo in guardia il Paese sui rischi di un troppo veloce allentamento delle restrizioni.

Ci sono, a suo parere, segnali reali che il Paese sia vicino all’obiettivo di sconfiggere la prima battaglia contro la guerra al Covid-19 che nel Regno Unito ha ucciso più di 20.000 persone. Ma da scampato alla morte ha anche ammonito tutti: “Siamo in un momento di massimo rischio” che potrebbe sfociare in una seconda epidemia. Per questo, le restrizioni che tanto pesano sulla società anglosassone restano in vigore e immutate almeno fino al 7 maggio, quando il pacchetto della Fase 2 sarà riesaminato.

Pillole di saggezza che non hanno impedito a Johnson di restare al centro di aspre critiche per la corrente alternata con cui è stata gestita la malattia, con particolari attenzioni alle primissime fasi, quando BoJo stupiva il mondo parlando di “immunità di gregge” mentre la comunità medica inglese in preda al terrore chiedeva dispositivi protettivi per gli operatori sanitari e un deciso aumento dei test in tutto il Paese. Anche a questo, indirettamente, il premier ha risposto affermando che le misure di contenimento adottate sono riuscite a impedire che il Servizio Sanitario Nazionale venisse sopraffatto. “Proprio per questo, mi rifiuto di sacrificare tutti gli sforzi del popolo britannico rischiando una seconda ondata di contagi”. Quindi, anche per rispondere ad altre critiche sulla poca condivisione da parte del governo, ha promesso che “le decisioni su quando e come limitare l’isolamento saranno prese con la massima trasparenza possibile”.

Johnson ha anche ringraziato il primo segretario di Stato e il ministro degli Esteri Dominic Raab per averlo sostituito durante la malattia: “Mi spiace essere stato costretto ad allontanarmi dalla mia scrivania per molto più tempo di quanto avrei voluto”. In compenso, ricordano in tanti, avrà poco tempo per riposare: il suo governo si è posto l’ambizioso obiettivo di testare 100.000 persone al giorno entro il 30 aprile. Il premier dovrà anche decidere quando allentare le restrizioni sociali, come uscire dall’isolamento e prepararsi ai probabili picchi futuri del virus.

Esteri
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare
L’anno difficile di Elisabetta
L’anno difficile di Elisabetta
Una donna sola al comando: più volte nel corso del 2020, la regina ha affrontato questioni pubbliche e scossoni privati. Mai in affanno o sopra le righe, continua a guidare il Paese durante la Brexit e la pandemia come solo lei sa fare
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
Da tre giorni fermi con i loro tir, hanno tentato di forzare un blocco della polizia inglese. La Francia ha annunciato la riapertura delle frontiere, ma l’obbligo di test e tamponi allunga i tempi