Jamie Oliver cambia casa

| A meno di due mesi dal clamoroso crack finanziario che ha decretato la fine dell’impero gastronomico, lo chef inglese si trasferisce in una tenuta principesca costata 6 milioni di sterline. Una scelta che non è piaciuta

+ Miei preferiti
Non è piaciuta molto la decisione di Jamie Oliver, il celebre chef inglese a capo di un impero che lo scorso maggio è finito in amministrazione controllata dopo una perdita pari a oltre 100 milioni di sterline. Un crack che ha fatto il giro del mondo, lasciando a piedi oltre 1.300 dipendenti dell’impero di Jamie. Ma passata la bufera, Jamie Oliver e famiglia hanno deciso di trovare consolazione trasferendosi in una nuova residenza per cui – a due mesi dal crollo - ha sborsato 6 milioni di sterline. Il celebre chef e la sua famiglia si sono trasferiti nell’impressionante proprietà Tudor nell’Essex, una delle sue due multimilionarie residenze: una villa del XVI secolo con sei camere da letto e circondata da una tenuta di una trentina di ettari disseminata da fontane. Era stato lo stesso chef ad avviare gli imponenti lavori di ristrutturazione, per trasformare le antiche scuderie in studi attrezzati per registrare i suoi celebri programmi televisivi e ospitare le sue masterclass di cucina. La coppia ha cinque figli (Poppy, 17 anni, Daisy, 16, Petal, 10, Buddy Bear, 8, e River di 2).

Il trasloco ha suscitato feroci polemiche, con Jamie accusato di insensibilità e menefreghismo di fronte alle migliaia di persone rimaste senza lavoro, riprese più volte dai giornali in lacrime mentre chiudeva per l’ultima volta i ristoranti della catena. Jamie Oliver aveva commentato la situazione “Un momento difficile per tutti. Sono profondamente rattristato da tutto questo e vorrei ringraziare tutto il personale e i nostri che da oltre un decennio si dedicano a questa attività con il cuore e l’anima. Vorrei anche ringraziare tutti i clienti che ci hanno apprezzato e sostenuto: è stato un vero piacere servirvi”.

Solo tre ristoranti rimarranno aperti, ambedue all’interno del’aerporto di Gatwick, a fronte dei 22 di cui è stata confermata la chiusura. Oliver ha aperto il suo primo “Jamie’s Italian” nel 2008, iniziando un’espansione che ha toccato tutto il Regno Unito, ma lo scorso anno è emerso che lo chef era in debito di 2,2 milioni di sterline con il personale ed era in debito con le tasse di di 71,5 milioni di sterline. “Jamie’s Italian” ha chiuso 12 dei suoi 37 locali come parte di un accordo volontario, mentre la catena di steakhouse “Barbecoa” è entrata in amministrazione controllata.

Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente