Jihadi Jack, il terrorista di Oxford

| Cresce il club degli foreign fighters che vorrebbero tornare a casa come se nulla fosse: ora è il turno di un giovane di Oxford partito per la Siria e pentito

+ Miei preferiti
Gli mancano tanto la mamma, i “pasties”, il tipico pasticcio di carne all’inglese, e “Doctor Who”, di cui era un grande appassionato. Eccone un altro: dopo Sharmeena Begun, partita a 15 anni per unirsi all’Isis che ora vorrebbe tornare in Inghilterra, si fa avanti anche “Jihadi Jack”, un altro fan dello stato islamico, fuggito dalla Gran Bretagna per combattere e punire gli infedeli. Jack Letts, questo il suo vero nome, ha 23 anni e da due anni è rinchiuso in una prigione curda per terrorismo. Ex studente di Oxford, nelle file dell’Isis ha scelto il nome di Abu Mohammed sposando una donna irachena che ha dato alla luce un figlio. Jack si era convertito all’Islam mentre frequentava le superiori e a 18 anni ha scelto di fuggire in Giordania. Era poco più di un adolescente, e da cinque anni non vede i suoi genitori. Sostiene di essere stato catturato dopo essere riuscito a fuggire dall’Isis quando ha aperto gli occhi sulla realtà del gruppo terroristico. Secondo la sua famiglia Jack desiderava raggiugere la Siria spinto da ideali umanitari, ma non avrebbe mai aver preso parte ad alcun combattimento. Eppure, durante l’intervista che ha rilasciato da poco, ha ammesso di aver provato gioia quando ha sentito la notizia degli attacchi terroristici che nel 2015 hanno messo a ferro e fuoco Parigi. “All’epoca ho pensato che fosse una cosa buona: vivevo a Raqqqa e ogni cinque minuti passava qualche aereo per bombardarci: ho visto bambini bruciati vivi. È lì che sviluppi la rabbia e ti chiedi perché non dovrebbe succedere anche a loro?”. Ma da allora si sente cambiato, perché “ha capito che le vittime innocenti non avevano nulla a che fare con quello che vedevo. Mi sento britannico, sono britannico. Se il Regno Unito mi accettasse tornerei volentieri, ma non credo che questo accadrà. Mi mancano le persone, mi manca mia madre, che non vedo da cinque anni e non sento da due. Mi manca la sua cucina, la televisione, una vita normale”. I suoi genitori, John Letts e Sally Lane, sono in attesa di giudizio, devono rispondere dell’accusa di finanziamento al terrorismo per aver inviato denaro al figlio.

Il caso di Jihadi Jack arriva ad un giorno di distanza dalla decisione del Ministero degli Interni di revocare la cittadinanza britannica a Sharmeena Begun, una delle tre studentesse che nel 2015 hanno lasciato il Regno Unito per unirsi al culto del terrore. La famiglia della ragazza promette battaglia: “Non possiamo assistere inermi alla decisione di togliere l’unica speranza per riabilitare nostra figlia: la sua cittadinanza britannica”.

Galleria fotografica
Jihadi Jack, il terrorista di Oxford - immagine 1
Jihadi Jack, il terrorista di Oxford - immagine 2
Esteri
Berlino, arrivano i sexbox
Berlino, arrivano i sexbox
In una parte del Tempelhof, l’immensa area dove sorgeva l’ex aeroporto cittadino, la capitale tedesca sta discutendo se attrezzare delle cabine per le prostitute e i loro clienti
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I servizi segreti francesi avrebbero raggiunto un accordo segreto con gli iracheni: 2 milioni di dollari per ogni jihadista transalpino eliminato
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Una 15enne sequestrata da un balordo riesce ad avvisare le forze dell’ordine, ma dopo una telefonata surreale le pattuglie arrivano sul posto soltanto 19 ore dopo: troppo tardi
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Il padre ha deciso di non sottoporre le due gemelline siamesi che dividono parecchi organi ad un rischioso intervento di separazione. Quando sarà ora, se ne andranno così come sono nate
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
In Libano, una campagna per mettere a tacere un gruppo indie rock ha galvanizzato l’estrema destra cristiana del Paese. Un loro concerto è stato cancellato per le minacce “di una strage” giunte agli organizzatori
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
È un’ipotesi lanciata da tanti, convinti che la promessa di una Brexit dura possa avere conseguenze impensabili sugli abitanti del Regno Unito, sempre meno uniti
UK, condannato un sacerdote pedofilo
UK, condannato un sacerdote pedofilo
Si è chiuso con una condanna a 18 anni il terzo processo contro Michael Higginbottom, ex sacerdote di un prestigioso seminario inglese dove avrebbe abusato di due ragazzi
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Un trasportatore pregiudicato si è tranquillamente avvicinato a George, Charlotte e Louis, figli di William e Kate, scambiando qualche parola con il più grande. Una bufera che sta rimettendo in discussione tutto l’apparato di sicurezza
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
L’incredibile vicenda giudiziaria di un ex infermiere che ha accusato decine di personaggi di spicco del Regno Unito di far parte di una rete di pedofili. Per poi scoprire che l’unico pedofilo era lui
Arrestato l’ex convivente di George Michael
Arrestato l’ex convivente di George Michael
Da giorni aveva iniziato una sistematica demolizione della lussuosa residenza, la più amata dall’artista. I vicini di casa hanno allertato la polizia