Jihadi Jack, il terrorista di Oxford

| Cresce il club degli foreign fighters che vorrebbero tornare a casa come se nulla fosse: ora è il turno di un giovane di Oxford partito per la Siria e pentito

+ Miei preferiti
Gli mancano tanto la mamma, i “pasties”, il tipico pasticcio di carne all’inglese, e “Doctor Who”, di cui era un grande appassionato. Eccone un altro: dopo Sharmeena Begun, partita a 15 anni per unirsi all’Isis che ora vorrebbe tornare in Inghilterra, si fa avanti anche “Jihadi Jack”, un altro fan dello stato islamico, fuggito dalla Gran Bretagna per combattere e punire gli infedeli. Jack Letts, questo il suo vero nome, ha 23 anni e da due anni è rinchiuso in una prigione curda per terrorismo. Ex studente di Oxford, nelle file dell’Isis ha scelto il nome di Abu Mohammed sposando una donna irachena che ha dato alla luce un figlio. Jack si era convertito all’Islam mentre frequentava le superiori e a 18 anni ha scelto di fuggire in Giordania. Era poco più di un adolescente, e da cinque anni non vede i suoi genitori. Sostiene di essere stato catturato dopo essere riuscito a fuggire dall’Isis quando ha aperto gli occhi sulla realtà del gruppo terroristico. Secondo la sua famiglia Jack desiderava raggiugere la Siria spinto da ideali umanitari, ma non avrebbe mai aver preso parte ad alcun combattimento. Eppure, durante l’intervista che ha rilasciato da poco, ha ammesso di aver provato gioia quando ha sentito la notizia degli attacchi terroristici che nel 2015 hanno messo a ferro e fuoco Parigi. “All’epoca ho pensato che fosse una cosa buona: vivevo a Raqqqa e ogni cinque minuti passava qualche aereo per bombardarci: ho visto bambini bruciati vivi. È lì che sviluppi la rabbia e ti chiedi perché non dovrebbe succedere anche a loro?”. Ma da allora si sente cambiato, perché “ha capito che le vittime innocenti non avevano nulla a che fare con quello che vedevo. Mi sento britannico, sono britannico. Se il Regno Unito mi accettasse tornerei volentieri, ma non credo che questo accadrà. Mi mancano le persone, mi manca mia madre, che non vedo da cinque anni e non sento da due. Mi manca la sua cucina, la televisione, una vita normale”. I suoi genitori, John Letts e Sally Lane, sono in attesa di giudizio, devono rispondere dell’accusa di finanziamento al terrorismo per aver inviato denaro al figlio.

Il caso di Jihadi Jack arriva ad un giorno di distanza dalla decisione del Ministero degli Interni di revocare la cittadinanza britannica a Sharmeena Begun, una delle tre studentesse che nel 2015 hanno lasciato il Regno Unito per unirsi al culto del terrore. La famiglia della ragazza promette battaglia: “Non possiamo assistere inermi alla decisione di togliere l’unica speranza per riabilitare nostra figlia: la sua cittadinanza britannica”.

Galleria fotografica
Jihadi Jack, il terrorista di Oxford - immagine 1
Jihadi Jack, il terrorista di Oxford - immagine 2
Esteri
Il Duca di Kent coinvolto in un incidente
Il Duca di Kent coinvolto in un incidente
Dopo il principe Filippo, il cugino della regina Edward, 82 anni, sembra sia la causa di un incidente che ha coinvolto una studentessa
Olanda, nei bancomat le foto dei bimbi scomparsi
Olanda, nei bancomat le foto dei bimbi scomparsi
Per adesso si limitano agli sportelli bancari di zone di grande traffico, ma la speranza è di arrivare a coprire tutti quelli presenti nei Paesi Bassi
Spagna, incidente in una giostra: 28 feriti
Spagna, incidente in una giostra: 28 feriti
Si stacca una fila di sedili da un “tagadà” e gli occupanti volano fuori: aperta un’inchiesta per verificare eventuali responsabilità
Mangia spaghetti, e diventi gay
Mangia spaghetti, e diventi gay
Lo ha affermato il sindaco di una città indonesiana nel corso di un convegno sulla gravidanza. Una teoria sommersa dalle risate dei social
Bomba in un golf club di Belfast
Bomba in un golf club di Belfast
È stata individuata per tempo e disinnescata: doveva colpire un agente di polizia in servizio durante un torneo di golf
Vorrei la pelle bianca
Vorrei la pelle bianca
Per cercare di evitare gli episodi di bullismo di cui sono vittime, tanti piccoli inglesi chiedono alle famiglie dei trattamenti per rendere la pelle più cara. L’allarme lanciato da un’associazione: il razzismo è sempre più diffuso
I figli del silenzio
I figli del silenzio
Migliaia di bambini nati da rapporti fra sacerdoti, suore e donne laiche, educati nel silenzio, mai riconosciuti, costretti a vivere a metà. Ora qualcosa si muove: il 13 giugno in 50 incontreranno i vescovi francesi per parlarne
Vincent per ora è salvo
Vincent per ora è salvo
La Corte d’Appello di Parigi ha ordinato di proseguire nei trattamenti che tengono in vita l’uomo, accogliendo il ricordo d’urgenza presentato dai genitori
Sei pompieri di Parigi stuprano una studentessa
Sei pompieri di Parigi stuprano una studentessa
Da eroi di Notre-Dame ad accusati di violenza carnale da una giovane norvegese che ha raccontato di essere stata violentata in caserma da sei o sette uomini
La storia di un cinico egoista
La storia di un cinico egoista
Dimitry Khlebushkin era fra i passeggeri dell’aereo che ha preso fuoco a Mosca, costato la vita a 41 persone: prima di scendere ha preteso di prendere il proprio zaino, condannando altri alla morte