Kelly vuole morire

| Ha solo 23 anni e una vita normale, ma si sente brutta e non sopporta la propria immagine allo specchio al punto da aver chiesto il suicidio assistito. E il Belgio si divide, fra numeri crescenti di ricorre alla “dolce morte”

+ Miei preferiti
Kelly è una ragazza belga di Lovanio, nelle Fiandre: ha 23 anni, un fidanzato, delle amicizie e delle passioni. Ma non si sopporta: “Quando mi guardo allo specchio vedo un mostro”, ha dichiarato in un’intervista al “Daily Mail” che ha scioccato e diviso in due il Belgio, perché Kelly ha chiesto di morire. Vuole sottoporsi all’eutanasia, in un modo così lucido e cosciente da mettere i brividi: “Non sentirò alcun dolore: è come andare a dormire e per una volta addormentarsi subito, senza aspettare che il sonno arrivi”.

La giovane, in cura da diversi psicologi, soffre di un disturbo della personalità definito “crippling shyness” - timidezza paralizzante - che porta chi ne è affetto ad atti di autolesionismo, disturbi alimentari e tentativi di suicidio. Esattamente quello che Kelly ha già fatto, tempo fa.

Il problema - che taglia in due il paese - è che il suicidio assistito è perfettamente legale dal 2002, anche se la legge tende ad escludere i problemi psicologici fra i casi che possono accedere all’eutanasia. Kelly ne sarebbe fuori, ma non del tutto, visti i 113 precedenti di persone affette da problemi psichiatrici che hanno chiesto e ottenuto di poter morire. C’è un caso su tutti, che in Belgio nel 2012 ha riempito le cronache per mesi: la vicenda di Godelieva De Troyer, una 65enne affetta da forte depressione che si è affidata alle iniezioni letali del dottor Wim Distelmans. Fa il paio con la storia della giovane olandese Noa Pothoven, 17enne che dopo tre stupri ha ottenuto il via libera per farla finita.

C’è di mezzo una battaglia che affonda nei numeri: dai 235 casi di “dolce morte” del 2003 si è passati a numeri preoccupanti, con 1000 nel 2011 e 2350 lo scorso anno.

Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente