La Cina rialza la testa

| Malgrado tanti restano in isolamento, la città di Wuhan sembra uscita dal peggio e i funzionari cinesi attaccano gli Stati Uniti, pretendendo la riconoscenza perché il sacrificio di milioni di persone ha reso meno peggiore il contagio

+ Miei preferiti
Dopo essersi almeno in parte cosparsa il capo di cenere per il disastro causato nel mondo con il coronavirus, la Cina si gode quella che sembra la prima, piena vittoria su un’epidemia comunque destinata alla storia.

Attraverso le parole di Wang Zhonglin, capo del partito comunista di Wuhan, la capitale della provincia di Hubei epicentro del virus, la popolazione della città – la gran parte della quale rimane in isolamento – sembra non essere abbastanza riconoscente. “È necessario educare alla gratitudine i cittadini e ringraziare il presidente Xi Jinping e il Partito comunista cinese”. Frasi che hanno scatenato critiche online, e per lo più cancellati dalla censura, anche se su alcuni media statali rimangono visibili. Eppure, se Wang sembra essersi spinto troppo in là, creando grattacapi alle pubbliche relazioni di Pechino, il sentimento che tentava di esprimere è comunque ampiamente condiviso. Mentre il coronavirus si diffonde in tutto il mondo, la Cina si è fatta sempre più sentire per quella che sembra essere una mancanza di apprezzamento per i suoi sforzi di contenere l’epidemia ed evitare che la crisi fosse ancora peggiore.

I primi casi del virus sono stati segnalati a Wuhan alla fine dello scorso anno, e da allora la Cina ha sostenuto il peso dell’epidemia con quasi tre quarti degli oltre 110mila casi globali confermati, più di 3.000 morti e milioni di persone in isolamento. Sforzi di contenimento che sembrano aver avuto successo, con il numero di nuovi casi che nelle ultime settimane ha subito un brusco rallentamento.

Sottolineando i risultati, Xi stesso è arrivato a Wuhan per un giro d’ispezione, il primo dall’inizio della crisi. I media statali e gli alti funzionari respingono con forza le critiche sulla gestione del virus da parte di Pechino. “Nei suoi sforzi per combattere l’epidemia, la Cina si è comportata come un Paese altamente responsabile - ha detto la scorsa settimana il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian – la forza, l’efficienza e la velocità in questa lotta è stata ampiamente riconosciuta. Per proteggere la salute e la sicurezza delle persone in tutto il mondo, il popolo cinese ha fatto enormi sacrifici e ha dato un grande contributo”.

Zhao ha ricordato la pandemia della suina del 2009, “scoppiata negli Stati Uniti” prima di diffondersi in centinaia di altri Paesi e uccidere migliaia di persone: “Non ricordo che nessuno abbia chiesto agli Stati Uniti di scusarsi”.

Il “Global Times”, un tabloid di proprietà statale, ha accusato il segretario di Stato americano Mike Pompeo di aver tentato di “scaricare la responsabilità” sulla Cina, criticando la gestione del virus da parte di Pechino. “Come capo della diplomazia statunitense, Pompeo ha insistito nel parlare del ‘virus Wuhan’ malgrado l’opposizione dell’OMS e dell’opinione pubblica internazionale, nel tentativo di suscitare risentimento contro la Cina tra i Paesi colpiti. La mossa di Pompeo non solo espone le malvagie intenzioni degli Stati Uniti nei confronti della Cina senza riguardo per il buon senso, ma segna anche un nuovo minimo nella sua condotta personale”.

La scorsa settimana, Pompeo ha riferito che è stato “incredibilmente frustrante” lavorare con il governo cinese per ottenere dati sul coronavirus: “l’unica soluzione per ottenere il vaccino”. Ha accusato la risposta iniziale al virus, durante la quale i funzionari cinesi sembravano minimizzare la gravità, e di aver preso tempo per escogitare una risposta.

Esteri
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare
L’anno difficile di Elisabetta
L’anno difficile di Elisabetta
Una donna sola al comando: più volte nel corso del 2020, la regina ha affrontato questioni pubbliche e scossoni privati. Mai in affanno o sopra le righe, continua a guidare il Paese durante la Brexit e la pandemia come solo lei sa fare
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
Da tre giorni fermi con i loro tir, hanno tentato di forzare un blocco della polizia inglese. La Francia ha annunciato la riapertura delle frontiere, ma l’obbligo di test e tamponi allunga i tempi