La Cina rialza la testa

| Malgrado tanti restano in isolamento, la città di Wuhan sembra uscita dal peggio e i funzionari cinesi attaccano gli Stati Uniti, pretendendo la riconoscenza perché il sacrificio di milioni di persone ha reso meno peggiore il contagio

+ Miei preferiti
Dopo essersi almeno in parte cosparsa il capo di cenere per il disastro causato nel mondo con il coronavirus, la Cina si gode quella che sembra la prima, piena vittoria su un’epidemia comunque destinata alla storia.

Attraverso le parole di Wang Zhonglin, capo del partito comunista di Wuhan, la capitale della provincia di Hubei epicentro del virus, la popolazione della città – la gran parte della quale rimane in isolamento – sembra non essere abbastanza riconoscente. “È necessario educare alla gratitudine i cittadini e ringraziare il presidente Xi Jinping e il Partito comunista cinese”. Frasi che hanno scatenato critiche online, e per lo più cancellati dalla censura, anche se su alcuni media statali rimangono visibili. Eppure, se Wang sembra essersi spinto troppo in là, creando grattacapi alle pubbliche relazioni di Pechino, il sentimento che tentava di esprimere è comunque ampiamente condiviso. Mentre il coronavirus si diffonde in tutto il mondo, la Cina si è fatta sempre più sentire per quella che sembra essere una mancanza di apprezzamento per i suoi sforzi di contenere l’epidemia ed evitare che la crisi fosse ancora peggiore.

I primi casi del virus sono stati segnalati a Wuhan alla fine dello scorso anno, e da allora la Cina ha sostenuto il peso dell’epidemia con quasi tre quarti degli oltre 110mila casi globali confermati, più di 3.000 morti e milioni di persone in isolamento. Sforzi di contenimento che sembrano aver avuto successo, con il numero di nuovi casi che nelle ultime settimane ha subito un brusco rallentamento.

Sottolineando i risultati, Xi stesso è arrivato a Wuhan per un giro d’ispezione, il primo dall’inizio della crisi. I media statali e gli alti funzionari respingono con forza le critiche sulla gestione del virus da parte di Pechino. “Nei suoi sforzi per combattere l’epidemia, la Cina si è comportata come un Paese altamente responsabile - ha detto la scorsa settimana il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian – la forza, l’efficienza e la velocità in questa lotta è stata ampiamente riconosciuta. Per proteggere la salute e la sicurezza delle persone in tutto il mondo, il popolo cinese ha fatto enormi sacrifici e ha dato un grande contributo”.

Zhao ha ricordato la pandemia della suina del 2009, “scoppiata negli Stati Uniti” prima di diffondersi in centinaia di altri Paesi e uccidere migliaia di persone: “Non ricordo che nessuno abbia chiesto agli Stati Uniti di scusarsi”.

Il “Global Times”, un tabloid di proprietà statale, ha accusato il segretario di Stato americano Mike Pompeo di aver tentato di “scaricare la responsabilità” sulla Cina, criticando la gestione del virus da parte di Pechino. “Come capo della diplomazia statunitense, Pompeo ha insistito nel parlare del ‘virus Wuhan’ malgrado l’opposizione dell’OMS e dell’opinione pubblica internazionale, nel tentativo di suscitare risentimento contro la Cina tra i Paesi colpiti. La mossa di Pompeo non solo espone le malvagie intenzioni degli Stati Uniti nei confronti della Cina senza riguardo per il buon senso, ma segna anche un nuovo minimo nella sua condotta personale”.

La scorsa settimana, Pompeo ha riferito che è stato “incredibilmente frustrante” lavorare con il governo cinese per ottenere dati sul coronavirus: “l’unica soluzione per ottenere il vaccino”. Ha accusato la risposta iniziale al virus, durante la quale i funzionari cinesi sembravano minimizzare la gravità, e di aver preso tempo per escogitare una risposta.

Esteri
GB: per la polizia, «le nuove regole sono inapplicabili»
GB: per la polizia, «le nuove regole sono inapplicabili»
Le forze dell’ordine protestano: le nuove norme sulla pandemia sono confuse e lasciano a ciascuno la possibilità di interpretarle, mentre gli esperti parlano del rischio concreto di una seconda ondata di infezioni
GB, lo scandalo Cummings travolge BoJo
GB, lo scandalo Cummings travolge BoJo
Il premier si rifiuta di chiedere le dimissioni del suo fidato consigliere, che durante il lockdown ha impunemente attraversato l’Inghilterra con la famiglia
GB: il ritorno dei «covidiot»
GB: il ritorno dei «covidiot»
Migliaia di persone, attirato da caldo e bel tempo, hanno letteralmente invaso le spiagge di diverse località di villeggiatura. Durante la notte, tende e camper sono spuntate ovunque
La pandemia ha allargato le crepe del Regno Unito
La pandemia ha allargato le crepe del Regno Unito
Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord, i quattro paesi che compongono il Regno Unito, hanno un approccio opposto alla crisi del coronavirus. Una divisione che dopo la Brexit mette sempre più in discussione il futuro del Paese
Francia, monta la rabbia delle banlieue
Francia, monta la rabbia delle banlieue
Intere comunità si sono sentite abbandonate e minacciate da una crisi economica che si annuncia devastante. L’Eliseo teme il ritorno di disordini sociali
Il ritorno di BoJo
Il ritorno di BoJo
Dopo aver combattuto in prima persona contro il coronavirus, il premier torna ai posti di comando mettendo in guardia il Paese: “Non è il momento di allentare le misure di contenimento”
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità
È vietato acquistare vernici e pennelli per ridipingere casa, ma non fare scorta di birra e vino, oltre ad una passeggiata rilassante dopo un litigio. Le stranezze della Gran Bretagna
Gli allegri vacanzieri di Cannes
Gli allegri vacanzieri di Cannes
Un jet privato e tre elicotteri atterrano a Marsiglia: a bordo un gruppo di persone invitate per una vacanza pasquale da un ricco croato. Tutti rispediti al mittente dalle autorità francesi
La proposta di due medici francesi: test per il vaccino in Africa
La proposta di due medici francesi: test per il vaccino in Africa
Sommersi da critiche, minacce, insulti e accuse di razzismo piovute da tutto il mondo, due stimati medici francesi sono costretti a fare marcia indietro sulla proposta di testare i vaccini dove la popolazione è più debole
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Un uomo di un villaggio della Russia occidentale infastidito dal chiasso dei vicini, ha iniziato un litigio che è sfociato in tragedia