La Francia nel caos

| A quasi due settimane dall’inizio delle proteste per la contestatissima riforma delle pensioni, la situazione è al collasso: Parigi bloccata e sabotaggi alla rete elettrica per 90mila abitazioni

+ Miei preferiti
La Francia è nel caos: a 13 giorni dall’inizio delle proteste per il progetto di riforma delle pensioni voluto da Macron, scontri e proteste non accennano a diminuire. Alla paralisi della rete dei traporti che di fatto immobilizza Parigi e i dintorni, con oltre 300 km di code per entrare in città, si è aggiunto il sabotaggio della rete elettrica, che si calcola finora abbia lasciato senza elettricità almeno 90mila abitazioni fra Lione e la regione della Gironda. E la situazione si annuncia ancora peggiore nei prossimi giorni, a cominciare da venerdì, quando le scuole chiuderanno per le vacanze di Natale e per i francesi sarà tempo di spostamenti. Oltre a Parigi si segnalano scontri e manifestazioni a Nantes, Le Havre, Douai, Valenciennes e Marsiglia.

La dura reazione della piazza all’impopolare manovra di Macron, che ha tentato un colpo di mano finora mai riuscito a nessuno dei suoi predecessori, finora è costato la testa di Jean-Paul Delevoye, alto commissario del governo designato alla riforma pensionistica. La rivelazione che Delevoye ricoprisse contemporaneamente altri 13 incarichi nel settore privato, di cui almeno due ben retribuiti, ha fatto piovere sul suo nome una salva di richiesta di dimissioni partita dai sindacati e invocate con forza dalla piazza. Dall’Eliseo l’annuncio dell’imminente sostituzione, accompagnato dall’annuncio dell’apertura di un tavolo di trattative che si annuncia tutt’altro che semplice, sottolineato dalla notizia dell’arrivo nella capitale francese di un numero non precisato di “casseur” compreso fra 400 e 600 persone con l’obiettivo di aumentare il livello di caos.

Nelle intenzioni di Macron rimettere mano al sistema pensionistico francese, fra i più complicati al mondo, con 42 regimi diversi sulla base delle categorie professionali, che sarebbero confluiti in un più semplice sistema universale a punti. Una proposta che ha scatenato le reazioni di intere categorie di lavoratori e fatto nuovamente precipitare gli indici di gradimento di Macron, destinato a passare alla storia come uno dei presidenti più contestati della storia francese. A nulla è valso il tentativo del premier Eduard Philippe di lasciare inalterata l’età della pensione a 62 anni, limitando le modifiche ai nati dopo il 1975: la protesta era ormai partita, e in Francia quando la gente scende in piazza lo fa sul serio.

Galleria fotografica
La Francia nel caos - immagine 1
La Francia nel caos - immagine 2
Esteri
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Polemiche e proteste per la decisione di alcuni istituti superiori di adottare t-shirt consegnate all’ingresso delle scuole alle studentesse con abiti provocanti o succinti
Navalny: «Putin mi voleva morto»
Navalny: «Putin mi voleva morto»
“C’è lui dietro al mio avvelenamento”: la pesante accusa lanciata dal dissidente russo in un’intervista in cui ribadisce di voler tornare al suo posto in Russia
La scomoda verità delle spettacolari residenze inglesi
La scomoda verità delle spettacolari residenze inglesi
Dietro la bellezza a volte fiabesca di palazzi immersi nel verde, si nasconde il risvolto meno conosciuto dell’impero britannico, fra schiavitù e colonialismo. Luoghi che il “National Trust” ha censito, scatenando le polemiche
Francia, arriva il braccialetto anti-femminicidi
Francia, arriva il braccialetto anti-femminicidi
Entro la fine dell’anno sarà esteso a tutto il Paese: consente di verificare la posizione della persona soggetta a restrizioni e avvisa la possibile vittima allertando i soccorsi e la polizia