La fuga di Ghosn? Roba da professionisti

| Un esperto ricostruisce i dettagli della fuga dell’ex presidente di Renault-Nissan: un’operazione perfino banale per certe organizzazioni

+ Miei preferiti
C’è un mandato di cattura internazionale che pende sulla testa di Carlos Ghosn, l’ex presidente di Renault-Nissan protagonista del primo giallo dell’anno: la fuga in Libano dal Giappone, dov’era in attesa del processo per frode fiscale. Una spy-story che ha messo in imbarazzo l’intelligence giapponese e inizia ad avere risvolti preoccupanti anche dal punto di vista diplomatico.

La polizia di Tokyo non sa da che parte iniziare: dopo la perquisizione dell’appartamento, sta tentando di ricostruire come abbia fatto Ghosn a eludere la sorveglianza, imbarcarsi su un volo privato e raggiungere il Libano senza che nessuno si accorgesse di nulla, fino all’annuncio beffa dello stesso Ghosn. E non va meglio in Turchia, dove il jet privato avrebbe fatto tranquillamente scalo: sette persone sono state arrestate, compresi quattro piloti, ma la verità sembra ben lontana dall’arrivare.

Nel frattempo, l’ex potente manager di origini brasiliane scagiona la famiglia, messa in mezzo da diversi media come pedina fondamentale nell’organizzazione del raid: loro non c’entrano nulla, assicura, e promette di svelare ogni cosa nella conferenza stampa organizzata a Beirut il prossimo 8 gennaio.

Ma dove non arrivano le intelligence, ci pensano gli esperti. Christophe Naudin, celebre criminologo, ex istruttore di sicurezza aerea per i corpi speciali francesi e per la sicurezza aeroportuale che nel 2015 aveva aiutato “vecchi amici” a evadere da una prigione nella Repubblica Dominicana, dov’erano stati condannati a 20 anni di galera, ha accettato di tentare una ricostruzione della fuga di Ghosn per l’agenzia di stampa francese “AFP”, sfruttando alcuni dettagli che solo davanti agli occhi di qualcuno del mestiere diventano indizio e prova.

“Ci sono persone che sanno come mettere in atto questo genere di operazione, tutto sommato banale. La parte più complicata è stata farlo uscire da casa per raggiungere l’aeroporto Kansai di Osaka, dove lo attendeva un volo per Istanbul e poi da Istanbul a Beirut. Il viaggio è stato fatto in auto, perché prendere il treno è troppo rischioso, Ghosn avrebbe potuto essere riconosciuto. Il volo è stato sicuramente effettuato su un business jet e non un jet privato, un dettaglio molto importante, perché significa che l’equipaggio non è al corrente di chi sta trasportando. I piloti hanno una lista dei passeggeri, ma non la guardano. È inoltre necessario un piano di volo studiato per sorvolare paesi che non sono amici del Giappone, nel caso l’aereo fosse costretto ad atterrare: in questo caso si parla di Corea del Sud, Cina e Russia, più altre zone dove invece l’eventualità di un atterraggio viene negoziata e monetizzata”.

Secondo la ricostruzione di Naudin, “Ghosn ha un nome latino e possedeva tre passaporti, francese, libanese e brasiliano: se avessi dovuto organizzare la sua fuga avrei portato in Giappone un uomo che gli somigliava diversi giorni prima, con un passaporto su cui fosse impressa la data di ingresso nel Paese: il documento a quel punto va consegnato alla squadra di estrazione, mentre l’uomo ne denuncia lo smarrimento. A quel punto, è sufficiente raggiungere la lounge dell’aeroporto: un responsabile del volo si occupa di prelevare i passaporti dei passeggeri per presentarli alla polizia di frontiera con una ‘dichiarazione generale’ che comprende ospiti ed equipaggio”.

Il passaporto presentato – che deve avere un numero diverso da quelli registrati dalle autorità giapponesi – finisce nelle mani di un agente di polizia che controlla il numero e il timbro d’ingresso, ma l’alfabeto latino e la fonetica del nome sono molto difficili da verificare: c’è un software che aiuta, ma la traslitterazione nei caratteri giapponesi ‘Katakana’ è imprecisa: sono convinto che il poliziotto sia stato ingannato. All’arrivo a Istanbul, Gosh diventa un semplice passeggero in transito che passa senza problemi e cambia anche aereo. A quel punto è fatta”.

Esteri
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Andrea ha immolato una montagna di denaro partecipare ad un torneo di golf. E il viaggio in Africa di Harry e Meghan ha stabilito il record assoluto di spesa, mentre all’orizzonte spunta una strana voglia di politica della Markle
GB, torna la corsa alla carta igienica
GB, torna la corsa alla carta igienica
Il timore di un nuovo lockdown ha riproposto le stesse scene dello scorso marzo: code infinite davanti ai supermercati e scaffali vuoti. L’invito delle autorità alla calma non frena l’accaparramento
Gli enormi mal di testa di BoJo
Gli enormi mal di testa di BoJo
L’incubo del numero di infezioni in crescita, la poca voglia degli inglesi di ubbidire ancora, la Brexit da chiudere, la minaccia di un probabile lockdown, l’economia a pezzi: per il premier inglese si prepara un autunno infernale
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
Una guardia del corpo del ministro degli esteri Dominic Raab ha dimenticato la pistola sul sedile di un aereo. Pochi mesi fa, lo stesso aveva fatto un altro agente di scorta all’ex premier David Cameron. L’imbarazzo della polizia
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca
Il triste destino dei ponti di Londra
Il triste destino dei ponti di Londra
L’Hammersmith Bridge si sta sgretolando: è stato chiuso al traffico causando enormi problemi al traffico, ma non ci sono i fondi per ripararlo e neanche per un rattoppo. Ma non è l’unico ponte ad essere messo male
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Mentre si fa sempre più strada l’ipotesi di scontri fra gang che hanno insanguinato il sabato sera della città inglese, a Parigi un uomo è stato accoltellato sui binari della Gare du Nord di Parigi
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Una donna di 27 anni ha ucciso 5 dei suoi 6 figli tentando poi di togliersi la vita. Gli abitanti di Solingen raccontano di aver visto agenti in lacrime uscire dall’appartamento
GB, con la seconda ondata 85mila morti
GB, con la seconda ondata 85mila morti
È la peggiore delle previsioni fatte da uno studio governativo inglese realizzato da scienziati ed esperti. L’influenza stagionale potrebbe complicare l’individuazione di possibili contagi