La fuga di Ghosn? Roba da professionisti

| Un esperto ricostruisce i dettagli della fuga dell’ex presidente di Renault-Nissan: un’operazione perfino banale per certe organizzazioni

+ Miei preferiti
C’è un mandato di cattura internazionale che pende sulla testa di Carlos Ghosn, l’ex presidente di Renault-Nissan protagonista del primo giallo dell’anno: la fuga in Libano dal Giappone, dov’era in attesa del processo per frode fiscale. Una spy-story che ha messo in imbarazzo l’intelligence giapponese e inizia ad avere risvolti preoccupanti anche dal punto di vista diplomatico.

La polizia di Tokyo non sa da che parte iniziare: dopo la perquisizione dell’appartamento, sta tentando di ricostruire come abbia fatto Ghosn a eludere la sorveglianza, imbarcarsi su un volo privato e raggiungere il Libano senza che nessuno si accorgesse di nulla, fino all’annuncio beffa dello stesso Ghosn. E non va meglio in Turchia, dove il jet privato avrebbe fatto tranquillamente scalo: sette persone sono state arrestate, compresi quattro piloti, ma la verità sembra ben lontana dall’arrivare.

Nel frattempo, l’ex potente manager di origini brasiliane scagiona la famiglia, messa in mezzo da diversi media come pedina fondamentale nell’organizzazione del raid: loro non c’entrano nulla, assicura, e promette di svelare ogni cosa nella conferenza stampa organizzata a Beirut il prossimo 8 gennaio.

Ma dove non arrivano le intelligence, ci pensano gli esperti. Christophe Naudin, celebre criminologo, ex istruttore di sicurezza aerea per i corpi speciali francesi e per la sicurezza aeroportuale che nel 2015 aveva aiutato “vecchi amici” a evadere da una prigione nella Repubblica Dominicana, dov’erano stati condannati a 20 anni di galera, ha accettato di tentare una ricostruzione della fuga di Ghosn per l’agenzia di stampa francese “AFP”, sfruttando alcuni dettagli che solo davanti agli occhi di qualcuno del mestiere diventano indizio e prova.

“Ci sono persone che sanno come mettere in atto questo genere di operazione, tutto sommato banale. La parte più complicata è stata farlo uscire da casa per raggiungere l’aeroporto Kansai di Osaka, dove lo attendeva un volo per Istanbul e poi da Istanbul a Beirut. Il viaggio è stato fatto in auto, perché prendere il treno è troppo rischioso, Ghosn avrebbe potuto essere riconosciuto. Il volo è stato sicuramente effettuato su un business jet e non un jet privato, un dettaglio molto importante, perché significa che l’equipaggio non è al corrente di chi sta trasportando. I piloti hanno una lista dei passeggeri, ma non la guardano. È inoltre necessario un piano di volo studiato per sorvolare paesi che non sono amici del Giappone, nel caso l’aereo fosse costretto ad atterrare: in questo caso si parla di Corea del Sud, Cina e Russia, più altre zone dove invece l’eventualità di un atterraggio viene negoziata e monetizzata”.

Secondo la ricostruzione di Naudin, “Ghosn ha un nome latino e possedeva tre passaporti, francese, libanese e brasiliano: se avessi dovuto organizzare la sua fuga avrei portato in Giappone un uomo che gli somigliava diversi giorni prima, con un passaporto su cui fosse impressa la data di ingresso nel Paese: il documento a quel punto va consegnato alla squadra di estrazione, mentre l’uomo ne denuncia lo smarrimento. A quel punto, è sufficiente raggiungere la lounge dell’aeroporto: un responsabile del volo si occupa di prelevare i passaporti dei passeggeri per presentarli alla polizia di frontiera con una ‘dichiarazione generale’ che comprende ospiti ed equipaggio”.

Il passaporto presentato – che deve avere un numero diverso da quelli registrati dalle autorità giapponesi – finisce nelle mani di un agente di polizia che controlla il numero e il timbro d’ingresso, ma l’alfabeto latino e la fonetica del nome sono molto difficili da verificare: c’è un software che aiuta, ma la traslitterazione nei caratteri giapponesi ‘Katakana’ è imprecisa: sono convinto che il poliziotto sia stato ingannato. All’arrivo a Istanbul, Gosh diventa un semplice passeggero in transito che passa senza problemi e cambia anche aereo. A quel punto è fatta”.

Esteri
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
L’immagine di Nadezhda Zhukova in costume fra i malati di Covid-19 aveva fatto il giro del mondo. Un’inchiesta l’ha scagionata e ore sogna di diventare medico, ma nel frattempo ha iniziato anche a posare per un marchio sportivo
GB: notte di sangue a Reading
GB: notte di sangue a Reading
Un uomo armato di coltello si è gettato sulla folla che sciamava dopo una manifestazione antirazzismo: prima di essere bloccato è riuscito a uccidere tre persone e ferirne altrettanto. Per la polizia non si tratta di terrorismo
BoJo in difficoltà: troppe decisioni e scelte sbagliate
BoJo in difficoltà: troppe decisioni e scelte sbagliate
La stella dell’uomo forte della Brexit si sta offuscando: invece di pensare ai problemi del Paese, afflitto dal Covid-19 e da una crisi economica pesantissima, si concentra sul altro
Almeno 3.000 vittime di abusi nella chiesa francese
Almeno 3.000 vittime di abusi nella chiesa francese
Sono i risultati parziali delle indagini di una commissione che dopo il lockdown sta riprendendo ogni parrocchia e congregazione francese alla ricerca di casi avvolti nel silenzio