La nuova Rivoluzione Francese

| La Francia intera contro Macron, al minimo storico: oltre ai gilet janues scendono in piazza gli studenti, che mettono a ferro e fuoco diverse città, da nord a sud. E sabato, nuova manifestazione a Parigi

+ Miei preferiti
Neanche la retromarcia di Macron sull’aumento dei carburanti è bastata: la Francia ribolle di rabbia e la protesta dilaga, da nord a sud. Ormai è una guerra aperta all’esecutivo che inizia ad avere anche ripercussioni politiche: la sinistra ha presentato una mozione di sfiducia verso l’esecutivo, e i giornali raccontano implacabili percentuali di consenso per Macron, ormai vicino al 20%.

Oltre ai boulevard di Parigi, che si preparano al quarto sabato consecutivo di devastazioni, la rabbia tracima anche a Tolosa e Marsiglia, dove un nuovo fronte di protesta, rappresentato dagli studenti che chiedono la riforma della scuola, hanno scatenato l’inferno nella zona del porto vecchio, della gare Saint-Charles e al liceo Victor Hugo. Non è da meno Nizza, dove la gendarmerie ha arrestato 33 persone dopo alcuni scontri molto violenti in scena nei pressi del Parc Imperial, un liceo che accoglie quasi 2.000 allievi. Ben 146 i fermati dalla polizia nel dipartimento di Yvelins, nell’Île-de-France, per finire - al momento - con Montepellier e Bezier: saccheggi, barricate, auto date alle fiamme e feriti.

E sabato è alle porte: “Fly Rider”, nome di battaglia di Maxime Nicolle, capobastone di un gruppo Facebook con 130mila gilet-jaunes fra i più incacchiati, ha lanciato l’avvertimento: “Eviti di andare a Parigi chi vuole dimostrare in modo pacifista, perché quello che accadrà sarà molto violento”. Un annuncio raccolto da Jaqueline Gorault, ministro per la coesione del territorio, che oltre a invitare i negozianti degli Champs-Elysee ad abbassare le serrande, ha lanciato un appello “a restare in casa, perché ci sono serie possibilità che vada a finire male”. Chiusi una decina musei e teatri parigini, e rinviate alcune partite della 17esima giornata della “Ligue 1”: PSG-Montepellier, Tolosa-Lione, Saint-Etienne-Marsiglia e Monaco-Nizza rinviate a data da destinarsi.

Edouard Philippe, ministro dell’interno, ha promesso che chi ha imbrattato l’Arc de Triomphe sarà assicurato alla giustizia, ammonendo i manifestanti ad annullare la manifestazione di sabato, perché si troveranno di fronte 65mila agenti pronti a impedire ogni tipo di violenza.

Le fazioni in campo, oltre agli ormai celebri “gilet janue”, sono anche gli studenti, che chiedono al governo un’altra marcia indietro verso i provvedimenti che penalizzano i meno abbienti, chiedendo conto anche dell’esame di maturità, dell’orientamento professionale, dell’accesso all’università gravato da troppe tasse e della soppressione di 2.600 cattedre.

Esteri
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
Quasi vent’anni prima della sua fuga, la principessa Shamsa aveva tentato la stessa cosa: fu rapita a Cambridge e riportata a Dubai. Ha vissuto anni in galera ed è ormai ridotta ad “uno zombie”
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
Il premier Boris Johnson ha anticipato il piano messo a punto per la graduale riapertura di attività e socialità nel Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Sono in molti, a chiedersi se dopo la regina più amata di sempre non sarebbe più giusto ripensarsi come repubblica. Per gli esperti il dubbio quel giorno sarà inevitabile, a meno di non dare una nuova immagine più “light”
Francia, lo scandalo degli incesti
Francia, lo scandalo degli incesti
Un libro shock svela le violenze subite all’interno di una famiglia di intellettuali, ben nota negli ambienti della Riva Gauche. La pubblicazione ha scatenato l’hashtag #MeTooIncest, che ha portato alla luce migliaia di casi
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
Il governo del Regno Unito avverte: non correte a prenotare vacanze all’estero, è assai difficile che potrete farle. Nuova stretta sui documenti necessari per l’ingresso nel Paese, specie per i paesi nella “lista rossa”
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Un’inchiesta giornalistica, con tanto di documenti scritti, svela che negli anni 70 gli avvocati della regina avrebbero fatto pressioni per escludere i sovrani dalla norma sulla trasparenza finanziaria
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
In una lunga dichiarazione dopo la lettura della sentenza, il dissidente russo chiede ai suoi concittadini di non arrendersi: “Il piccolo ladro chiuso nel suo bunker non può rinchiudere milioni di persone”
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale