La rabbia del principe Filippo

| Ormai ex baricentro della Royal Family, costretto a letto dall’età, il Duca di Eimborgo si è infuriato per la decisione di Harry e Meghan, ma è preoccupato per l’impatto che questa vicenda può avere su sua moglie, la Regina

+ Miei preferiti
Per i sudditi inglesi, da quando il principe Filippo ha fatto un deciso passo indietro per via dei 98 anni che iniziano a pesare, la Royal Family è allo sbando. Era lui, un passo indietro rispetto a sua moglie la regina Elisabetta, a tirare i fili della “Ditta”, e sicuramente la brutta questione del principe Andrea, finito in ambasce per le sue amicizie pericolose, e soprattutto quella più scottante di Harry e Meghan, avrebbero avuto un esito diverso. Il Duca - definito il “nume tutelare” della monarchia - ha assunto via via un ruolo di secondo piano nella vita familiare, facendo perdere alla Regina la figura importante di “guardiano della porta”. Il ritiro di Filippo è stato seguito dall’improvvisa partenza del potente segretario privato della Regina, Sir Christopher Geidt: secondo gli esperti reali, i due eventi hanno creato un preoccupante vuoto di potere che non sarà facile colmare.

Nel mezzo della tormenta, mentre i tabloid fanno a gara ogni giorno per dipingere i duchi del Sessex come una coppia di avidi capricciosi e viziati, attribuendo a Meghan il ruolo sempre più scomodo di aver lavato il cervello del marito, spunta la reazione furiosa di Filippo.

“A che gioco stanno giocando?”, pare abbia tuonato dopo aver appreso, anche lui di rimbalzo, la decisione di Harry e Meghan di lasciare la famiglia reale. Filippo ha reagito con incredulità mista a rabbia per il trattamento riservato all’intera famiglie e soprattutto alla Regina. Costretto a letto e quasi totalmente confinato nel cottage di Sandringham, Filippo è sempre stato molto vicino a Harry, il suo nipote prediletto e quello con cui aveva un solido rapporto di complicità e amicizia. Lo dimostra la decisione di partecipare ad ogni costo al matrimonio con Meghan nonostante le costole incrinate per una caduta in bagno poco prima del grande giorno. In più, sei settimane prima delle nozze si era sottoposto a un intervento all’anca, mostrandosi anche allora determinato all’idea di essere presente, sia per la devozione al dovere familiare, sia per dimostrare l’affetto ad Harry e alla donna che il nipote aveva scelto.

Secondo una fonte di Buckingham Palace, “Dire che il Duca si sente deluso sarebbe un eufemismo: è profondamente ferito”. A ferirlo era stata anche la decisione dei Sussex di passare il Natale lontano dalla famiglia, in spregio ad una ferrea tradizione a cui Elisabetta tiene moltissimo: “La sua preoccupazione è l’impatto che la faccenda sta avendo sulla Regina. Molta della rabbia di Filippo deriva dal vedere Sua Maestà turbata. Purtroppo non può fare molto di più, non è in buona salute e può passare pochi minuti alla volta in compagnia di qualcuno prima di sentirsi esausto, ma questo non gli ha impedito di sfogare i suoi sentimenti nel modo più chiaro possibile”.

Non è un segreto che Filippo abbia la grande abilità di saper alternare la durezza ai sentimenti: è stato la forza motrice nella modernizzazione della monarchia, permettendo maggiore trasparenza, e come altre volte in vita sua ha accolto Meghan a braccia aperte. Ma più volte, in passato, aveva perso la pazienza quando le donne diventate mogli di figli e nipoti avevano superato il limite: “È stato molto duro quando Diana e Fergie hanno tentato di danneggiare la reputazione della famiglia reale. È un uomo che parla chiaro e che non ha paura di esprimere con fermezza le sue idee, anche a costo di ferire qualcuno”.

Nel frattempo, Meghan è tornata per poche ore nel Regno Unito per poi volare a Vancouver, dove Harry dovrebbe raggiungerla a breve, non prima della riunione che la regina familiare ha fissato con Carlo e suo fratello William, altrettanto furiosi con lui, chiedendo a tutti di risolvere la crisi entro 72 ore, non una di più.

Galleria fotografica
La rabbia del principe Filippo - immagine 1
La rabbia del principe Filippo - immagine 2
La rabbia del principe Filippo - immagine 3
Esteri
Francia, arriva il braccialetto anti-femminicidi
Francia, arriva il braccialetto anti-femminicidi
Entro la fine dell’anno sarà esteso a tutto il Paese: consente di verificare la posizione della persona soggetta a restrizioni e avvisa la possibile vittima allertando i soccorsi e la polizia
La scomoda verità delle spettacolari residenze inglesi
La scomoda verità delle spettacolari residenze inglesi
Dietro la bellezza a volte fiabesca di palazzi immersi nel verde, si nasconde il risvolto meno conosciuto dell’impero britannico, fra schiavitù e colonialismo. Luoghi che il “National Trust” ha censito, scatenando le polemiche
L’inverno rigido di mister Johnson
L’inverno rigido di mister Johnson
Il premier inglese precipita nel malcontento: l’aumento dei casi Covid, la disoccupazione che cresce e il crollo dei colloqui sulla Brexit sono questioni che stanno venendo a galla tutte insieme
GB, avvocata di colore scambiata per imputata
GB, avvocata di colore scambiata per imputata
Per ben quattro volte, Alexandra Wilson si è vista fermare e rimproverare perché in quanto donna di colore nessuno pensava potesse essere un avvocato, ma un’imputata
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Andrea ha immolato una montagna di denaro partecipare ad un torneo di golf. E il viaggio in Africa di Harry e Meghan ha stabilito il record assoluto di spesa, mentre all’orizzonte spunta una strana voglia di politica della Markle
GB, torna la corsa alla carta igienica
GB, torna la corsa alla carta igienica
Il timore di un nuovo lockdown ha riproposto le stesse scene dello scorso marzo: code infinite davanti ai supermercati e scaffali vuoti. L’invito delle autorità alla calma non frena l’accaparramento
Gli enormi mal di testa di BoJo
Gli enormi mal di testa di BoJo
L’incubo del numero di infezioni in crescita, la poca voglia degli inglesi di ubbidire ancora, la Brexit da chiudere, la minaccia di un probabile lockdown, l’economia a pezzi: per il premier inglese si prepara un autunno infernale
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
Una guardia del corpo del ministro degli esteri Dominic Raab ha dimenticato la pistola sul sedile di un aereo. Pochi mesi fa, lo stesso aveva fatto un altro agente di scorta all’ex premier David Cameron. L’imbarazzo della polizia
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca