La rabbia del principe Filippo

| Ormai ex baricentro della Royal Family, costretto a letto dall’età, il Duca di Eimborgo si è infuriato per la decisione di Harry e Meghan, ma è preoccupato per l’impatto che questa vicenda può avere su sua moglie, la Regina

+ Miei preferiti
Per i sudditi inglesi, da quando il principe Filippo ha fatto un deciso passo indietro per via dei 98 anni che iniziano a pesare, la Royal Family è allo sbando. Era lui, un passo indietro rispetto a sua moglie la regina Elisabetta, a tirare i fili della “Ditta”, e sicuramente la brutta questione del principe Andrea, finito in ambasce per le sue amicizie pericolose, e soprattutto quella più scottante di Harry e Meghan, avrebbero avuto un esito diverso. Il Duca - definito il “nume tutelare” della monarchia - ha assunto via via un ruolo di secondo piano nella vita familiare, facendo perdere alla Regina la figura importante di “guardiano della porta”. Il ritiro di Filippo è stato seguito dall’improvvisa partenza del potente segretario privato della Regina, Sir Christopher Geidt: secondo gli esperti reali, i due eventi hanno creato un preoccupante vuoto di potere che non sarà facile colmare.

Nel mezzo della tormenta, mentre i tabloid fanno a gara ogni giorno per dipingere i duchi del Sessex come una coppia di avidi capricciosi e viziati, attribuendo a Meghan il ruolo sempre più scomodo di aver lavato il cervello del marito, spunta la reazione furiosa di Filippo.

“A che gioco stanno giocando?”, pare abbia tuonato dopo aver appreso, anche lui di rimbalzo, la decisione di Harry e Meghan di lasciare la famiglia reale. Filippo ha reagito con incredulità mista a rabbia per il trattamento riservato all’intera famiglie e soprattutto alla Regina. Costretto a letto e quasi totalmente confinato nel cottage di Sandringham, Filippo è sempre stato molto vicino a Harry, il suo nipote prediletto e quello con cui aveva un solido rapporto di complicità e amicizia. Lo dimostra la decisione di partecipare ad ogni costo al matrimonio con Meghan nonostante le costole incrinate per una caduta in bagno poco prima del grande giorno. In più, sei settimane prima delle nozze si era sottoposto a un intervento all’anca, mostrandosi anche allora determinato all’idea di essere presente, sia per la devozione al dovere familiare, sia per dimostrare l’affetto ad Harry e alla donna che il nipote aveva scelto.

Secondo una fonte di Buckingham Palace, “Dire che il Duca si sente deluso sarebbe un eufemismo: è profondamente ferito”. A ferirlo era stata anche la decisione dei Sussex di passare il Natale lontano dalla famiglia, in spregio ad una ferrea tradizione a cui Elisabetta tiene moltissimo: “La sua preoccupazione è l’impatto che la faccenda sta avendo sulla Regina. Molta della rabbia di Filippo deriva dal vedere Sua Maestà turbata. Purtroppo non può fare molto di più, non è in buona salute e può passare pochi minuti alla volta in compagnia di qualcuno prima di sentirsi esausto, ma questo non gli ha impedito di sfogare i suoi sentimenti nel modo più chiaro possibile”.

Non è un segreto che Filippo abbia la grande abilità di saper alternare la durezza ai sentimenti: è stato la forza motrice nella modernizzazione della monarchia, permettendo maggiore trasparenza, e come altre volte in vita sua ha accolto Meghan a braccia aperte. Ma più volte, in passato, aveva perso la pazienza quando le donne diventate mogli di figli e nipoti avevano superato il limite: “È stato molto duro quando Diana e Fergie hanno tentato di danneggiare la reputazione della famiglia reale. È un uomo che parla chiaro e che non ha paura di esprimere con fermezza le sue idee, anche a costo di ferire qualcuno”.

Nel frattempo, Meghan è tornata per poche ore nel Regno Unito per poi volare a Vancouver, dove Harry dovrebbe raggiungerla a breve, non prima della riunione che la regina familiare ha fissato con Carlo e suo fratello William, altrettanto furiosi con lui, chiedendo a tutti di risolvere la crisi entro 72 ore, non una di più.

Galleria fotografica
La rabbia del principe Filippo - immagine 1
La rabbia del principe Filippo - immagine 2
La rabbia del principe Filippo - immagine 3
Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente