La storia di un cinico egoista

| Dimitry Khlebushkin era fra i passeggeri dell’aereo che ha preso fuoco a Mosca, costato la vita a 41 persone: prima di scendere ha preteso di prendere il proprio zaino, condannando altri alla morte

+ Miei preferiti
I 41 morti del rogo dell’aereo “Aeroflot” che ha preso fuoco atterrando all’aeroporto di Mosca sono un peso notevole per l’opinione pubblica russa. Le inchieste sono state avviate, e Putin in persona ha preteso di fare piena chiarezza su quanto accaduto.

Ma nelle pieghe dell’incidente, mentre ancora si tenta di capire se si è trattato di un errore umano o di un guasto meccanico, emergono storie di un cinismo agghiacciante. Secondo il racconto di alcuni testimoni, riportato in queste ore da diversi media russi, diversi passeggeri avrebbero intralciato le concitate fasi dell’evacuazione perché pretendevano di prendere il proprio bagaglio. Ci sono regole che lo vietano espressamente: in questi casi la priorità è allontanarsi il più velocemente possibile senza pensare a cosa prendere e cosa no. E anche se nessuno sembra volerlo ammettere, c’è il sospetto che questi capricci abbiano impedito di salvare più persone possibili: forse ci sarebbero meno sacchi neri allineati in un hangar in attesa del penoso riconoscimento dei parenti.

Su tutti, spicca il nome di Dimitry Khlebushkin, passeggero che occupava il posto 10C: un omone alto e grosso che con la propria mole avrebbe ostruito il passaggio agli altri passeggeri perché pretendeva di lasciare l’aereo con il proprio zaino chiuso nella cappelliera. Di quelli che erano dietro di lui, si sarebbero salvati solo in tre.

Non contento, appena messo in salvo Khlebushkin si sarebbe presentato al banco della Aeroflot pretendendo il rimborso del biglietto. Quando ancora non si conoscevano i dettagli del suo egoismo, Khlebushkin era stato intervistato da diverse emittenti accorse all’aeroporto per documentare l’incidente aereo: a tutti, l’omaccione aveva raccontato soltanto la propria irritazione per il rimborso negato, senza neanche esprimere una parola di solidarietà verso i passeggeri che non ce l’avevano fatta, forse anche grazie al suo egoismo. Il web e i social sono insorti, facendo confluire intorno al suo nome tutto l’odio possibile. Ma Dimitry Khlebushkin neanche se n’è accorto: a lui importa solo riavere i soldi del biglietto.

Esteri
Harry & Meghan, tutto da rifare
Harry & Meghan, tutto da rifare
La regina Elisabetta ha negato alla coppia di fuggitivi l’autorizzazione a utilizzare il marchio “Sussex Royal”, già depositato e stampato su centinaia di articoli pronti ad entrare in commercio
La Francia scopre “la truffa Le Drian”
La Francia scopre “la truffa Le Drian”
Fra il 2015 e l’anno successivo, una banda di abili truffatori ha sottratto 80 milioni di euro a imprenditori fingendo di essere il ministro degli esteri francese: il denaro sarebbe servito per liberare ostaggi nelle mani dei terroristi
Lo scandalo Griveaux sulle comunali di Parigi
Lo scandalo Griveaux sulle comunali di Parigi
Il candidato di “En Marche”, fedelissimo di Macron, travolto dalla pubblicazioni di messaggi e video intimi con un’amante. Inevitabili le sue dimissioni
Abusava di donne malate di cancro
Abusava di donne malate di cancro
Manish Shah, medico londinese, condannato a 3 ergastoli: avrebbe abusato e maltrattato 23 donne affette da tumore
Schumacher, il giallo delle foto rubate
Schumacher, il giallo delle foto rubate
Un tabloid inglese denuncia di aver ricevuto l’offerta di un “pacchetto di immagini” che ritraggono Schumy nel letto della sua residenza di Ginevra. La moglie Corinna ha allertato avvocati e forze dell’ordine per bloccare la diffusione
Harry rompe il silenzio
Harry rompe il silenzio
Il duca di Sussex racconta la propria versione del divorzio dell’anno nel corso di un evento benefico: “Il Regno Unito è casa mia, e questo non cambierà mai”
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
La polemica sui costi della sicurezza di Harry e Meghan ha coinvolto anche il duca di York: secondo alcune fonti vicine a Scotland Yard, “spendere tanti soldi per qualcuno che non ha più ruoli pubblici è immorale”
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
Nel paese nordamericano infiamma il dibattito: Harry e Meghan non pensino di arrivare qui e sentirsi reali perché non lo sono. E non da ultimo, chi pagherà l’apparato di cui si circondano, valutato in 10 milioni di dollari ogni anno?
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Dopo il clamore della rocambolesca fuga di Carlo Ghosn, il colosso giapponese di strumenti e attrezzature musicali avvisa: non provateci, è molto pericoloso
Il villaggio dove apparivano i soldi
Il villaggio dove apparivano i soldi
Per anni, decine di abitanti di un piccolo centro inglese hanno ritrovato per strada mazzette da 2.000 sterline, riconsegnandole tutte alla polizia. Ma ora, il mistero è stato svelato…