La storia di un cinico egoista

| Dimitry Khlebushkin era fra i passeggeri dell’aereo che ha preso fuoco a Mosca, costato la vita a 41 persone: prima di scendere ha preteso di prendere il proprio zaino, condannando altri alla morte

+ Miei preferiti
I 41 morti del rogo dell’aereo “Aeroflot” che ha preso fuoco atterrando all’aeroporto di Mosca sono un peso notevole per l’opinione pubblica russa. Le inchieste sono state avviate, e Putin in persona ha preteso di fare piena chiarezza su quanto accaduto.

Ma nelle pieghe dell’incidente, mentre ancora si tenta di capire se si è trattato di un errore umano o di un guasto meccanico, emergono storie di un cinismo agghiacciante. Secondo il racconto di alcuni testimoni, riportato in queste ore da diversi media russi, diversi passeggeri avrebbero intralciato le concitate fasi dell’evacuazione perché pretendevano di prendere il proprio bagaglio. Ci sono regole che lo vietano espressamente: in questi casi la priorità è allontanarsi il più velocemente possibile senza pensare a cosa prendere e cosa no. E anche se nessuno sembra volerlo ammettere, c’è il sospetto che questi capricci abbiano impedito di salvare più persone possibili: forse ci sarebbero meno sacchi neri allineati in un hangar in attesa del penoso riconoscimento dei parenti.

Su tutti, spicca il nome di Dimitry Khlebushkin, passeggero che occupava il posto 10C: un omone alto e grosso che con la propria mole avrebbe ostruito il passaggio agli altri passeggeri perché pretendeva di lasciare l’aereo con il proprio zaino chiuso nella cappelliera. Di quelli che erano dietro di lui, si sarebbero salvati solo in tre.

Non contento, appena messo in salvo Khlebushkin si sarebbe presentato al banco della Aeroflot pretendendo il rimborso del biglietto. Quando ancora non si conoscevano i dettagli del suo egoismo, Khlebushkin era stato intervistato da diverse emittenti accorse all’aeroporto per documentare l’incidente aereo: a tutti, l’omaccione aveva raccontato soltanto la propria irritazione per il rimborso negato, senza neanche esprimere una parola di solidarietà verso i passeggeri che non ce l’avevano fatta, forse anche grazie al suo egoismo. Il web e i social sono insorti, facendo confluire intorno al suo nome tutto l’odio possibile. Ma Dimitry Khlebushkin neanche se n’è accorto: a lui importa solo riavere i soldi del biglietto.

Esteri
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano
Quella di Emma, una 18enne anglosassone, è diventata una battaglia di principio per cambiare le norme che regolano i lutti familiari: devono essere inclusi anche gli animali
Berlino, arrivano i sexbox
Berlino, arrivano i sexbox
In una parte del Tempelhof, l’immensa area dove sorgeva l’ex aeroporto cittadino, la capitale tedesca sta discutendo se attrezzare delle cabine per le prostitute e i loro clienti
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I servizi segreti francesi avrebbero raggiunto un accordo segreto con gli iracheni: 2 milioni di dollari per ogni jihadista transalpino eliminato
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Una 15enne sequestrata da un balordo riesce ad avvisare le forze dell’ordine, ma dopo una telefonata surreale le pattuglie arrivano sul posto soltanto 19 ore dopo: troppo tardi
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Il padre ha deciso di non sottoporre le due gemelline siamesi che dividono parecchi organi ad un rischioso intervento di separazione. Quando sarà ora, se ne andranno così come sono nate
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
In Libano, una campagna per mettere a tacere un gruppo indie rock ha galvanizzato l’estrema destra cristiana del Paese. Un loro concerto è stato cancellato per le minacce “di una strage” giunte agli organizzatori
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
È un’ipotesi lanciata da tanti, convinti che la promessa di una Brexit dura possa avere conseguenze impensabili sugli abitanti del Regno Unito, sempre meno uniti
UK, condannato un sacerdote pedofilo
UK, condannato un sacerdote pedofilo
Si è chiuso con una condanna a 18 anni il terzo processo contro Michael Higginbottom, ex sacerdote di un prestigioso seminario inglese dove avrebbe abusato di due ragazzi
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Un trasportatore pregiudicato si è tranquillamente avvicinato a George, Charlotte e Louis, figli di William e Kate, scambiando qualche parola con il più grande. Una bufera che sta rimettendo in discussione tutto l’apparato di sicurezza
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
L’incredibile vicenda giudiziaria di un ex infermiere che ha accusato decine di personaggi di spicco del Regno Unito di far parte di una rete di pedofili. Per poi scoprire che l’unico pedofilo era lui