La storia di un cinico egoista

| Dimitry Khlebushkin era fra i passeggeri dell’aereo che ha preso fuoco a Mosca, costato la vita a 41 persone: prima di scendere ha preteso di prendere il proprio zaino, condannando altri alla morte

+ Miei preferiti
I 41 morti del rogo dell’aereo “Aeroflot” che ha preso fuoco atterrando all’aeroporto di Mosca sono un peso notevole per l’opinione pubblica russa. Le inchieste sono state avviate, e Putin in persona ha preteso di fare piena chiarezza su quanto accaduto.

Ma nelle pieghe dell’incidente, mentre ancora si tenta di capire se si è trattato di un errore umano o di un guasto meccanico, emergono storie di un cinismo agghiacciante. Secondo il racconto di alcuni testimoni, riportato in queste ore da diversi media russi, diversi passeggeri avrebbero intralciato le concitate fasi dell’evacuazione perché pretendevano di prendere il proprio bagaglio. Ci sono regole che lo vietano espressamente: in questi casi la priorità è allontanarsi il più velocemente possibile senza pensare a cosa prendere e cosa no. E anche se nessuno sembra volerlo ammettere, c’è il sospetto che questi capricci abbiano impedito di salvare più persone possibili: forse ci sarebbero meno sacchi neri allineati in un hangar in attesa del penoso riconoscimento dei parenti.

Su tutti, spicca il nome di Dimitry Khlebushkin, passeggero che occupava il posto 10C: un omone alto e grosso che con la propria mole avrebbe ostruito il passaggio agli altri passeggeri perché pretendeva di lasciare l’aereo con il proprio zaino chiuso nella cappelliera. Di quelli che erano dietro di lui, si sarebbero salvati solo in tre.

Non contento, appena messo in salvo Khlebushkin si sarebbe presentato al banco della Aeroflot pretendendo il rimborso del biglietto. Quando ancora non si conoscevano i dettagli del suo egoismo, Khlebushkin era stato intervistato da diverse emittenti accorse all’aeroporto per documentare l’incidente aereo: a tutti, l’omaccione aveva raccontato soltanto la propria irritazione per il rimborso negato, senza neanche esprimere una parola di solidarietà verso i passeggeri che non ce l’avevano fatta, forse anche grazie al suo egoismo. Il web e i social sono insorti, facendo confluire intorno al suo nome tutto l’odio possibile. Ma Dimitry Khlebushkin neanche se n’è accorto: a lui importa solo riavere i soldi del biglietto.

Esteri
Germania, tutti con il «Rambo» della Foresta Nera
Germania, tutti con il «Rambo» della Foresta Nera
Da giorni gli danno la caccia centinaia di agenti di polizia, ma conosce talmente bene la zona da sfuggire alla cattura. Sconosciuti i motivi della fuga
GB: stupri e violenze alla St. Andrew University
GB: stupri e violenze alla St. Andrew University
Il prestigioso ateneo scozzese al centro di diverse denunce per violenza sessuale avvenute all’interno di una confraternita in stile campus americano
Olanda, i container per le torture
Olanda, i container per le torture
In coordinamento con la polizia europea, le forze dell’ordine olandesi hanno sgominato una banda che aveva attrezzato sei container per torturare
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Finito al centro di un’indagine internazionale per possesso di materiale pedopornografico pedofilia, all’ex ambasciatore ungherese in Perù vicino al presidente Orban è stato garantito un trattamento giudiziario di favore
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei