L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell

| Accusato da un uomo che afferma di essere stato violentato insieme ad un compagno di coro, morto suicida, l’alto prelato scagionato al terzo grado di giustizia. La sentenza non è appellabile

+ Miei preferiti
Annullamento dei cinque capi d’accusa e immediata scarcerazione: si conclude con una sentenza dell’Alta Corte australiana che farà discutere a lungo, la vicenda che vedeva come unico imputato il cardinale George Pell, accusato di violenza e abuso su minori.

La sentenza, emessa dal giudice Susan Kiefel, mette fine ad una battaglia legale durata cinque anni e iniziata quando un uomo sulla trentina si è rivolto alla polizia sostenendo che Pell aveva abusato di lui quando era bambino, alla metà degli anni Novanta.

All’epoca, Pell era tesoriere del Vaticano, diventando il funzionario cattolico di più alto rango mai accusato di reati sessuali su minori. Pell non ha mai smesso di negare strenuamente le accuse a suo carico.

Nella sintesi della sentenza, l’Alta Corte ha affermato che la giuria “nutriva dubbio sulla colpevolezza per ciascuno dei reati, e in funzione di quello ha ordinato che le condanne fossero annullate con sentenza di assoluzione completa”. Il nome del cardinale sarà anche cancellato dal registro australiano delle persone segnalate per pedofilia.

In una nota rilasciata dal carcere di Victoria’s Barwon, Pell ha dichiarato di non nutrire alcun desiderio di vendetta nei confronti del suo accusatore: “Non voglio che la mia assoluzione aggiunga altro dolore e amarezza. Il punto era se avessi commesso o meno questi terribili crimini, e non l’ho fatto”.

L’accusatore di Pell non ha ancora commentato la sentenza, ma in una dichiarazione rilasciata l’anno scorso aveva assicurato che il processo lo riportava in luoghi che gli ricordavano “i miei momenti più bui, in credevo non sarei più tornato”.

Pochissime persone erano presenti nella piccola aula di Brisbane quando è stata letta la sentenza, in netto contrasto con le precedenti udienze, quando critici e sostenitori hanno formato lunghe code per assicurarsi un posto in aula. I confini dello Stato chiusi e le distanze sociali imposte a causa della pandemia hanno impedito a molti di raggiungere Brisbane, a due ore di volo da Melbourne, dove si sarebbero svolti i fatti.

Il verdetto di colpevolezza della giuria si basava sulle prove di un uomo che accusava l’allora arcivescovo Pell di aver abusato di lui e di un suo compagno di coro al termine di una messa nella Cattedrale di San Patrizio, a Melbourne. All’epoca, i due ragazzi avevano 13 anni. Ma il secondo uomo non ha mai raccontato a nessuno dell’aggressione e si è tolto la vita nel 2014, prima che le accuse venissero alla luce.

L’accusatore sosteneva che Pell li ha costretti in un angolo della sacrestia e costretti a compiere atti sessuali. Nessuno ha assistito alla presunta aggressione e non sono mai emerse prove fisiche: era solo la parola di un uomo contro quella di un altro. La testimonianza della presunta vittima non è mai stata divulgata completamente, ma la giuria l’aveva trovata così convincente da raggiungere un verdetto di colpevolezza all’unanimità. Durante il processo Pell non è mai salito sul banco dei testimoni, ma il suo avvocato ha ricordato alla corte che le accuse erano così poco plausibili che solo un “pazzo tenterebbe di violentare dei ragazzi” in un momento e in un luogo simile.

La sentenza dell’Alta Corte, che non può essere appellata, sarà accolta con sollievo dal Vaticano, che si era impegnato a condurre una propria indagine interna su Pell.

Secondo i legali, la sentenza rappresenta un duro colpo verso le vittime di abusi, la cui fiducia nel sistema legale era stata rincuorata dal primo verdetto di colpevolezza. Lo stesso presidente della Conferenza episcopale cattolica australiana, l’arcivescovo Mark Coleridge, ha riconosciuto che la sentenza sarà per alcuni “devastante”. Ma il verdetto non cambia l’impegno della Chiesa per una “risposta giusta e compassionevole ai sopravvissuti e alle vittime di abusi sessuali su minori”.

Lo scorso febbraio, dopo che la condanna è diventata pubblica, la Chiesa ha confermato che la posizione di Pell all’interno del segretariato per l’economia non era stata rinnovata. E, insieme ad altri due cardinali, aveva perso anche il suo posto nel piccolo concilio dei consiglieri del Papa.

Il cardinale era stato condannato nel dicembre 2018 dopo il secondo dei due processi tenutisi in segreto per non pregiudicare il terzo procedimento. Il primo si è concluso con la ricusazione della giuria, quando i 12 giurati non sono riusciti a raggiungere un verdetto dopo diversi giorni di camera di consiglio. Il secondo processo ha portato a una condanna a sei anni di carcere iniziata il 13 marzo 2019. A quel punto, il suo team legale ha portato il caso alla Corte d'Appello di Victoria, sostenendo che c’erano 13 ragioni per cui i giurati avrebbero dovuto nutrire un ragionevole dubbio sulla colpevolezza.

Pell ha trascorso poco più di un anno in prigione, in completo isolamento a causa dell’età, della salute precaria e per motivi di sicurezza. Dopo la sentenza dell’Alta corte, la polizia di Victoria ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che rispetta la decisione ma anche l’intenzione di sostenere i denuncianti coinvolti: “Continuiamo a indagare sui reati di violenza sessuale e a fornire giustizia alle vittime, non importa quanti anni siano passati”.

Esteri
GB, polemiche per la pedofila graziata
GB, polemiche per la pedofila graziata
Monica McCanch, condannata nel 2007 per abusi su minori e uscita di galera, ha ottenuto la revoca del divieto di avere contatti con minori di 16 anni. Secondo il tribunale non sarebbe più un soggetto a rischio
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Cosimo Chionna, su cui pensava un mandato di cattura internazionale, è accusato di oltre 160 stupri in 14 anni
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Polemiche e proteste per la decisione di alcuni istituti superiori di adottare t-shirt consegnate all’ingresso delle scuole alle studentesse con abiti provocanti o succinti