L’arsenale della star serba

| Pistole, fucili mitragliatori, silenziatori, cellulari, munizioni: un’irruzione della polizia ha permesso di mettere le mani su un vero arsenale. Resta da capire a cosa dovesse servire

+ Miei preferiti
In Serbia, il caso di Rada Kecman tiene banco da giorni: l’artista 25enne, piuttosto conosciuta in patria e con un nutrito seguito di followers accontentati da scatti decisamente sexy, è stata arrestata dalla polizia per possesso illegale di armi da fuoco. La scoperta dopo una perquisizione nell’appartamento di Novi Sad dove la Kecman vive con Svetozar Zivkovic, definito un amico. Secondo i media locali, la polizia avrebbe trovato due fucili automatici, ma la sorpresa vera è stata la perquisizione nell’abitazione dell’uomo, nel villaggio di Bajmok, non distante dalla città di Subotica, dove sono saltati fuori 11 fucili automatici, 11 pistole a gas convertite in armi da fuoco, 10 silenziatori, munizioni, telefoni e computer portatili. Si tratta di armi nuove e mai usate, e le “prove indicano che la coppia le conservava per qualcun altro”.

Le autorità locali sospettano che la coppia faccia parte di un gruppo organizzato i cui membri a questo punto temono che la cantante possa rivelare tutto ciò che sa, facendo saltare l’organizzazione.

Galleria fotografica
L’arsenale della star serba - immagine 1
L’arsenale della star serba - immagine 2
L’arsenale della star serba - immagine 3
L’arsenale della star serba - immagine 4
L’arsenale della star serba - immagine 5
L’arsenale della star serba - immagine 6
Esteri
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Andrea ha immolato una montagna di denaro partecipare ad un torneo di golf. E il viaggio in Africa di Harry e Meghan ha stabilito il record assoluto di spesa, mentre all’orizzonte spunta una strana voglia di politica della Markle
GB, torna la corsa alla carta igienica
GB, torna la corsa alla carta igienica
Il timore di un nuovo lockdown ha riproposto le stesse scene dello scorso marzo: code infinite davanti ai supermercati e scaffali vuoti. L’invito delle autorità alla calma non frena l’accaparramento
Gli enormi mal di testa di BoJo
Gli enormi mal di testa di BoJo
L’incubo del numero di infezioni in crescita, la poca voglia degli inglesi di ubbidire ancora, la Brexit da chiudere, la minaccia di un probabile lockdown, l’economia a pezzi: per il premier inglese si prepara un autunno infernale
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
Una guardia del corpo del ministro degli esteri Dominic Raab ha dimenticato la pistola sul sedile di un aereo. Pochi mesi fa, lo stesso aveva fatto un altro agente di scorta all’ex premier David Cameron. L’imbarazzo della polizia
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca
Il triste destino dei ponti di Londra
Il triste destino dei ponti di Londra
L’Hammersmith Bridge si sta sgretolando: è stato chiuso al traffico causando enormi problemi al traffico, ma non ci sono i fondi per ripararlo e neanche per un rattoppo. Ma non è l’unico ponte ad essere messo male
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Mentre si fa sempre più strada l’ipotesi di scontri fra gang che hanno insanguinato il sabato sera della città inglese, a Parigi un uomo è stato accoltellato sui binari della Gare du Nord di Parigi
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Una donna di 27 anni ha ucciso 5 dei suoi 6 figli tentando poi di togliersi la vita. Gli abitanti di Solingen raccontano di aver visto agenti in lacrime uscire dall’appartamento
GB, con la seconda ondata 85mila morti
GB, con la seconda ondata 85mila morti
È la peggiore delle previsioni fatte da uno studio governativo inglese realizzato da scienziati ed esperti. L’influenza stagionale potrebbe complicare l’individuazione di possibili contagi