L’assedio di Malta

| Il premier Muscat sotto pressione per le accuse piovute sul suo governo e per alcune decisioni che sono apparse come un esempio di preoccupante pressapochismo. Se non peggio

+ Miei preferiti
L’arresto del finanziere Yorgen Fenech, accusato di essere il mandante dell’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, doveva essere la dimostrazione lampante, davanti agli occhi del mondo, che Malta lotta contro le ingiustizie, la violenza e gli affari loschi. Ma non è andata esattamente così.

La discussa decisione del premier Muscat di concedere la grazia a Melvin Theuma, tassista ed usuraio che aveva promesso di fare nomi e cognomi in cambio dell’immunità, si è trasformata in un boomerang che avrà inevitabili conseguenze sul governo. La prima, più immediata, l’imbarazzo per i due nomi eccellenti coinvolti in un traffico di mazzette e tangenti: il capo di gabinetto Keith Schembri e il ministro Konrad Mizzi. La seconda, la farraginosa decisione di rilasciare Fenech in attesa della conclusione delle indagini, malgrado fosse stato bloccato al limite delle acque territoriali maltesi mentre tentava di fuggire, salvo poi arrestarlo nuovamente.

Un pressapochismo che sgomenta l’opinione pubblica, almeno quanto faccia da tempo la strana e intermittente giustizia maltese. Ma Joseph Muscat, da politico scafato, invece di scegliere la via del silenzio ha scelto la strada di controllore del traffico della vicenda, assumendosi il ruolo di cicerone: prima ha voluto precisare che il suo governo non c’entra nulla e non corre alcun pericolo, quindi ha spiegato che il rilascio di Fenech non era un tentativo di “proteggere qualcuno” ma una norma delle leggi maltesi, che consentono di trattenere un sospettato per un massimo di 48 ore senza incriminazione formale. Una vicenda pasticciata, resa ancora peggiore dai continui passi avanti seguiti da altri all’indietro, che ha messo le ali all’opposizione: Adrian Delia, leader del Partito Nazionalista ha chiesto l’intervento del capo dello Stato, George Vella, per “un evidente conflitto di interessi e una crisi costituzionale senza precedenti”.

Come se non bastasse, a prendere le distanze dagli avvenimenti degli ultimi giorni è anche la famiglia di Daphne: “Siamo sgomenti nel vedere il primo ministro mettersi al centro di un’indagine in corso che vede implicati il suo gabinetto e i suoi collaboratori più stretti - hanno scritto in una nota – Il premier dovrebbe restare ben lontano dall’indagine, e vogliamo credere che è ciò che farà. Siamo pronti a utilizzare tutti gli strumenti che la legge ci consente perché l’indagine penale faccia il suo corso e risponda a criteri di imparzialità e indipendenza. Troppe persone hanno lavorato duramente e per troppo tempo perché si facesse giustizia, e soprattutto per permettere ora che questa sia negata dal Primo ministro".

Fonti di polizia fanno intanto sapere che Melvin Theuma, da giorni sotto torchio, “non avrebbe ancora detto tutto”. Lasciando intuire altri guai in arrivo, forse anche peggiori.

Esteri
Olanda, i container per le torture
Olanda, i container per le torture
In coordinamento con la polizia europea, le forze dell’ordine olandesi hanno sgominato una banda che aveva attrezzato sei container per torturare
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Finito al centro di un’indagine internazionale per possesso di materiale pedopornografico pedofilia, all’ex ambasciatore ungherese in Perù vicino al presidente Orban è stato garantito un trattamento giudiziario di favore
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
L’immagine di Nadezhda Zhukova in costume fra i malati di Covid-19 aveva fatto il giro del mondo. Un’inchiesta l’ha scagionata e ore sogna di diventare medico, ma nel frattempo ha iniziato anche a posare per un marchio sportivo
GB: notte di sangue a Reading
GB: notte di sangue a Reading
Un uomo armato di coltello si è gettato sulla folla che sciamava dopo una manifestazione antirazzismo: prima di essere bloccato è riuscito a uccidere tre persone e ferirne altrettanto. Per la polizia non si tratta di terrorismo