Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo

| Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi

+ Miei preferiti
Non c’è pace per l’Eliseo: semi-travolto da una lunga teoria di scandali sessuali e bocciato dalla Francia intera per la legge sull’ambiente - promessa come epocale e nella realtà rivista e corretta - adesso finisce sotto accusa per alcune “cene clandestine”, consumate in barba ad ogni divieto all’interno di non meglio precisati ristoranti di Parigi, esclusivi e carissimi.

Uno scoop del canale televisivo “M6”, che è riuscito ad infiltrare un proprio reporter armato di telecamera nascosta ad una cena illegale, registrando anche una piacevole chiacchierata con uno degli organizzatori, che non sapendo di essere ripreso ammetteva la presenza di “numerosi membri dell’esecutivo, fra cui alcuni ministri”. Nelle immagini, trasmesse in prima serata, c’è perfino modo di leggere il menù a case di caviale e champagne, con un costo compreso fra 160 e 490 euro, appositamente studiato da una “ristorante sotterraneo di un quartiere elegante”. Nessuno, ovviamente, indossa le mascherine, né i clienti e tantomeno camerieri e sommelier.

Nel mezzo del terzo lockdown durissimo imposto da Macron, una libertà che non è andata giù ai francesi, che continuano ad unirsi all’hashtag #OnVeoutLesNoms (vogliamo i nomi), per conoscere l’elenco dei partecipanti e invocare le dimissioni dei politici coinvolti.

Una situazione precipitata nel giro di poche ore che ha costretto il ministro dell’interno Gerald Damanin ad annunciare la richiesta al prefetto di Parigi di verificare innanzi tutto la veridicità degli episodi, e nel caso a promettere che “se fosse accertata l’eventuale partecipazione di componenti del governo non ci saranno sconti né privilegi”. Dichiarazioni a cui si sono uniti il vice ministro dell’interno, Marlene Schiappa e quello delle finanze, Bruno Le Maire, il quale si è però detto convinto che nessuno dei suoi colleghi abbia partecipato a cene clandestine.

Esteri
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente
La talpa del 10 di Downing Street
La talpa del 10 di Downing Street
I tabloid inglesi continuano ad essere inondati di rivelazioni scottanti sugli atteggiamenti e il comportamento del premier Johnson. Sospettato numero uno David Cummings, l'ex braccio destro in cerca di vendetta
40 giorni sottoterra
40 giorni sottoterra
Si è concluso il “Deep Time”, l’esperimento di chiudere 15 volontari francesi in una grotta senza orologi, telefoni e luce del sole. L’obiettivo è di studiare il grado di adattamento fisico e mentale
«Non restituite gli ex terroristi all’Italia»
«Non restituite gli ex terroristi all’Italia»
Un appello degli intellettuali francesi, pubblicato su Le Monde, ribadisce la visione democratica e soprattutto umana la Dottrina Mitterand. Nei giorni scorsi, la ministra Cartabia aveva avuto colloqui con l'omologo francese
A Liverpool un esperimento di musica live
A Liverpool un esperimento di musica live
A godersi il concerto dei “Blossoms” sul palco dello Sefton Park saranno 5.000 persone senza mascherina e distanziamento. Si tratta di un progetto voluto dal ministero della salute per verificare eventuali casi di trasmissione