Le grandi manovre di Buckingham Palace

| Allo scoccare del 95esimo compleanno, la regina Elisabetta sarebbe pronta a nominare Charles “Principe Reggente”: un’abdicazione a metà, visto che lei resterebbe comunque la sovrana

+ Miei preferiti
Mentre la “Ditta” cerca di assorbire l’ennesimo strappo alla propria onorabilità, quello di Andrew, il principe finito nel guazzabuglio dello scandalo Epstein, Buckingham Palace sarebbe al centro di alcune manovre svelate dalla stampa inglese. Il principe Carlo, sceso in prima persona per bacchettare il fratello indisciplinato, di ritorno dal tour ufficiale in Nuova Zelanda sarebbe corso direttamente a Sandrigham per incontrare suo padre Filippo e fare il punto della situazione: al centro della discussione la figuraccia rimediata da Andrew e le possibili ripercussioni legali, ma anche la sua sempre più possibile ascesa al trono, dopo un’attesa sfibrante. La notizia del giorno è che allo scoccare del 95esimo compleanno, Elisabetta II sarebbe pronta a delegare al figlio maggiore buona parte degli incarichi istituzionali. Non si tratterebbe di un’abdicazione in piena regola, ma di un passaggio intermedio comunque epocale: Carlo dovrebbe assumere il ruolo di “Principe Reggente”, una re ombra, mentre sua madre conserverebbe quello di sovrana, fin quando la divina provvidenza glielo concederà. Ipotesi avvalorata anche dalla scelta della Regina di ridurre gradualmente il numero di impegni pubblici a cui partecipa: dai 332 nel 2016 si è passati a 283 nel 2018. Mentre per Charles, al contrario, si contano ben 507 occasioni in cui ha dovuto rappresentare la sovrana.

I 95 anni sono considerati la soglia massima per i Windsor: è la stessa età in cui il principe Filippo ha deciso che era ora di ritirarsi dalle funzioni pubbliche, e in più, secondo fonti vicine alla Royal Family, “Lo scandalo che circonda Andrew ha dato a Charles l’opportunità di intervenire e dimostrare che ha il polso necessario per dirigere “La Ditta”: nessuno è più grande della monarchia, nemmeno il figlio prediletto della regina”. Charles, per di più, non ha mai nascosto di immaginare una monarchia snella, che non include necessariamente suo fratello minore e le sue figlie, la principessa Beatrice e la principessa Eugenia.

Molti sudditi sono convinti che da quando il principe Filippo - che governava la sua famiglia con il pugno di ferro - si è ritirato dalla vita pubblica, la “disciplina” all’interno della famiglia reale non è più stata la stessa, da qui la scellerata decisione di Andrew di accettare la disastrosa intervista televisiva sulla controversa amicizia con il pedofilo Jeffrey Epstein. La regina è stata definita “profondamente frustrata” dal fatto che lo scandalo rischiasse di mettere in ombra il resto del lavoro della famiglia reale, anche se, secondo la fonte, è rimasta “privatamente solidale” del suo secondogenito. E Andrea è stato privato dei doveri reali pare anche su suggerimento di Carlo, che ha ritenuto il suo allontanamento dalla vita pubblica “la cosa giusta da fare”. Andrew ha accettato di buon grado, ma sperava almeno di poter conservare la cordata di 200 associazioni che lo seguivano nella beneficenza, ma ancora una volta è stato costretto al ritiro, dopo aver capito di non essere più gradito.

Galleria fotografica
Le grandi manovre di Buckingham Palace - immagine 1
Esteri
GB, polemiche per la pedofila graziata
GB, polemiche per la pedofila graziata
Monica McCanch, condannata nel 2007 per abusi su minori e uscita di galera, ha ottenuto la revoca del divieto di avere contatti con minori di 16 anni. Secondo il tribunale non sarebbe più un soggetto a rischio
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Cosimo Chionna, su cui pensava un mandato di cattura internazionale, è accusato di oltre 160 stupri in 14 anni
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Polemiche e proteste per la decisione di alcuni istituti superiori di adottare t-shirt consegnate all’ingresso delle scuole alle studentesse con abiti provocanti o succinti