Le prime verità sulla strage dei migranti

| Le 39 persone chiuse all’interno del tir sono morte almeno 12 ore prima di raggiungere il Regno Unito, chiuse in un camion refrigerato. Polemiche dalla Cina

+ Miei preferiti
I 39 migranti cinesi i cui corpi sono stati trovati in un rimorchio di camion refrigerato nell’Essex erano morti da almeno 12 ore prima di raggiungere il Regno Unito: l’autista del tir, Maurice “Mo” Robinson, 25 anni, è in stato di fermo, sospettato di omicidio plurimo. Il rimorchio è arrivato a Purfleet da Zeebrugge, in Belgio, verso le 12:30, di mercoledì, dopo dieci ore di traghetto, mentre la motrice del camion è giunta domenica dall’Irlanda via Holyhead, nel Galles del Nord.

Ieri sera, la polizia ha iniziato il triste compito di rimuovere le salme dal camion, con 11 vittime portate in ambulanza privata dal porto di Tilbury al Broomfield Hospital di Chelmsford. La polizia ha confermato che tutte le vittime sono di nazionalità cinese, fra loro otto donne e un ragazzino: secondo le prime ricostruzioni sarebbero morti di ipotermia.

Le bande cinesi "Snakehead" sono sospettate di padroneggiare la trama del contrabbando di migranti.

Gli sbirri inoltre sono detti per studiare un gruppo criminale con i collegamenti ai paramilitari dissidenti irlandesi dissidenti: “Il tir era sigillata ermeticamente per evitare l’ingresso del calore e mantenere i prodotti a temperatura costante”. Fonti vicine alla polizia irlandese hanno confermato che l’unità di refrigerazione - che può abbassare la temperatura fino a -25°C - è stata accesa, lasciando alle 39 persone “nessuna possibilità di sopravvivenza”. Circa 4.000 container vengono spediti ogni giorno attraverso la Manica dal Belgio al Regno Unito, sottoposti a controlli con rivelatori di CO2 effettuati solo sui mezzi con rivestimento in tela. Quelli refrigerati non subiscono controlli se non ci sono segni manomissione dei sigilli.

Il camion, normalmente utilizzato per trasportare biscotti, ha lasciato Purfleet poco dopo le 1:05 del mattino e gli agenti sono stati chiamati circa 30 minuti dopo che il personale dell’ambulanza ha fatto la macabra scoperta al Waterglade Industrial Park. La gente del posto, che abita vicino ai moli dell’Essex, commenta di aver spesso denunciato il contrabbando di persone, ma le autorità non hanno mai agito: è normale ritrovare passaporti per strada vedere migranti che vengono trasferiti dai camion ai pullman. Tre anni fa, la polizia aveva avvertito il governo che i trafficanti di esseri umani stavano prendendo di mira Purfleet in quanto “meno presidiato” rispetto ad altri porti.

La televisione bulgara ha rintracciato il proprietario del camion Scania coinvolto nella tragedia, ma insieme al marito hanno confermato di aver venduto il mezzo un anno fa a una società irlandese. L’autocarro è stato acquistato nel 2017 a Varna da una società irlandese, ma da allora non è più tornato in Bulgaria. Varna è nota per il contrabbando di sigarette e di carburante e ha legami con le bande repubblicane irlandesi: i detective della National Crime Agency stanno verificando se dietro il tir della morte si nasconda una banda di contrabbandieri irlandesi con legami con la Bulgaria.

L’orrore ha echi agghiaccianti ad un episodio simile che risale al 2000, quando 58 clandestini cinesi sono morti in un camion che viaggiava in traghetto dal Belgio alla Gran Bretagna: in entrambe le tragedie, le vittime sono arrivate da Zeebrugge nel porto di Purfleet nell’Essex.

Il Global Times cinese, media sotto il controllo governativo, ha invitato la Gran Bretagna e gli altri paesi europei ad assumersi qualche responsabilità per la strage: “Un disastro umanitario così grave si è verificato sotto gli occhi dei britannici e degli europei. È chiaro non hanno adempiuto alla loro responsabilità di proteggere queste persone da una morte atroce. Immaginate quanto misure accurata adotterebbero i paesi europei se decine di loro connazionali fossero morti in un modo così tragico”.

Il team della polizia che indaga sulla strage hanno perquisito tre abitazioni nella contea di Armagh che si ritiene in qualche modo collegate all’indagine. Tra queste ci sono la casa dell’autista e quella dei suoi genitori.

Galleria fotografica
Le prime verità sulla strage dei migranti - immagine 1
Le prime verità sulla strage dei migranti - immagine 2
Esteri
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Alessandro Donati, milanese, ha ammesso davanti alla corte di Londra di aver svaligiato le residenze di celebrità come la figlia dell’ex patron della F1, di Frank Lampard e di un miliardario thailandese
Irlanda, sesta notte di proteste
Irlanda, sesta notte di proteste
Elementi infiltrati hanno alzato il livello degli scontri, mettendo a ferro e fuoco Belfast: un autobus dato alle fiamme e scontri violenza con la polizia sono proseguiti per tutta la notte
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi
Francia, smantellata la banda dei Lego
Francia, smantellata la banda dei Lego
Studiavano nei dettagli i negozi e magazzini da colpire, poi rivendevano i mattoncini sul mercato nero, dove pare siano richiestissimi
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Alla sua prima uscita pubblica dal castello di Windsor, la regina rende omaggio all’aviazione militare australiana. Un cenno verso un Paese che continua a chiedersi che senso ha avere una monarca così distante
Il #MeToo degli studenti inglesi
Il #MeToo degli studenti inglesi
Un sito per segnalazioni anonime ha registrato oltre 7.000 di stupri, violenze e bullismo, scoperchiando un realtà preoccupante su cui adesso tutti vogliono vederci chiaro
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Nei quattro anni di relazione clandestina (in realtà alla luce del sole) con l’allora sindaco di Londra, l’imprenditrice americana avrebbe ricevuto favori e contratti. Un’indagine vuole fare chiarezza, e Jonshon rischia grosso
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
Manifestazioni in tutto il Paese per un pacchetto di misure che sulla carta avrebbero dovuto trasformare ila Francia in un esempio, e che invece son o state riviste e scorrette per non scontentare i poteri forti
Peggiorano le condizioni di Navalny
Peggiorano le condizioni di Navalny
I suoi legali denunciano che l’ex dissidente accusa crescenti problemi di salute. Secondo qualcuno sarebbe ricoverato in ospedale, ma le autorità russe vietato a chiunque di avvicinarlo
Australia, i video hard dei parlamentari
Australia, i video hard dei parlamentari
Trema il governo di Scott Morrison, alle prese con il terzo caso di abusi sessuali nel giro di poche settimane. Questa volta sono emersi video e foto che mostrano i dipendenti mentre hanno rapporti sessuali negli uffici dei vari ministri