Le prime verità sulla strage dei migranti

| Le 39 persone chiuse all’interno del tir sono morte almeno 12 ore prima di raggiungere il Regno Unito, chiuse in un camion refrigerato. Polemiche dalla Cina

+ Miei preferiti
I 39 migranti cinesi i cui corpi sono stati trovati in un rimorchio di camion refrigerato nell’Essex erano morti da almeno 12 ore prima di raggiungere il Regno Unito: l’autista del tir, Maurice “Mo” Robinson, 25 anni, è in stato di fermo, sospettato di omicidio plurimo. Il rimorchio è arrivato a Purfleet da Zeebrugge, in Belgio, verso le 12:30, di mercoledì, dopo dieci ore di traghetto, mentre la motrice del camion è giunta domenica dall’Irlanda via Holyhead, nel Galles del Nord.

Ieri sera, la polizia ha iniziato il triste compito di rimuovere le salme dal camion, con 11 vittime portate in ambulanza privata dal porto di Tilbury al Broomfield Hospital di Chelmsford. La polizia ha confermato che tutte le vittime sono di nazionalità cinese, fra loro otto donne e un ragazzino: secondo le prime ricostruzioni sarebbero morti di ipotermia.

Le bande cinesi "Snakehead" sono sospettate di padroneggiare la trama del contrabbando di migranti.

Gli sbirri inoltre sono detti per studiare un gruppo criminale con i collegamenti ai paramilitari dissidenti irlandesi dissidenti: “Il tir era sigillata ermeticamente per evitare l’ingresso del calore e mantenere i prodotti a temperatura costante”. Fonti vicine alla polizia irlandese hanno confermato che l’unità di refrigerazione - che può abbassare la temperatura fino a -25°C - è stata accesa, lasciando alle 39 persone “nessuna possibilità di sopravvivenza”. Circa 4.000 container vengono spediti ogni giorno attraverso la Manica dal Belgio al Regno Unito, sottoposti a controlli con rivelatori di CO2 effettuati solo sui mezzi con rivestimento in tela. Quelli refrigerati non subiscono controlli se non ci sono segni manomissione dei sigilli.

Il camion, normalmente utilizzato per trasportare biscotti, ha lasciato Purfleet poco dopo le 1:05 del mattino e gli agenti sono stati chiamati circa 30 minuti dopo che il personale dell’ambulanza ha fatto la macabra scoperta al Waterglade Industrial Park. La gente del posto, che abita vicino ai moli dell’Essex, commenta di aver spesso denunciato il contrabbando di persone, ma le autorità non hanno mai agito: è normale ritrovare passaporti per strada vedere migranti che vengono trasferiti dai camion ai pullman. Tre anni fa, la polizia aveva avvertito il governo che i trafficanti di esseri umani stavano prendendo di mira Purfleet in quanto “meno presidiato” rispetto ad altri porti.

La televisione bulgara ha rintracciato il proprietario del camion Scania coinvolto nella tragedia, ma insieme al marito hanno confermato di aver venduto il mezzo un anno fa a una società irlandese. L’autocarro è stato acquistato nel 2017 a Varna da una società irlandese, ma da allora non è più tornato in Bulgaria. Varna è nota per il contrabbando di sigarette e di carburante e ha legami con le bande repubblicane irlandesi: i detective della National Crime Agency stanno verificando se dietro il tir della morte si nasconda una banda di contrabbandieri irlandesi con legami con la Bulgaria.

L’orrore ha echi agghiaccianti ad un episodio simile che risale al 2000, quando 58 clandestini cinesi sono morti in un camion che viaggiava in traghetto dal Belgio alla Gran Bretagna: in entrambe le tragedie, le vittime sono arrivate da Zeebrugge nel porto di Purfleet nell’Essex.

Il Global Times cinese, media sotto il controllo governativo, ha invitato la Gran Bretagna e gli altri paesi europei ad assumersi qualche responsabilità per la strage: “Un disastro umanitario così grave si è verificato sotto gli occhi dei britannici e degli europei. È chiaro non hanno adempiuto alla loro responsabilità di proteggere queste persone da una morte atroce. Immaginate quanto misure accurata adotterebbero i paesi europei se decine di loro connazionali fossero morti in un modo così tragico”.

Il team della polizia che indaga sulla strage hanno perquisito tre abitazioni nella contea di Armagh che si ritiene in qualche modo collegate all’indagine. Tra queste ci sono la casa dell’autista e quella dei suoi genitori.

Galleria fotografica
Le prime verità sulla strage dei migranti - immagine 1
Le prime verità sulla strage dei migranti - immagine 2
Esteri
La Scozia pretende
un secondo referendum
La Scozia pretende<br>un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente
La talpa del 10 di Downing Street
La talpa del 10 di Downing Street
I tabloid inglesi continuano ad essere inondati di rivelazioni scottanti sugli atteggiamenti e il comportamento del premier Johnson. Sospettato numero uno David Cummings, l'ex braccio destro in cerca di vendetta
40 giorni sottoterra
40 giorni sottoterra
Si è concluso il “Deep Time”, l’esperimento di chiudere 15 volontari francesi in una grotta senza orologi, telefoni e luce del sole. L’obiettivo è di studiare il grado di adattamento fisico e mentale
«Non restituite gli ex terroristi all’Italia»
«Non restituite gli ex terroristi all’Italia»
Un appello degli intellettuali francesi, pubblicato su Le Monde, ribadisce la visione democratica e soprattutto umana la Dottrina Mitterand. Nei giorni scorsi, la ministra Cartabia aveva avuto colloqui con l'omologo francese
A Liverpool un esperimento di musica live
A Liverpool un esperimento di musica live
A godersi il concerto dei “Blossoms” sul palco dello Sefton Park saranno 5.000 persone senza mascherina e distanziamento. Si tratta di un progetto voluto dal ministero della salute per verificare eventuali casi di trasmissione
Francia: il caso di Mia, fatta rapire dalla madre
Francia: il caso di Mia, fatta rapire dalla madre
È il colpo di scena di una vicenda più intricata di quel che sembra. I tre rapitori, arrestati dalla polizia, hanno confessato che il mandante del sequestro era la madre, una donna con gravi problemi comportamentali