Le prime verità sulla strage dei migranti

| Le 39 persone chiuse all’interno del tir sono morte almeno 12 ore prima di raggiungere il Regno Unito, chiuse in un camion refrigerato. Polemiche dalla Cina

+ Miei preferiti
I 39 migranti cinesi i cui corpi sono stati trovati in un rimorchio di camion refrigerato nell’Essex erano morti da almeno 12 ore prima di raggiungere il Regno Unito: l’autista del tir, Maurice “Mo” Robinson, 25 anni, è in stato di fermo, sospettato di omicidio plurimo. Il rimorchio è arrivato a Purfleet da Zeebrugge, in Belgio, verso le 12:30, di mercoledì, dopo dieci ore di traghetto, mentre la motrice del camion è giunta domenica dall’Irlanda via Holyhead, nel Galles del Nord.

Ieri sera, la polizia ha iniziato il triste compito di rimuovere le salme dal camion, con 11 vittime portate in ambulanza privata dal porto di Tilbury al Broomfield Hospital di Chelmsford. La polizia ha confermato che tutte le vittime sono di nazionalità cinese, fra loro otto donne e un ragazzino: secondo le prime ricostruzioni sarebbero morti di ipotermia.

Le bande cinesi "Snakehead" sono sospettate di padroneggiare la trama del contrabbando di migranti.

Gli sbirri inoltre sono detti per studiare un gruppo criminale con i collegamenti ai paramilitari dissidenti irlandesi dissidenti: “Il tir era sigillata ermeticamente per evitare l’ingresso del calore e mantenere i prodotti a temperatura costante”. Fonti vicine alla polizia irlandese hanno confermato che l’unità di refrigerazione - che può abbassare la temperatura fino a -25°C - è stata accesa, lasciando alle 39 persone “nessuna possibilità di sopravvivenza”. Circa 4.000 container vengono spediti ogni giorno attraverso la Manica dal Belgio al Regno Unito, sottoposti a controlli con rivelatori di CO2 effettuati solo sui mezzi con rivestimento in tela. Quelli refrigerati non subiscono controlli se non ci sono segni manomissione dei sigilli.

Il camion, normalmente utilizzato per trasportare biscotti, ha lasciato Purfleet poco dopo le 1:05 del mattino e gli agenti sono stati chiamati circa 30 minuti dopo che il personale dell’ambulanza ha fatto la macabra scoperta al Waterglade Industrial Park. La gente del posto, che abita vicino ai moli dell’Essex, commenta di aver spesso denunciato il contrabbando di persone, ma le autorità non hanno mai agito: è normale ritrovare passaporti per strada vedere migranti che vengono trasferiti dai camion ai pullman. Tre anni fa, la polizia aveva avvertito il governo che i trafficanti di esseri umani stavano prendendo di mira Purfleet in quanto “meno presidiato” rispetto ad altri porti.

La televisione bulgara ha rintracciato il proprietario del camion Scania coinvolto nella tragedia, ma insieme al marito hanno confermato di aver venduto il mezzo un anno fa a una società irlandese. L’autocarro è stato acquistato nel 2017 a Varna da una società irlandese, ma da allora non è più tornato in Bulgaria. Varna è nota per il contrabbando di sigarette e di carburante e ha legami con le bande repubblicane irlandesi: i detective della National Crime Agency stanno verificando se dietro il tir della morte si nasconda una banda di contrabbandieri irlandesi con legami con la Bulgaria.

L’orrore ha echi agghiaccianti ad un episodio simile che risale al 2000, quando 58 clandestini cinesi sono morti in un camion che viaggiava in traghetto dal Belgio alla Gran Bretagna: in entrambe le tragedie, le vittime sono arrivate da Zeebrugge nel porto di Purfleet nell’Essex.

Il Global Times cinese, media sotto il controllo governativo, ha invitato la Gran Bretagna e gli altri paesi europei ad assumersi qualche responsabilità per la strage: “Un disastro umanitario così grave si è verificato sotto gli occhi dei britannici e degli europei. È chiaro non hanno adempiuto alla loro responsabilità di proteggere queste persone da una morte atroce. Immaginate quanto misure accurata adotterebbero i paesi europei se decine di loro connazionali fossero morti in un modo così tragico”.

Il team della polizia che indaga sulla strage hanno perquisito tre abitazioni nella contea di Armagh che si ritiene in qualche modo collegate all’indagine. Tra queste ci sono la casa dell’autista e quella dei suoi genitori.

Galleria fotografica
Le prime verità sulla strage dei migranti - immagine 1
Le prime verità sulla strage dei migranti - immagine 2
Esteri
L’amante di Putin, da donna delle pulizie a miliardaria
L’amante di Putin, da donna delle pulizie a miliardaria
Più che le faccende di cuore del presidente, a finire nel mirino della testata d’opposizione “Proekt” è il misterioso flusso costante di capitali e proprietà
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Insieme a lui il suo ex avvocato di fiducia Thierry Herzog e il giudice Gilbert Azibert. Il giudice avrebbe fornito informazioni riservate sulle inchieste per finanziamento della campagna elettorale, chiedendo in cambio un posto a Monaco
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Zlatko Sikorsky, 36 anni, è stato aggredito da un altro detenuto nel carcere di Brisbane: stava scontando la condanna per l’omicidio di Larissa Beilby, la fidanzata 16enne uccisa a pugni due anni prima
Francia, vietato filmare la polizia
Francia, vietato filmare la polizia
Un disegno di legge punta a impedire ai cittadini di riprendere le forze di polizia in azione: ai trasgressori 45mila euro di multa. Interviene anche l’Onu: deriva pericolosa che minaccia la libertà di espressione e di stampa
Eravamo quattro amici al pub
Eravamo quattro amici al pub
In Irlanda, 4 amici hanno acquistato un volo a prezzi stracciati per poter accedere all’area partenze dell’aeroporto di Dublino, dove pub e ristoranti sono aperti…
Scettico e no-mask? Niente ricovero
Scettico e no-mask? Niente ricovero
La polemica proposta di Willy Oggier, un economista svizzero che propone un registro nazionale in cui ognuno è libero di dichiarare la propria posizione in merito al virus, ma accettando anche l’idea che non sarà curato
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Dopo la spaccatura fra Johnson e il suo stratega Dominic Cummings, emerge sempre di più la figura della fidanzata del premier. Una donna tosta che sa cosa vuole, e soprattutto come ottenerlo
GB, la faida al 10 di Downing Street
GB, la faida al 10 di Downing Street
Dominic Cummings, il guru della Brexit, silurato da BoJo pare anche su gentile richiesta della fidanzata. Un maremoto che potrebbe costare la poltrona al premier
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Per due anni, il giornalista Valentin Gendrot si è finto un agente per scrivere un libro in cui ha raccontato decine di episodi abusi e razzismo, ma anche le difficili condizioni in cui lavorano i poliziotti
Putin pronto a lasciare
Putin pronto a lasciare
Un tabloid inglese rivela che il presidente russo sarebbe affetto da Parkinson: il Cremlino smentisce, ma tutto lascia pensare ad un passaggio di consegne imminente