Le prime verità sulla strage dei migranti

| Le 39 persone chiuse all’interno del tir sono morte almeno 12 ore prima di raggiungere il Regno Unito, chiuse in un camion refrigerato. Polemiche dalla Cina

+ Miei preferiti
I 39 migranti cinesi i cui corpi sono stati trovati in un rimorchio di camion refrigerato nell’Essex erano morti da almeno 12 ore prima di raggiungere il Regno Unito: l’autista del tir, Maurice “Mo” Robinson, 25 anni, è in stato di fermo, sospettato di omicidio plurimo. Il rimorchio è arrivato a Purfleet da Zeebrugge, in Belgio, verso le 12:30, di mercoledì, dopo dieci ore di traghetto, mentre la motrice del camion è giunta domenica dall’Irlanda via Holyhead, nel Galles del Nord.

Ieri sera, la polizia ha iniziato il triste compito di rimuovere le salme dal camion, con 11 vittime portate in ambulanza privata dal porto di Tilbury al Broomfield Hospital di Chelmsford. La polizia ha confermato che tutte le vittime sono di nazionalità cinese, fra loro otto donne e un ragazzino: secondo le prime ricostruzioni sarebbero morti di ipotermia.

Le bande cinesi "Snakehead" sono sospettate di padroneggiare la trama del contrabbando di migranti.

Gli sbirri inoltre sono detti per studiare un gruppo criminale con i collegamenti ai paramilitari dissidenti irlandesi dissidenti: “Il tir era sigillata ermeticamente per evitare l’ingresso del calore e mantenere i prodotti a temperatura costante”. Fonti vicine alla polizia irlandese hanno confermato che l’unità di refrigerazione - che può abbassare la temperatura fino a -25°C - è stata accesa, lasciando alle 39 persone “nessuna possibilità di sopravvivenza”. Circa 4.000 container vengono spediti ogni giorno attraverso la Manica dal Belgio al Regno Unito, sottoposti a controlli con rivelatori di CO2 effettuati solo sui mezzi con rivestimento in tela. Quelli refrigerati non subiscono controlli se non ci sono segni manomissione dei sigilli.

Il camion, normalmente utilizzato per trasportare biscotti, ha lasciato Purfleet poco dopo le 1:05 del mattino e gli agenti sono stati chiamati circa 30 minuti dopo che il personale dell’ambulanza ha fatto la macabra scoperta al Waterglade Industrial Park. La gente del posto, che abita vicino ai moli dell’Essex, commenta di aver spesso denunciato il contrabbando di persone, ma le autorità non hanno mai agito: è normale ritrovare passaporti per strada vedere migranti che vengono trasferiti dai camion ai pullman. Tre anni fa, la polizia aveva avvertito il governo che i trafficanti di esseri umani stavano prendendo di mira Purfleet in quanto “meno presidiato” rispetto ad altri porti.

La televisione bulgara ha rintracciato il proprietario del camion Scania coinvolto nella tragedia, ma insieme al marito hanno confermato di aver venduto il mezzo un anno fa a una società irlandese. L’autocarro è stato acquistato nel 2017 a Varna da una società irlandese, ma da allora non è più tornato in Bulgaria. Varna è nota per il contrabbando di sigarette e di carburante e ha legami con le bande repubblicane irlandesi: i detective della National Crime Agency stanno verificando se dietro il tir della morte si nasconda una banda di contrabbandieri irlandesi con legami con la Bulgaria.

L’orrore ha echi agghiaccianti ad un episodio simile che risale al 2000, quando 58 clandestini cinesi sono morti in un camion che viaggiava in traghetto dal Belgio alla Gran Bretagna: in entrambe le tragedie, le vittime sono arrivate da Zeebrugge nel porto di Purfleet nell’Essex.

Il Global Times cinese, media sotto il controllo governativo, ha invitato la Gran Bretagna e gli altri paesi europei ad assumersi qualche responsabilità per la strage: “Un disastro umanitario così grave si è verificato sotto gli occhi dei britannici e degli europei. È chiaro non hanno adempiuto alla loro responsabilità di proteggere queste persone da una morte atroce. Immaginate quanto misure accurata adotterebbero i paesi europei se decine di loro connazionali fossero morti in un modo così tragico”.

Il team della polizia che indaga sulla strage hanno perquisito tre abitazioni nella contea di Armagh che si ritiene in qualche modo collegate all’indagine. Tra queste ci sono la casa dell’autista e quella dei suoi genitori.

Galleria fotografica
Le prime verità sulla strage dei migranti - immagine 1
Le prime verità sulla strage dei migranti - immagine 2
Esteri
GB: stupri e violenze
alla St. Andrew University
GB: stupri e violenze<br>alla St. Andrew University
Il prestigioso ateneo scozzese al centro di diverse denunce per violenza sessuale avvenute all’interno di una confraternita in stile campus americano
Olanda, i container per le torture
Olanda, i container per le torture
In coordinamento con la polizia europea, le forze dell’ordine olandesi hanno sgominato una banda che aveva attrezzato sei container per torturare
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Finito al centro di un’indagine internazionale per possesso di materiale pedopornografico pedofilia, all’ex ambasciatore ungherese in Perù vicino al presidente Orban è stato garantito un trattamento giudiziario di favore
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
L’immagine di Nadezhda Zhukova in costume fra i malati di Covid-19 aveva fatto il giro del mondo. Un’inchiesta l’ha scagionata e ore sogna di diventare medico, ma nel frattempo ha iniziato anche a posare per un marchio sportivo