Le regole di Harry e Meghan

| Un decalogo zeppo di divieti è stato divulgato ai vicini che abitano nella zona della tenuta di Windors, nel Sussex. Regole che hanno scatenato l’indignazione di molti

+ Miei preferiti
Va bene, sono nobili e come da capitolato decisamente snob, altezzosi e viziati, ma anche per loro, il troppo stroppia. Meghan e Harry avrebbero annunciato la propria presenza nella tenuta reale di Windsor, nel Sussex, facendosi precedere da una serie di regole ferree per il vicinato, che è insorto compatto.

L’indiscrezione, rivelata dal “Sun”, parla di una sorta di decalogo a cui i fortunati che respirano la stessa aria della “royal couple” sono chiamati ad attenersi: non avvicinare e neanche tentare di approcciare conversazioni con la coppia, non salutare per primi e limitarsi a rispondere buongiorno solo se sono loro a decidere di farlo, non accarezzare i loro cani e men che meno chiedere di poter vedere il piccolo Archie. E per finire non utilizzare la casella postale di Frogmore Cottage per la propria posta personale.

I commenti si sprecano: “Mai vista una cosa simile: tutti coloro che vivono nella proprietà lavorano per loro e sanno esattamente come comportarsi. Sono regole assurde, nemmeno la Regina in persona ha mai preteso tanto: è sempre stata felice e cordiale nel salutarci, e capita spesso che prenda un the con i residenti”. Sul caso sono intervenuti gli uffici di Buckingham Palace con una nota: “Il duca e la duchessa del Sussex non sono a conoscenza delle regole. Lo scopo della riunione era quella di aiutare la piccola comunità a dare il benvenuto ai due nuovi abitanti e spiegare come gestire un possibile incontro con loro”.

Ma la cortina di riservatezza dei duchi è un muro sempre più invalicabile: dopo il battesimo tenuto segreto, la coppia avrebbe rifiutato di rivelare i nomi di padrino e madrina del piccolo, e perfino tenuto nascosto il nome del loro nuovo cane. La scoperta del decalogo non aiuta l'immagine di Meghan Markle, sempre più in caduta libera negli indici di gradimento dei sudditi.

Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente