Le regole di Harry e Meghan

| Un decalogo zeppo di divieti è stato divulgato ai vicini che abitano nella zona della tenuta di Windors, nel Sussex. Regole che hanno scatenato l’indignazione di molti

+ Miei preferiti
Va bene, sono nobili e come da capitolato decisamente snob, altezzosi e viziati, ma anche per loro, il troppo stroppia. Meghan e Harry avrebbero annunciato la propria presenza nella tenuta reale di Windsor, nel Sussex, facendosi precedere da una serie di regole ferree per il vicinato, che è insorto compatto.

L’indiscrezione, rivelata dal “Sun”, parla di una sorta di decalogo a cui i fortunati che respirano la stessa aria della “royal couple” sono chiamati ad attenersi: non avvicinare e neanche tentare di approcciare conversazioni con la coppia, non salutare per primi e limitarsi a rispondere buongiorno solo se sono loro a decidere di farlo, non accarezzare i loro cani e men che meno chiedere di poter vedere il piccolo Archie. E per finire non utilizzare la casella postale di Frogmore Cottage per la propria posta personale.

I commenti si sprecano: “Mai vista una cosa simile: tutti coloro che vivono nella proprietà lavorano per loro e sanno esattamente come comportarsi. Sono regole assurde, nemmeno la Regina in persona ha mai preteso tanto: è sempre stata felice e cordiale nel salutarci, e capita spesso che prenda un the con i residenti”. Sul caso sono intervenuti gli uffici di Buckingham Palace con una nota: “Il duca e la duchessa del Sussex non sono a conoscenza delle regole. Lo scopo della riunione era quella di aiutare la piccola comunità a dare il benvenuto ai due nuovi abitanti e spiegare come gestire un possibile incontro con loro”.

Ma la cortina di riservatezza dei duchi è un muro sempre più invalicabile: dopo il battesimo tenuto segreto, la coppia avrebbe rifiutato di rivelare i nomi di padrino e madrina del piccolo, e perfino tenuto nascosto il nome del loro nuovo cane. La scoperta del decalogo non aiuta l'immagine di Meghan Markle, sempre più in caduta libera negli indici di gradimento dei sudditi.

Esteri
L’inverno rigido di mister Johnson
L’inverno rigido di mister Johnson
Il premier inglese precipita nel malcontento: l’aumento dei casi Covid, la disoccupazione che cresce e il crollo dei colloqui sulla Brexit sono questioni che stanno venendo a galla tutte insieme
GB, avvocata di colore scambiata per imputata
GB, avvocata di colore scambiata per imputata
Per ben quattro volte, Alexandra Wilson si è vista fermare e rimproverare perché in quanto donna di colore nessuno pensava potesse essere un avvocato, ma un’imputata
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Andrea ha immolato una montagna di denaro partecipare ad un torneo di golf. E il viaggio in Africa di Harry e Meghan ha stabilito il record assoluto di spesa, mentre all’orizzonte spunta una strana voglia di politica della Markle
GB, torna la corsa alla carta igienica
GB, torna la corsa alla carta igienica
Il timore di un nuovo lockdown ha riproposto le stesse scene dello scorso marzo: code infinite davanti ai supermercati e scaffali vuoti. L’invito delle autorità alla calma non frena l’accaparramento
Gli enormi mal di testa di BoJo
Gli enormi mal di testa di BoJo
L’incubo del numero di infezioni in crescita, la poca voglia degli inglesi di ubbidire ancora, la Brexit da chiudere, la minaccia di un probabile lockdown, l’economia a pezzi: per il premier inglese si prepara un autunno infernale
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
Una guardia del corpo del ministro degli esteri Dominic Raab ha dimenticato la pistola sul sedile di un aereo. Pochi mesi fa, lo stesso aveva fatto un altro agente di scorta all’ex premier David Cameron. L’imbarazzo della polizia
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca
Il triste destino dei ponti di Londra
Il triste destino dei ponti di Londra
L’Hammersmith Bridge si sta sgretolando: è stato chiuso al traffico causando enormi problemi al traffico, ma non ci sono i fondi per ripararlo e neanche per un rattoppo. Ma non è l’unico ponte ad essere messo male
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Mentre si fa sempre più strada l’ipotesi di scontri fra gang che hanno insanguinato il sabato sera della città inglese, a Parigi un uomo è stato accoltellato sui binari della Gare du Nord di Parigi