Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi

| Andrea ha immolato una montagna di denaro partecipare ad un torneo di golf. E il viaggio in Africa di Harry e Meghan ha stabilito il record assoluto di spesa, mentre all’orizzonte spunta una strana voglia di politica della Markle

+ Miei preferiti
Per quanto indirettamente imparentati, le vicende che vedono al centro il principe Andrea e di Meghan Markle sono di tutt’altra fattura. Il primo continua a pagare a caro prezzo l’amicizia con il pedofilo americano Jeffrey Epstein, la seconda è vista da sempre coma l’odiata donna che è riuscita a strappare alla Royal Family un pezzo pregiato come il principe William.

Eppure, sono loro due a tenere banco su media del Regno Unito in questi giorni. Allo sputtanamento quotidiano del Duca di York si è aggiunta un rivelazione del “Daily Mirror” secondo cui lo scorso anno, appena tre settimane dopo l’arresto di Epstein, Andrea avrebbe speso 16mila sterline per volare in Irlanda e partecipare all’Open Championship di golf. La voce, inclusa nel report annuale delle spese della Royal Family, ha scatenato l’ennesima ondata di indignazione dell’opinione pubblica britannica, dopo che il quotidiano ha ricordato che ben 16 voli quotidiani collegano Londra e Belfast.

Un portavoce di Buckingham Palace ha tentato una difesa di Andrew: “Il principe era in visita in qualità di patron dell’evento. Gli spostamenti in casi come questo non gli permettono di spostarsi con voli di linea”. Ma la spiegazione ha addirittura alimentato sdegno, proteste e ironie come quelle del presentato televisivo Piers Morgan: “Per essere chiari: icittadini britannici hanno speso 15.848 sterline per il volo del principe Andrea per Portrush, per gli Open di golf, tre settimane dopo che il suo amico pedofilo, Jeffrey Epstein, veniva arrestato per traffico di minori. È un disgustoso spreco dei nostri soldi”.

Ad appena qualche pagina di distanza, spunta Meghan Markle, che secondo alcune indiscrezioni raccolte da “Vanity Fair” da fonti vicine all’ex coppia reale, starebbe pensando seriamente ad una discesa in politica, puntando direttamente alle presidenziali del 2024 come prima presidente americana donna e per di più di colore. L’indizio dopo la discesa in campo di Harry e Meghan di pochi giorni fa, con un video in cui invitavano gli americani a non sprecare il voto e soprattutto a dire basta “i messaggi di odio, la disinformazione e la negatività”. Senza mai nominarlo, un chiaro e lampante attacco verso Donald Trump, il quale ha replicato serafico di non essere mai stato fan di Meghan, facendo gli auguri a Harry “perché ne avrà bisogno”.

Sempre nel “Sovereign Grant”, il rapporto sulle spese della famiglia reale, evidenzia un altro spreco che proprio non va giù ai sudditi. Il “royal tour” africano dello scorso anno di H&M, è costato la bellezza di 246mila sterline per soli 10 giorni. È un record assoluto di spesa, sottolineano i media, seguito dalla visita ufficiale di Carlo in Oman, costata 210 milioni di sterline: al terzo posto il viaggio di cinque giorni di William e Kate in Pakistan, che sono andati al risparmio immolando “solo” 117mila sterline.

Esteri
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Polemiche e proteste per la decisione di alcuni istituti superiori di adottare t-shirt consegnate all’ingresso delle scuole alle studentesse con abiti provocanti o succinti
Navalny: «Putin mi voleva morto»
Navalny: «Putin mi voleva morto»
“C’è lui dietro al mio avvelenamento”: la pesante accusa lanciata dal dissidente russo in un’intervista in cui ribadisce di voler tornare al suo posto in Russia
La scomoda verità delle spettacolari residenze inglesi
La scomoda verità delle spettacolari residenze inglesi
Dietro la bellezza a volte fiabesca di palazzi immersi nel verde, si nasconde il risvolto meno conosciuto dell’impero britannico, fra schiavitù e colonialismo. Luoghi che il “National Trust” ha censito, scatenando le polemiche