Le ultime ore di Vincent Lambert

| Tetraplegico e in stato vegetativo da 10 anni, all’uomo sono state eliminate l’alimentazione l’idratazione. Sulla sua sorte è in corso da anni una battaglia legale, culminata con una sentenza del Consiglio di Stato

+ Miei preferiti
Vincent Lambert sta morendo: qualche ora fa, i medici del “Centre Hospitalier Universitaire” di Reims, nel nord della Francia, hanno avviato la procedura che metterà fine alla sua esistenza, eliminando l’alimentazione forzata e l’idratazione.

È la fine di un uomo tetraplegico da dieci anni il cui destino da settimane divide in due la Francia, cominciando dalla sua stessa famiglia: i genitori si sono sempre opposti, mentre la moglie è d’accordo. In mezzo si sono dati battaglia avvocati, tribunali francesi ed europei, esperti e organizzazioni umanitarie, fino alla decisione di Vincent Sanchez, medico a capo dell’unità per cerebrolesi dell’ospedale, che ha scelto di applicare quanto previsto dal Consiglio di Stato francese, che nei giorni scorsi ha stabilito il via libera allo stop delle cure dopo anni in cui la giustizia aveva invece dato ragione alla tesi dei genitori. Una sentenza che questa volta ha tenuto conto della volontà del paziente, che prima dell’incidente aveva più volte manifestato la volontà di non essere mantenuto in vita.

Una vicenda che ricorda quella di Eluana Englaro e dell’americana Terri Schiavo e che in Francia ha aperto la strada ad un acceso dibattito fra chi ritiene che il diritto alla vita sia da difendere fino all’ultimo sospiro e chi invece crede che sia inumano infliggere inutili sofferenze a un paziente che non potrà mai migliorare.

Vincent Lambert, 42 anni, era un infermiere psichiatrico che nel 2008 rimase coinvolto in un grave incidente stradale: l’urto gli aveva provocato una lesione cerebrale permanente che l’ha reso tetraplegico e in una condizione vegetativa. Tre anni dopo aver tentato ogni cura possibile, i medici escludono ogni possibilità di miglioramento. Si apre una vera battaglia familiare, con la moglie Rachel, il nipote e sei degli otto fratelli dell’uomo che ritengono sia giusto staccare le macchine che ancora lo tengono in vita, mentre i genitori, Pierre e Viviane, ferventi cattolici, si dicono convinti che Vincent si trovi in uno stato di “coscienza minima” che renderebbe il gesto un vero e proprio omicidio.

Viviane, la mamma di Vincent, ha appreso il via al procedimento di eutanasia via email – “Nessuno ci ha detto nulla, sono dei mostri” – mentre l’avvocato ha annunciato tre ricorsi d’urgenza per bloccare la procedura e formulato diverse richieste di provvedimenti disciplinari per il dottor Sanchez e l’equipe medica. Da ieri, all’esterno dall’ospedale di Reims, circa 200 persone manifestano chiedendo di salvare la vita di Vincent.

In Francia, dal 17 marzo 2005 è in vigore la “Leonetti”, una legge sul fine vita (prende il nome dal deputato Jean Leonetti), che su richiesta specifica del paziente, per evitare sofferenze e per non essere vittima di “ostinazione irragionevole”, ammette la sedazione profonda e continua con arresto dei trattamenti di sostegno vitale.

Durissimi i commenti della Santa Sede e altrettanto forti le parole di Philippe Petiti, presidente dell’Unione nazionale delle associazioni di famiglie di cerebrolesi: “Oggi tocca a Vincent, domani potrebbe toccare ad una delle altre 1.500 persone attualmente assistite in Francia”.

Galleria fotografica
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 1
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 2
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 3
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 4
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 5
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 6
Esteri
H&M non sono più reali
H&M non sono più reali
L’ultimo giorno in cui i Sussex possono fregiarsi dei titoli nobiliari. A dar loro il benvenuto fra i comuni mortali il presidente Trump, che commentando il loro arrivo in America ha commentato “Non pagheremo per la loro protezione
H&M, il problema della sicurezza passa agli americani
H&M, il problema della sicurezza passa agli americani
Poco prima dello stop ai voli internazionali, hanno raggiunto Los Angeles, dove i Sussex vorrebbero mettere radici. Ma perdendo lo status di reali, perderanno anche il diritto alla protezione stabilita per legge
GB: il mistero della missione navale russa
GB: il mistero della missione navale russa
La Royal Navy ha rivelato che per otto giorni le proprie navi hanno seguito e pattugliato l’attività di alcune misteriose fregate russe
È morto il principe Filippo?
È morto il principe Filippo?
Al momento sembra una fake news che si rincorre da settimane, ma la regina ha annunciato una comunicazione straordinaria al Paese che insospettisce i tabloid: l'ultima era stata per annunciare la morte della madre
Harry vittima di un feroce scherzo telefonico
Harry vittima di un feroce scherzo telefonico
Due abilissimi youtuber russi si sono finti Greta Thunberg e suo padre, incalzando il principe a parlare della separazione dalla famiglia reale e dei suoi problemi
La Cina rialza la testa
La Cina rialza la testa
Malgrado tanti restano in isolamento, la città di Wuhan sembra uscita dal peggio e i funzionari cinesi attaccano gli Stati Uniti, pretendendo la riconoscenza perché il sacrificio di milioni di persone ha reso meno peggiore il contagio
Coronavirus, il Regno Unito nel panico
Coronavirus, il Regno Unito nel panico
L’inizio dell’epidemia fa crescere la psicosi: gli scaffali dei supermercati vuoti e la chiusura di molte aziende aumentano il timore fra la popolazione
Londra pronta al lockdown
Londra pronta al lockdown
Illustrato il piano di emergenza contro il coronavirus messo a punto dal governo inglese: nell’ipotesi peggiore, pronti a chiudere intere città
La donna che ha messo in crisi la politica francese
La donna che ha messo in crisi la politica francese
Alexandra De Taddeo ha polverizzato la carriera politica del candidato sindaco di Parigi Benjamin Griveaux: il fidanzato, l’artista russo Piotr Pavlensky, ha diffuso immagini porno della love story con il fedele collaboratore di Macron
Nuove e scomode verità sulla Grenfell Tower
Nuove e scomode verità sulla Grenfell Tower
I lavori, senza gara d’appalto o concorso pubblico, sono stati affidati ad una ditta che non aveva alcuna esperienza nell’edilizia residenziale. Per chiunque fosse coinvolto, quello era un “progetto al risparmio”