Le ultime ore di Vincent Lambert

| Tetraplegico e in stato vegetativo da 10 anni, all’uomo sono state eliminate l’alimentazione l’idratazione. Sulla sua sorte è in corso da anni una battaglia legale, culminata con una sentenza del Consiglio di Stato

+ Miei preferiti
Vincent Lambert sta morendo: qualche ora fa, i medici del “Centre Hospitalier Universitaire” di Reims, nel nord della Francia, hanno avviato la procedura che metterà fine alla sua esistenza, eliminando l’alimentazione forzata e l’idratazione.

È la fine di un uomo tetraplegico da dieci anni il cui destino da settimane divide in due la Francia, cominciando dalla sua stessa famiglia: i genitori si sono sempre opposti, mentre la moglie è d’accordo. In mezzo si sono dati battaglia avvocati, tribunali francesi ed europei, esperti e organizzazioni umanitarie, fino alla decisione di Vincent Sanchez, medico a capo dell’unità per cerebrolesi dell’ospedale, che ha scelto di applicare quanto previsto dal Consiglio di Stato francese, che nei giorni scorsi ha stabilito il via libera allo stop delle cure dopo anni in cui la giustizia aveva invece dato ragione alla tesi dei genitori. Una sentenza che questa volta ha tenuto conto della volontà del paziente, che prima dell’incidente aveva più volte manifestato la volontà di non essere mantenuto in vita.

Una vicenda che ricorda quella di Eluana Englaro e dell’americana Terri Schiavo e che in Francia ha aperto la strada ad un acceso dibattito fra chi ritiene che il diritto alla vita sia da difendere fino all’ultimo sospiro e chi invece crede che sia inumano infliggere inutili sofferenze a un paziente che non potrà mai migliorare.

Vincent Lambert, 42 anni, era un infermiere psichiatrico che nel 2008 rimase coinvolto in un grave incidente stradale: l’urto gli aveva provocato una lesione cerebrale permanente che l’ha reso tetraplegico e in una condizione vegetativa. Tre anni dopo aver tentato ogni cura possibile, i medici escludono ogni possibilità di miglioramento. Si apre una vera battaglia familiare, con la moglie Rachel, il nipote e sei degli otto fratelli dell’uomo che ritengono sia giusto staccare le macchine che ancora lo tengono in vita, mentre i genitori, Pierre e Viviane, ferventi cattolici, si dicono convinti che Vincent si trovi in uno stato di “coscienza minima” che renderebbe il gesto un vero e proprio omicidio.

Viviane, la mamma di Vincent, ha appreso il via al procedimento di eutanasia via email – “Nessuno ci ha detto nulla, sono dei mostri” – mentre l’avvocato ha annunciato tre ricorsi d’urgenza per bloccare la procedura e formulato diverse richieste di provvedimenti disciplinari per il dottor Sanchez e l’equipe medica. Da ieri, all’esterno dall’ospedale di Reims, circa 200 persone manifestano chiedendo di salvare la vita di Vincent.

In Francia, dal 17 marzo 2005 è in vigore la “Leonetti”, una legge sul fine vita (prende il nome dal deputato Jean Leonetti), che su richiesta specifica del paziente, per evitare sofferenze e per non essere vittima di “ostinazione irragionevole”, ammette la sedazione profonda e continua con arresto dei trattamenti di sostegno vitale.

Durissimi i commenti della Santa Sede e altrettanto forti le parole di Philippe Petiti, presidente dell’Unione nazionale delle associazioni di famiglie di cerebrolesi: “Oggi tocca a Vincent, domani potrebbe toccare ad una delle altre 1.500 persone attualmente assistite in Francia”.

Galleria fotografica
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 1
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 2
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 3
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 4
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 5
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 6
Esteri
Diagnosi sbagliata, le tolgono i seni per niente
Diagnosi sbagliata, le tolgono i seni per niente
Sarah Boyle è stata sottoposta a mastectomia bilaterale dopo che i medici le hanno diagnosticato una forma aggressiva di tumore. Un anno dopo l’ospedale si rende conto dell’errore
Si dimette il ministro dello scandalo dell’aragosta
Si dimette il ministro dello scandalo dell’aragosta
È stato ribattezzato così dai giornali francesi: ha come epicentro il ministro dell’ambiente François de Rugy, accusato di aver offerto cene a base di aragoste e champagne
Francia multata per Salah Abdeslam
Francia multata per Salah Abdeslam
L’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 13 novembre 2015, ha vinto una causa legata alle modalità della sua detenzione: lo Stato condannato a risarcirlo con 500 euro
Vincent sta morendo
Vincent sta morendo
I genitori ammettono che non ci sono più speranze per l’ex infermiere francese di 42 anni, da 10 in stato vegetativo: idratazione e nutrizione sono stati interrotti il 2 luglio. Denunciato per “assassinio” il primario del reparto
Jamie Oliver cambia casa
Jamie Oliver cambia casa
A meno di due mesi dal clamoroso crack finanziario che ha decretato la fine dell’impero gastronomico, lo chef inglese si trasferisce in una tenuta principesca costata 6 milioni di sterline. Una scelta che non è piaciuta
I passatempi delle guardie dei tesori inglesi
I passatempi delle guardie dei tesori inglesi
Una foto, diventata virale, mostra una delle guardie che sorvegliano i gioielli della corona alla Tower of London, mentre guarda un video porno invece dei monitor
Tre feriti alla corsa dei tori di Pamplona
Tre feriti alla corsa dei tori di Pamplona
Nel primo giorno della celebre festa amata da Hemigway, tre persone sono state ricoverate in gravi condizioni in ospedale. Lo scorso anno il bilancio è stato di 42 feriti
Lo scandalo dei “Washington Files”
Lo scandalo dei “Washington Files”
Imbarazzo a Downing Street dopo la pubblicazione di messaggi e informative segrete, inviate dal diplomatico al governo. Definizioni impietose su tutto, dalla politica allo stesso Trump
Notre-Dame, non è stato un incendio doloso
Notre-Dame, non è stato un incendio doloso
A questo è giunta l’indagine preliminare della Procura parigina, che tuttavia non è riuscita a stabilire con certezza cosa abbia scatenato le fiamme
Erdogan perde Istanbul: vince Imamoglu
Erdogan perde Istanbul: vince Imamoglu
Cocente sconfitta per il presidente, che dopo 25 anni si vede strappare la città motore della Turchia dal candidato dell’opposizione