Le ultime ore di Vincent Lambert

| Tetraplegico e in stato vegetativo da 10 anni, all’uomo sono state eliminate l’alimentazione l’idratazione. Sulla sua sorte è in corso da anni una battaglia legale, culminata con una sentenza del Consiglio di Stato

+ Miei preferiti
Vincent Lambert sta morendo: qualche ora fa, i medici del “Centre Hospitalier Universitaire” di Reims, nel nord della Francia, hanno avviato la procedura che metterà fine alla sua esistenza, eliminando l’alimentazione forzata e l’idratazione.

È la fine di un uomo tetraplegico da dieci anni il cui destino da settimane divide in due la Francia, cominciando dalla sua stessa famiglia: i genitori si sono sempre opposti, mentre la moglie è d’accordo. In mezzo si sono dati battaglia avvocati, tribunali francesi ed europei, esperti e organizzazioni umanitarie, fino alla decisione di Vincent Sanchez, medico a capo dell’unità per cerebrolesi dell’ospedale, che ha scelto di applicare quanto previsto dal Consiglio di Stato francese, che nei giorni scorsi ha stabilito il via libera allo stop delle cure dopo anni in cui la giustizia aveva invece dato ragione alla tesi dei genitori. Una sentenza che questa volta ha tenuto conto della volontà del paziente, che prima dell’incidente aveva più volte manifestato la volontà di non essere mantenuto in vita.

Una vicenda che ricorda quella di Eluana Englaro e dell’americana Terri Schiavo e che in Francia ha aperto la strada ad un acceso dibattito fra chi ritiene che il diritto alla vita sia da difendere fino all’ultimo sospiro e chi invece crede che sia inumano infliggere inutili sofferenze a un paziente che non potrà mai migliorare.

Vincent Lambert, 42 anni, era un infermiere psichiatrico che nel 2008 rimase coinvolto in un grave incidente stradale: l’urto gli aveva provocato una lesione cerebrale permanente che l’ha reso tetraplegico e in una condizione vegetativa. Tre anni dopo aver tentato ogni cura possibile, i medici escludono ogni possibilità di miglioramento. Si apre una vera battaglia familiare, con la moglie Rachel, il nipote e sei degli otto fratelli dell’uomo che ritengono sia giusto staccare le macchine che ancora lo tengono in vita, mentre i genitori, Pierre e Viviane, ferventi cattolici, si dicono convinti che Vincent si trovi in uno stato di “coscienza minima” che renderebbe il gesto un vero e proprio omicidio.

Viviane, la mamma di Vincent, ha appreso il via al procedimento di eutanasia via email – “Nessuno ci ha detto nulla, sono dei mostri” – mentre l’avvocato ha annunciato tre ricorsi d’urgenza per bloccare la procedura e formulato diverse richieste di provvedimenti disciplinari per il dottor Sanchez e l’equipe medica. Da ieri, all’esterno dall’ospedale di Reims, circa 200 persone manifestano chiedendo di salvare la vita di Vincent.

In Francia, dal 17 marzo 2005 è in vigore la “Leonetti”, una legge sul fine vita (prende il nome dal deputato Jean Leonetti), che su richiesta specifica del paziente, per evitare sofferenze e per non essere vittima di “ostinazione irragionevole”, ammette la sedazione profonda e continua con arresto dei trattamenti di sostegno vitale.

Durissimi i commenti della Santa Sede e altrettanto forti le parole di Philippe Petiti, presidente dell’Unione nazionale delle associazioni di famiglie di cerebrolesi: “Oggi tocca a Vincent, domani potrebbe toccare ad una delle altre 1.500 persone attualmente assistite in Francia”.

Galleria fotografica
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 1
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 2
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 3
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 4
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 5
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 6
Esteri
Animatore di feste per bambini condannato per stupro
Animatore di feste per bambini condannato per stupro
Fra i bambini dello Yorkshire “Bobby Brown” era una celebrità: richiestissimo, lavorava da anni a feste e compleanni. Ma una donna l’ha denunciato perché quando aveva 13 anni era stata violentata
Sanna Marin, la premier più giovane del mondo
Sanna Marin, la premier più giovane del mondo
Dovrebbe entrare in carica questa settimana una giovane 34enne entrata in politica per rendere la Finlandia un posto ancora migliore di quanto non lo sia già adesso
Coppia si toglie la vita in un AirBnB
Coppia si toglie la vita in un AirBnB
Avevano 28 e 24 anni, pare si fossero conosciuti sul web e deciso di farla finita insieme. Li hanno trovati senza vita in un alloggio di una località scozzese
Trump, confusione al vertice Nato
Trump, confusione al vertice Nato
Buckingham Palace alle prese con lo scottante “affaire Andrew”, la Casa Bianca con l’approvazione del rapporto dell’intelligence che preclude la stesura della messa in stato d’accusa. Tensioni anche con Macron
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit
Dopo aver pesantemente insultato Boris Johnson, il celebre attore da giorni è impegnato in un door to door per invitare i suoi concittadini al voto per scongiurare l’uscita dalla UE
Con la Brexit sarà più difficile viaggiare in UK
Con la Brexit sarà più difficile viaggiare in UK
Le nuove norme dettate dall’impaziente Boris Johnson, ormai certo di ottenere la maggioranza alle prossime elezioni che gli permetterà di concludere l’uscita dalla UE
Malta, il premier Muscat pronto alle dimissioni
Malta, il premier Muscat pronto alle dimissioni
Avrebbe voluto resistere altri 6-8 mesi, ma le pieghe dell’inchiesta sull’omicidio della giornalista hanno convinto il premier a fare un passo indietro
Toronto: arrestato il lanciatore di escrementi
Toronto: arrestato il lanciatore di escrementi
Da giorni aveva preso di mira gli studenti universitari: li avvicinava e dopo aver sorriso li investiva con gli escrementi che trasportava in un secchio
Le grandi manovre di Buckingham Palace
Le grandi manovre di Buckingham Palace
Allo scoccare del 95esimo compleanno, la regina Elisabetta sarebbe pronta a nominare Charles “Principe Reggente”: un’abdicazione a metà, visto che lei resterebbe comunque la sovrana
Pilota muore in volo, l’aereo costretto ad un atterraggio di emergenza
Pilota muore in volo, l’aereo costretto ad un atterraggio di emergenza
È successo in Russia, a bordo di un volo dell’Aeroflot partito da Mosca: il rientro a terra pochi minuti dopo il decollo per consentire le cure, ma per il pilota non e’era più nulla da fare