Le ultime ore di Vincent Lambert

| Tetraplegico e in stato vegetativo da 10 anni, all’uomo sono state eliminate l’alimentazione l’idratazione. Sulla sua sorte è in corso da anni una battaglia legale, culminata con una sentenza del Consiglio di Stato

+ Miei preferiti
Vincent Lambert sta morendo: qualche ora fa, i medici del “Centre Hospitalier Universitaire” di Reims, nel nord della Francia, hanno avviato la procedura che metterà fine alla sua esistenza, eliminando l’alimentazione forzata e l’idratazione.

È la fine di un uomo tetraplegico da dieci anni il cui destino da settimane divide in due la Francia, cominciando dalla sua stessa famiglia: i genitori si sono sempre opposti, mentre la moglie è d’accordo. In mezzo si sono dati battaglia avvocati, tribunali francesi ed europei, esperti e organizzazioni umanitarie, fino alla decisione di Vincent Sanchez, medico a capo dell’unità per cerebrolesi dell’ospedale, che ha scelto di applicare quanto previsto dal Consiglio di Stato francese, che nei giorni scorsi ha stabilito il via libera allo stop delle cure dopo anni in cui la giustizia aveva invece dato ragione alla tesi dei genitori. Una sentenza che questa volta ha tenuto conto della volontà del paziente, che prima dell’incidente aveva più volte manifestato la volontà di non essere mantenuto in vita.

Una vicenda che ricorda quella di Eluana Englaro e dell’americana Terri Schiavo e che in Francia ha aperto la strada ad un acceso dibattito fra chi ritiene che il diritto alla vita sia da difendere fino all’ultimo sospiro e chi invece crede che sia inumano infliggere inutili sofferenze a un paziente che non potrà mai migliorare.

Vincent Lambert, 42 anni, era un infermiere psichiatrico che nel 2008 rimase coinvolto in un grave incidente stradale: l’urto gli aveva provocato una lesione cerebrale permanente che l’ha reso tetraplegico e in una condizione vegetativa. Tre anni dopo aver tentato ogni cura possibile, i medici escludono ogni possibilità di miglioramento. Si apre una vera battaglia familiare, con la moglie Rachel, il nipote e sei degli otto fratelli dell’uomo che ritengono sia giusto staccare le macchine che ancora lo tengono in vita, mentre i genitori, Pierre e Viviane, ferventi cattolici, si dicono convinti che Vincent si trovi in uno stato di “coscienza minima” che renderebbe il gesto un vero e proprio omicidio.

Viviane, la mamma di Vincent, ha appreso il via al procedimento di eutanasia via email – “Nessuno ci ha detto nulla, sono dei mostri” – mentre l’avvocato ha annunciato tre ricorsi d’urgenza per bloccare la procedura e formulato diverse richieste di provvedimenti disciplinari per il dottor Sanchez e l’equipe medica. Da ieri, all’esterno dall’ospedale di Reims, circa 200 persone manifestano chiedendo di salvare la vita di Vincent.

In Francia, dal 17 marzo 2005 è in vigore la “Leonetti”, una legge sul fine vita (prende il nome dal deputato Jean Leonetti), che su richiesta specifica del paziente, per evitare sofferenze e per non essere vittima di “ostinazione irragionevole”, ammette la sedazione profonda e continua con arresto dei trattamenti di sostegno vitale.

Durissimi i commenti della Santa Sede e altrettanto forti le parole di Philippe Petiti, presidente dell’Unione nazionale delle associazioni di famiglie di cerebrolesi: “Oggi tocca a Vincent, domani potrebbe toccare ad una delle altre 1.500 persone attualmente assistite in Francia”.

Galleria fotografica
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 1
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 2
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 3
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 4
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 5
Le ultime ore di Vincent Lambert - immagine 6
Esteri
L’inverno rigido di mister Johnson
L’inverno rigido di mister Johnson
Il premier inglese precipita nel malcontento: l’aumento dei casi Covid, la disoccupazione che cresce e il crollo dei colloqui sulla Brexit sono questioni che stanno venendo a galla tutte insieme
GB, avvocata di colore scambiata per imputata
GB, avvocata di colore scambiata per imputata
Per ben quattro volte, Alexandra Wilson si è vista fermare e rimproverare perché in quanto donna di colore nessuno pensava potesse essere un avvocato, ma un’imputata
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Andrea ha immolato una montagna di denaro partecipare ad un torneo di golf. E il viaggio in Africa di Harry e Meghan ha stabilito il record assoluto di spesa, mentre all’orizzonte spunta una strana voglia di politica della Markle
GB, torna la corsa alla carta igienica
GB, torna la corsa alla carta igienica
Il timore di un nuovo lockdown ha riproposto le stesse scene dello scorso marzo: code infinite davanti ai supermercati e scaffali vuoti. L’invito delle autorità alla calma non frena l’accaparramento
Gli enormi mal di testa di BoJo
Gli enormi mal di testa di BoJo
L’incubo del numero di infezioni in crescita, la poca voglia degli inglesi di ubbidire ancora, la Brexit da chiudere, la minaccia di un probabile lockdown, l’economia a pezzi: per il premier inglese si prepara un autunno infernale
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
Una guardia del corpo del ministro degli esteri Dominic Raab ha dimenticato la pistola sul sedile di un aereo. Pochi mesi fa, lo stesso aveva fatto un altro agente di scorta all’ex premier David Cameron. L’imbarazzo della polizia
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca
Il triste destino dei ponti di Londra
Il triste destino dei ponti di Londra
L’Hammersmith Bridge si sta sgretolando: è stato chiuso al traffico causando enormi problemi al traffico, ma non ci sono i fondi per ripararlo e neanche per un rattoppo. Ma non è l’unico ponte ad essere messo male
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Mentre si fa sempre più strada l’ipotesi di scontri fra gang che hanno insanguinato il sabato sera della città inglese, a Parigi un uomo è stato accoltellato sui binari della Gare du Nord di Parigi