Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi

| Aggredita su un’ambulanza da un uomo ferito in una rissa, ha scelto di denunciare pubblicamente l’accaduto per ricordare le quasi 15mila aggressioni subite in cinque anni. Quasi tutte impunite

+ Miei preferiti
Lizzie Smith, 25 anni, in Inghilterra è la donna del momento: vincendo la ritrosia inglese a mettere in pasto ai media nome e faccia, Lizzie ha voluto denunciare l’aggressione subita qualche sera fa, mentre era a bordo dell’ambulanza dove presta servizio come volontaria per le strade della capitale inglese. Il colpevole del tentativo di aggressione era un uomo soccorso dopo essere stato ferito in una rissa.

In un’intervista televisiva, la giovane ha ricostruito l’accaduto: “Mi sono abbassata per prendere una garza da un contenitore e lui mi ha afferrato con forza il didietro. Mi piace pensare di essere una persona piuttosto decisa che sa reagire velocemente, ma ero scioccata, mi sono allontanata e non ho aggiunto altro per non complicare la situazione”.

La denuncia di Lizzie ha permesso alla polizia di multare l’aggressore e di inserire il suo nome per cinque anni sul registro dei molestatori sessuali, uno status che nel Regno Unito complica non poco la vita.

Il gesto della coraggiosa paramedica volontaria ha aperto una finestra sui pericoli del personale medico delle ambulanze, sempre più spesso vittima di violenze e abusi. Negli ultimi anni, secondo alcune statistiche pubblicate la scorsa estate, gli attacchi violenti contro il personale delle ambulanze sono saliti alle stelle: tanti coloro che hanno denunciato di essere stati picchiati, minacciati con le armi e aggrediti sessualmente. Si parla di 14.441 aggressioni fisiche fra il 2013 e il gennaio 2018, mentre nel biennio 2016/17 le aggressioni sono state in media più di otto (8.2) ogni giorno. Secondo il “London Ambulance Service”, il picco si è avuto tra gennaio e agosto di quest’anno, quando sono state segnalate 349 aggressioni fisiche al personale, a cui aggiungere altri 499 attacchi verbali. Fra questi un caso dello scorso giugno, quando la figlia di un’infermiera, Brenda Fox, ha denunciato le terribili ferite subite da sua madre dopo essere stata picchiata da un senzatetto: è stata lasciata a terra coperta di lividi e sangue dopo essere stata bloccata sul pavimento dell’ambulanza da un giovane.

Amaramente, Lizzie è costretta ad ammettere che gli abusi e le violenze da parte di persone che ricevono assistenza medica fanno spesso parte del suo lavoro: “Ho subito un sacco di commenti sessualmente inappropriati e so di amici e colleghi che hanno avuto anche abusi omofobici e razziali. Quando capita un turno di notte nei fine settimana sappiamo bene che può essere molto pericoloso”.

Lizzie spera che, facendosi avanti, possa contribuire ad aumentare la consapevolezza del problema: “Ci si abitua così tanto a questo genere di notizie che la gente non ci fa più caso”. Tanti, secondo il sindacato, coloro che dopo aver subito un’aggressione hanno scelto di abbandonare quella vita: “C’è chi ha rinunciato a 25 anni di carriera: spesso chi è vittima di aggressioni sviluppa disturbi post traumatici che diventano ingestibili”. In dieci anni, solo 330 persone sono state condannate per violenze sul personale delle ambulanze.

Galleria fotografica
Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi - immagine 1
Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi - immagine 2
Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente