Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi

| Aggredita su un’ambulanza da un uomo ferito in una rissa, ha scelto di denunciare pubblicamente l’accaduto per ricordare le quasi 15mila aggressioni subite in cinque anni. Quasi tutte impunite

+ Miei preferiti
Lizzie Smith, 25 anni, in Inghilterra è la donna del momento: vincendo la ritrosia inglese a mettere in pasto ai media nome e faccia, Lizzie ha voluto denunciare l’aggressione subita qualche sera fa, mentre era a bordo dell’ambulanza dove presta servizio come volontaria per le strade della capitale inglese. Il colpevole del tentativo di aggressione era un uomo soccorso dopo essere stato ferito in una rissa.

In un’intervista televisiva, la giovane ha ricostruito l’accaduto: “Mi sono abbassata per prendere una garza da un contenitore e lui mi ha afferrato con forza il didietro. Mi piace pensare di essere una persona piuttosto decisa che sa reagire velocemente, ma ero scioccata, mi sono allontanata e non ho aggiunto altro per non complicare la situazione”.

La denuncia di Lizzie ha permesso alla polizia di multare l’aggressore e di inserire il suo nome per cinque anni sul registro dei molestatori sessuali, uno status che nel Regno Unito complica non poco la vita.

Il gesto della coraggiosa paramedica volontaria ha aperto una finestra sui pericoli del personale medico delle ambulanze, sempre più spesso vittima di violenze e abusi. Negli ultimi anni, secondo alcune statistiche pubblicate la scorsa estate, gli attacchi violenti contro il personale delle ambulanze sono saliti alle stelle: tanti coloro che hanno denunciato di essere stati picchiati, minacciati con le armi e aggrediti sessualmente. Si parla di 14.441 aggressioni fisiche fra il 2013 e il gennaio 2018, mentre nel biennio 2016/17 le aggressioni sono state in media più di otto (8.2) ogni giorno. Secondo il “London Ambulance Service”, il picco si è avuto tra gennaio e agosto di quest’anno, quando sono state segnalate 349 aggressioni fisiche al personale, a cui aggiungere altri 499 attacchi verbali. Fra questi un caso dello scorso giugno, quando la figlia di un’infermiera, Brenda Fox, ha denunciato le terribili ferite subite da sua madre dopo essere stata picchiata da un senzatetto: è stata lasciata a terra coperta di lividi e sangue dopo essere stata bloccata sul pavimento dell’ambulanza da un giovane.

Amaramente, Lizzie è costretta ad ammettere che gli abusi e le violenze da parte di persone che ricevono assistenza medica fanno spesso parte del suo lavoro: “Ho subito un sacco di commenti sessualmente inappropriati e so di amici e colleghi che hanno avuto anche abusi omofobici e razziali. Quando capita un turno di notte nei fine settimana sappiamo bene che può essere molto pericoloso”.

Lizzie spera che, facendosi avanti, possa contribuire ad aumentare la consapevolezza del problema: “Ci si abitua così tanto a questo genere di notizie che la gente non ci fa più caso”. Tanti, secondo il sindacato, coloro che dopo aver subito un’aggressione hanno scelto di abbandonare quella vita: “C’è chi ha rinunciato a 25 anni di carriera: spesso chi è vittima di aggressioni sviluppa disturbi post traumatici che diventano ingestibili”. In dieci anni, solo 330 persone sono state condannate per violenze sul personale delle ambulanze.

Galleria fotografica
Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi - immagine 1
Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi - immagine 2
Esteri
Harry rompe il silenzio
Harry rompe il silenzio
Il duca di Sussex racconta la propria versione del divorzio dell’anno nel corso di un evento benefico: “Il Regno Unito è casa mia, e questo non cambierà mai”
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
La polemica sui costi della sicurezza di Harry e Meghan ha coinvolto anche il duca di York: secondo alcune fonti vicine a Scotland Yard, “spendere tanti soldi per qualcuno che non ha più ruoli pubblici è immorale”
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
Nel paese nordamericano infiamma il dibattito: Harry e Meghan non pensino di arrivare qui e sentirsi reali perché non lo sono. E non da ultimo, chi pagherà l’apparato di cui si circondano, valutato in 10 milioni di dollari ogni anno?
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Dopo il clamore della rocambolesca fuga di Carlo Ghosn, il colosso giapponese di strumenti e attrezzature musicali avvisa: non provateci, è molto pericoloso
Il villaggio dove apparivano i soldi
Il villaggio dove apparivano i soldi
Per anni, decine di abitanti di un piccolo centro inglese hanno ritrovato per strada mazzette da 2.000 sterline, riconsegnandole tutte alla polizia. Ma ora, il mistero è stato svelato…
Lady Kitty, il nuovo imbarazzo reale
Lady Kitty, il nuovo imbarazzo reale
La sexy nipote di Lady Diana, 28 anni, pronta a sposare il fidanzato 61enne. Una relazione poco gradita alla famiglia, che si aggiunge agli altri guai
Bielorussia, condannati a morte due fratelli
Bielorussia, condannati a morte due fratelli
Stanislaw e Illya Kostsew, 19 e 21 anni, saranno fucilati, ma secondo la legge non si sa dove e quando. Hanno ucciso selvaggiamente una delle loro insegnanti
La rabbia del principe Filippo
La rabbia del principe Filippo
Ormai ex baricentro della Royal Family, costretto a letto dall’età, il Duca di Eimborgo si è infuriato per la decisione di Harry e Meghan, ma è preoccupato per l’impatto che questa vicenda può avere su sua moglie, la Regina
Il Regno Unito chiede l’estradizione della moglie di un diplomatico americano
Il Regno Unito chiede l’estradizione della moglie di un diplomatico americano
Lo scorso agosto, la donna ha travolto e ucciso un ragazzo di 19 anni con la propria auto, ma è tornata negli Stati Uniti avvalendosi dell’immunità diplomatica
Inside Harry e Meghan
Inside Harry e Meghan
I retroscena, le indiscrezioni e gli episodi da cui pare sia nata la clamorosa decisione dei duchi del Sussex