Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi

| Aggredita su un’ambulanza da un uomo ferito in una rissa, ha scelto di denunciare pubblicamente l’accaduto per ricordare le quasi 15mila aggressioni subite in cinque anni. Quasi tutte impunite

+ Miei preferiti
Lizzie Smith, 25 anni, in Inghilterra è la donna del momento: vincendo la ritrosia inglese a mettere in pasto ai media nome e faccia, Lizzie ha voluto denunciare l’aggressione subita qualche sera fa, mentre era a bordo dell’ambulanza dove presta servizio come volontaria per le strade della capitale inglese. Il colpevole del tentativo di aggressione era un uomo soccorso dopo essere stato ferito in una rissa.

In un’intervista televisiva, la giovane ha ricostruito l’accaduto: “Mi sono abbassata per prendere una garza da un contenitore e lui mi ha afferrato con forza il didietro. Mi piace pensare di essere una persona piuttosto decisa che sa reagire velocemente, ma ero scioccata, mi sono allontanata e non ho aggiunto altro per non complicare la situazione”.

La denuncia di Lizzie ha permesso alla polizia di multare l’aggressore e di inserire il suo nome per cinque anni sul registro dei molestatori sessuali, uno status che nel Regno Unito complica non poco la vita.

Il gesto della coraggiosa paramedica volontaria ha aperto una finestra sui pericoli del personale medico delle ambulanze, sempre più spesso vittima di violenze e abusi. Negli ultimi anni, secondo alcune statistiche pubblicate la scorsa estate, gli attacchi violenti contro il personale delle ambulanze sono saliti alle stelle: tanti coloro che hanno denunciato di essere stati picchiati, minacciati con le armi e aggrediti sessualmente. Si parla di 14.441 aggressioni fisiche fra il 2013 e il gennaio 2018, mentre nel biennio 2016/17 le aggressioni sono state in media più di otto (8.2) ogni giorno. Secondo il “London Ambulance Service”, il picco si è avuto tra gennaio e agosto di quest’anno, quando sono state segnalate 349 aggressioni fisiche al personale, a cui aggiungere altri 499 attacchi verbali. Fra questi un caso dello scorso giugno, quando la figlia di un’infermiera, Brenda Fox, ha denunciato le terribili ferite subite da sua madre dopo essere stata picchiata da un senzatetto: è stata lasciata a terra coperta di lividi e sangue dopo essere stata bloccata sul pavimento dell’ambulanza da un giovane.

Amaramente, Lizzie è costretta ad ammettere che gli abusi e le violenze da parte di persone che ricevono assistenza medica fanno spesso parte del suo lavoro: “Ho subito un sacco di commenti sessualmente inappropriati e so di amici e colleghi che hanno avuto anche abusi omofobici e razziali. Quando capita un turno di notte nei fine settimana sappiamo bene che può essere molto pericoloso”.

Lizzie spera che, facendosi avanti, possa contribuire ad aumentare la consapevolezza del problema: “Ci si abitua così tanto a questo genere di notizie che la gente non ci fa più caso”. Tanti, secondo il sindacato, coloro che dopo aver subito un’aggressione hanno scelto di abbandonare quella vita: “C’è chi ha rinunciato a 25 anni di carriera: spesso chi è vittima di aggressioni sviluppa disturbi post traumatici che diventano ingestibili”. In dieci anni, solo 330 persone sono state condannate per violenze sul personale delle ambulanze.

Galleria fotografica
Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi - immagine 1
Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi - immagine 2
Esteri
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Insieme a lui il suo ex avvocato di fiducia Thierry Herzog e il giudice Gilbert Azibert. Il giudice avrebbe fornito informazioni riservate sulle inchieste per finanziamento della campagna elettorale, chiedendo in cambio un posto a Monaco
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Zlatko Sikorsky, 36 anni, è stato aggredito da un altro detenuto nel carcere di Brisbane: stava scontando la condanna per l’omicidio di Larissa Beilby, la fidanzata 16enne uccisa a pugni due anni prima
Francia, vietato filmare la polizia
Francia, vietato filmare la polizia
Un disegno di legge punta a impedire ai cittadini di riprendere le forze di polizia in azione: ai trasgressori 45mila euro di multa. Interviene anche l’Onu: deriva pericolosa che minaccia la libertà di espressione e di stampa
Eravamo quattro amici al pub
Eravamo quattro amici al pub
In Irlanda, 4 amici hanno acquistato un volo a prezzi stracciati per poter accedere all’area partenze dell’aeroporto di Dublino, dove pub e ristoranti sono aperti…
Scettico e no-mask? Niente ricovero
Scettico e no-mask? Niente ricovero
La polemica proposta di Willy Oggier, un economista svizzero che propone un registro nazionale in cui ognuno è libero di dichiarare la propria posizione in merito al virus, ma accettando anche l’idea che non sarà curato
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Dopo la spaccatura fra Johnson e il suo stratega Dominic Cummings, emerge sempre di più la figura della fidanzata del premier. Una donna tosta che sa cosa vuole, e soprattutto come ottenerlo
GB, la faida al 10 di Downing Street
GB, la faida al 10 di Downing Street
Dominic Cummings, il guru della Brexit, silurato da BoJo pare anche su gentile richiesta della fidanzata. Un maremoto che potrebbe costare la poltrona al premier
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Per due anni, il giornalista Valentin Gendrot si è finto un agente per scrivere un libro in cui ha raccontato decine di episodi abusi e razzismo, ma anche le difficili condizioni in cui lavorano i poliziotti
Putin pronto a lasciare
Putin pronto a lasciare
Un tabloid inglese rivela che il presidente russo sarebbe affetto da Parkinson: il Cremlino smentisce, ma tutto lascia pensare ad un passaggio di consegne imminente
I tre eroi della notte di sangue di Vienna
I tre eroi della notte di sangue di Vienna
Tre giovani musulmani, due lottatori di MMA e un dipendente di McDonalds, hanno salvato un’anziana e un poliziotto dalla furia dell’attentatore che ha seminato il terrore nella capitale austriaca