Lo scandalo Griveaux sulle comunali di Parigi

| Il candidato di “En Marche”, fedelissimo di Macron, travolto dalla pubblicazioni di messaggi e video intimi con un’amante. Inevitabili le sue dimissioni

+ Miei preferiti
È più di un colpo di scena, quello che si è abbattuto in queste ore sulla corsa alle elezioni per il nuovo sindaco di Parigi. Benjamin Griveaux, 42 anni, fedelissimo della cerchia più fidata di Macron e candidato del movimento “En Marche”, si è ritirato dalla corsa a primo cittadino.

Lo scandalo nasce da alcuni video e messaggi privati diffusi sul sito “pornopolitique.com”, curato dall’assai controverso artista russo Pëtr Pavlenskij in cui Griveaux, sposato, con figli e forte sostenitore dell’importanza della famiglia, è ripreso in atteggiamenti molto intimi con una donna che ovviamente non è la moglie. Per Pavlenskij, che ha svelato di aver ricevuto le immagini da un ex amante del candidato a sindaco, un modo per ribadire ancora una volta l’ipocrisia della politica e dei suoi esponenti.

Il contenuto del post, diventato virale e ormai impossibile da arginare, ha costretto Griveaux a rilasciare una breve dichiarazione annunciando le dimissioni: “Un torrente di fango che la mia famiglia non merita: per più di un anno siamo sottoposti a commenti diffamatori, bugie, pettegolezzi e attacchi anonimi. Nessuno dovrebbe essere sottoposto a una violenza simile”.

Benjamin Griveaux, classe 1977, è stato portavoce del governo francese dal 2017 allo scorso anno, quando si è dimesso per candidarsi alle comunali di Parigi.

Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente