Londra, la città delle coltellate

| La capitale del Regno Unito ha toccato quota 100 morti: un’ondata di violenza che nessuno riesce ad arginare, secondo alcuni figlia anche delle politiche del sindaco Sadiq Khan

+ Miei preferiti
Cento morti dall’inizio dell’anno sono ben più di un segnale: sono un allarme vero, che suona in modo assordante. Per di più, le cifre della mattanza non si riferiscono ad una metropoli americana dove le armi sono più numerose dei cittadini, ma a Londra. La città che sui giornali di mezzo mondo nessuno chiama più per nome: per tutti, Londra è “Stub-City”, la città delle coltellate.

La testimonianza della poco piacevole nomea sono i 100 morti, la maggior parte dei quali risultati finali di aggressioni, sfide, risse e agguati delle gang che tengono in scacco la città da tempo: tutti, o quasi, con armi da taglio affilatissime, più pratiche, facili da procurare e da far sparire. Le vittime, quanto mai stratificate: pensionati, donne, uomini e soprattutto giovanissimi, quelli che pagano di più la mattanza. A certificare l’impennata sono le cifre: quasi 10mila crimini con coltelli e pugnali commessi fra il 2015 ed il 2016, oltre 5000 in meno di quelli attuali. Numeri che staccano addirittura New York, storicamente una delle metropoli con il maggior numero di crimini e omicidi.

E dire che la capitale inglese, statisticamente, è una delle metropoli più controllate al mondo, con 620mila telecamere a circuito chiuso piazzate ovunque. Invece, Londra ha chiuso il 2018 con 132 morti ammazzati – 3 a settimana, in media - e 14.840 crimini, e i timori che la cifra possa ancora migliorare preoccupano Scotland Yard e il sindaco Sadiq Khan, che a lungo andare teme ripercussioni sul turismo. Sono proprio le politiche del primo cittadino ad essere finite sotto accusa da tabloid e sociologi: com’è successo per le violentissime “banlieu” di Parigi, anche le periferie di Londra sono state abbandonate a se stesse, creando sacche di malcontento e povertà che fanno a pugni con gli stucchi dei palazzi vittoriani della Great London. Sadiq Khan si è battuto seguendo un’idea giusta sulla carta ma di difficile attuazione: l’integrazione fra stranieri e cittadini. Non solo non ha ridotto la criminalità, ma ha creato autentici ghetti, consegnando alcune zone della città direttamente sotto il controllo di gang spietate e sanguinarie.

Esteri
Gli enormi mal di testa di BoJo
Gli enormi mal di testa di BoJo
L’incubo del numero di infezioni in crescita, la poca voglia degli inglesi di ubbidire ancora, la Brexit da chiudere, la minaccia di un probabile lockdown, l’economia a pezzi: per il premier inglese si prepara un autunno infernale
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
Una guardia del corpo del ministro degli esteri Dominic Raab ha dimenticato la pistola sul sedile di un aereo. Pochi mesi fa, lo stesso aveva fatto un altro agente di scorta all’ex premier David Cameron. L’imbarazzo della polizia
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca
Il triste destino dei ponti di Londra
Il triste destino dei ponti di Londra
L’Hammersmith Bridge si sta sgretolando: è stato chiuso al traffico causando enormi problemi al traffico, ma non ci sono i fondi per ripararlo e neanche per un rattoppo. Ma non è l’unico ponte ad essere messo male
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Mentre si fa sempre più strada l’ipotesi di scontri fra gang che hanno insanguinato il sabato sera della città inglese, a Parigi un uomo è stato accoltellato sui binari della Gare du Nord di Parigi
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Una donna di 27 anni ha ucciso 5 dei suoi 6 figli tentando poi di togliersi la vita. Gli abitanti di Solingen raccontano di aver visto agenti in lacrime uscire dall’appartamento
GB, con la seconda ondata 85mila morti
GB, con la seconda ondata 85mila morti
È la peggiore delle previsioni fatte da uno studio governativo inglese realizzato da scienziati ed esperti. L’influenza stagionale potrebbe complicare l’individuazione di possibili contagi
Giovane mamma irlandese muore a Ibiza
Giovane mamma irlandese muore a Ibiza
Amy Connor, 23 anni, è stata trovata senza vita nel letto di un resort dove stava trascorrendo alcuni giorni di vacanza in compagnia della sorella e della cugina. Nelle scorse ore il commovente funerale
Amazon, via libera alle consegne con i droni
Amazon, via libera alle consegne con i droni
Il colosso di Seattle punta all’obiettivo dei 30 minuti di consegna al dal momento dell’ordine. L’ente dell’aviazione americano ha dato il benestare