Navalny: «Putin mi voleva morto»

| “C’è lui dietro al mio avvelenamento”: la pesante accusa lanciata dal dissidente russo in un’intervista in cui ribadisce di voler tornare al suo posto in Russia

+ Miei preferiti
Aleksej Navalny sta meglio, nel corpo e nello spirito. Se l’è vista brutta, scampando al gas nervino che non è ancora chiaro del tutto come sia arrivato fino a lui, mentre per lo stesso Navalny è invece lampante il nome del mittente: Vladimir Putin.

Dimesso dall’ospedale di Berlino che è riuscito a salvarlo, l’ha detto scandendo bene le parole nel corso di un’intervista concessa al quotidiano tedesco “Der Spiegel”: “Dichiaro che c’è Putin dietro il crimine, e non ho altre versioni per spiegare quello che è successo”. Poi, il dissidente russo ha ricordato le drammatiche fasi dell’avvelenamento, “Non senti alcun dolore, ma dentro sai che stai morendo”, ribadendo l’intenzione di tornare in Russia riprendendo il suo posto nella lotta contro i poteri occulti del Cremlino: “Il ruolo è restarci senza paura, sentimento che non conosco”.

La vicenda di Navalny inizia la mattina del 20 agosto scorso sul volo che da Tomsk lo riportava a Mosca: inizia ad accusare un malore e ben giro di poco perde conoscenza. L’aereo chiede di poter effettuare un atterraggio di emergenza a Omsk, dove Nalvalny viene ricoverato nel reparto di rianimazione tossica. Si teme il paggio: il blogger entra in coma e i bollettini medici parlano di situazione in rapido peggioramento. Il giorno successivo, su richiesta di aiuto inviata dalla famiglia alla cancelliera Merkel e al presidente Macron, un aereo trasporta Navalny all’ospedale “La Charité” di Berlino, che conferma l’ipotesi dell’avvelenamento inizialmente scartata dai medici russi. Il 7 settembre, Aleksej Navalny esce dal coma indotto.

Esteri
Boris e l'incubo del Natale in lockdown
Boris e l
Gli esperti sanitari avvertono: chiudiamo tutto o sarà un inferno. Ma il premier deve vedersela con una parte del suo partito che non vuol sentir parlare di fermare il Paese
GB, polemiche per la pedofila graziata
GB, polemiche per la pedofila graziata
Monica McCanch, condannata nel 2007 per abusi su minori e uscita di galera, ha ottenuto la revoca del divieto di avere contatti con minori di 16 anni. Secondo il tribunale non sarebbe più un soggetto a rischio
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Cosimo Chionna, su cui pensava un mandato di cattura internazionale, è accusato di oltre 160 stupri in 14 anni
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica