Navalny: «Putin mi voleva morto»

| “C’è lui dietro al mio avvelenamento”: la pesante accusa lanciata dal dissidente russo in un’intervista in cui ribadisce di voler tornare al suo posto in Russia

+ Miei preferiti
Aleksej Navalny sta meglio, nel corpo e nello spirito. Se l’è vista brutta, scampando al gas nervino che non è ancora chiaro del tutto come sia arrivato fino a lui, mentre per lo stesso Navalny è invece lampante il nome del mittente: Vladimir Putin.

Dimesso dall’ospedale di Berlino che è riuscito a salvarlo, l’ha detto scandendo bene le parole nel corso di un’intervista concessa al quotidiano tedesco “Der Spiegel”: “Dichiaro che c’è Putin dietro il crimine, e non ho altre versioni per spiegare quello che è successo”. Poi, il dissidente russo ha ricordato le drammatiche fasi dell’avvelenamento, “Non senti alcun dolore, ma dentro sai che stai morendo”, ribadendo l’intenzione di tornare in Russia riprendendo il suo posto nella lotta contro i poteri occulti del Cremlino: “Il ruolo è restarci senza paura, sentimento che non conosco”.

La vicenda di Navalny inizia la mattina del 20 agosto scorso sul volo che da Tomsk lo riportava a Mosca: inizia ad accusare un malore e ben giro di poco perde conoscenza. L’aereo chiede di poter effettuare un atterraggio di emergenza a Omsk, dove Nalvalny viene ricoverato nel reparto di rianimazione tossica. Si teme il paggio: il blogger entra in coma e i bollettini medici parlano di situazione in rapido peggioramento. Il giorno successivo, su richiesta di aiuto inviata dalla famiglia alla cancelliera Merkel e al presidente Macron, un aereo trasporta Navalny all’ospedale “La Charité” di Berlino, che conferma l’ipotesi dell’avvelenamento inizialmente scartata dai medici russi. Il 7 settembre, Aleksej Navalny esce dal coma indotto.

Esteri
Londra, polemiche per la tassa sugli abbracci
Londra, polemiche per la tassa sugli abbracci
Sarà introdotta prima a Gatwick e poco a Heathrow una tariffa di 5 sterline per 10 minuti di sosta veloce. La tassa prende il posto del “Kiss and Fly” gratuito, e fioccano le polemiche
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
Quasi vent’anni prima della sua fuga, la principessa Shamsa aveva tentato la stessa cosa: fu rapita a Cambridge e riportata a Dubai. Ha vissuto anni in galera ed è ormai ridotta ad “uno zombie”
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
Il premier Boris Johnson ha anticipato il piano messo a punto per la graduale riapertura di attività e socialità nel Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Sono in molti, a chiedersi se dopo la regina più amata di sempre non sarebbe più giusto ripensarsi come repubblica. Per gli esperti il dubbio quel giorno sarà inevitabile, a meno di non dare una nuova immagine più “light”
Francia, lo scandalo degli incesti
Francia, lo scandalo degli incesti
Un libro shock svela le violenze subite all’interno di una famiglia di intellettuali, ben nota negli ambienti della Riva Gauche. La pubblicazione ha scatenato l’hashtag #MeTooIncest, che ha portato alla luce migliaia di casi
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
Il governo del Regno Unito avverte: non correte a prenotare vacanze all’estero, è assai difficile che potrete farle. Nuova stretta sui documenti necessari per l’ingresso nel Paese, specie per i paesi nella “lista rossa”
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Un’inchiesta giornalistica, con tanto di documenti scritti, svela che negli anni 70 gli avvocati della regina avrebbero fatto pressioni per escludere i sovrani dalla norma sulla trasparenza finanziaria
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
In una lunga dichiarazione dopo la lettura della sentenza, il dissidente russo chiede ai suoi concittadini di non arrendersi: “Il piccolo ladro chiuso nel suo bunker non può rinchiudere milioni di persone”
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile