Nessuna fuga, Ghosn è uscito di casa

| Le telecamere di sorveglianza consegnano una verità amara per le autorità giapponesi: la fuga sotto gli occhi di tutti, e l’unico dubbio di come sia arrivato al jet privato, forse nascosto in una valigia

+ Miei preferiti
Nessuna custodia da strumento musicale, nessun camuffamento: per iniziare la sua fuga dal Giappone al Libano, Carlo Ghosn è semplicemente uscito di casa con le sue gambe. Ha preso un treno da Tokyo, con quello ha raggiunto Osaka, si è imbarcato sul volo privato ed volato a Beirut. Punto.

A smentire almeno in parte le supposizioni di fughe rocambolesche degne di “Mission Impossibile” sono state le immagini mostrate dalle telecamere di sicurezza, piazzate forse per tenere lontani venditori ambulanti e Testimoni di Geova, ma non certo per controllare lui. L’ex Ceo di Renault-Nissan ha lasciato la sua residenza nel centro di Tokyo nel pomeriggio del 29 dicembre scorso per raggiungere un albergo ad un km di distanza, dove si sarebbe incontrato con due persone. Il gruppo sarebbe poi salito alla stazione di Shinagawa su un treno ad alta velocità diretto ad Osaka. Dalla stazione i tre hanno preso un taxi per un hotel non distante dall’aeroporto di Kansai: alle 22:30 i due hanno lasciato l’albergo con due grandi valigie, ma Ghosn non era con loro. È proprio questo, il dettaglio della fuga che ancora manca all’appello: secondo la polizia, Carlos Ghosn sarebbe stato nascosto dentro una delle due valigie in metallo per raggiungere la scaletta di un jet privato in un’area riservata dell’aeroporto, dove i controlli sono meno rigidi.

La sua verità, attesissima, Ghosn la rivelerà nei prossimi giorni in un’attesissima conferenza stampa.

Esteri
L’amante di Putin, da donna delle pulizie a miliardaria
L’amante di Putin, da donna delle pulizie a miliardaria
Più che le faccende di cuore del presidente, a finire nel mirino della testata d’opposizione “Proekt” è il misterioso flusso costante di capitali e proprietà
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Insieme a lui il suo ex avvocato di fiducia Thierry Herzog e il giudice Gilbert Azibert. Il giudice avrebbe fornito informazioni riservate sulle inchieste per finanziamento della campagna elettorale, chiedendo in cambio un posto a Monaco
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Zlatko Sikorsky, 36 anni, è stato aggredito da un altro detenuto nel carcere di Brisbane: stava scontando la condanna per l’omicidio di Larissa Beilby, la fidanzata 16enne uccisa a pugni due anni prima
Francia, vietato filmare la polizia
Francia, vietato filmare la polizia
Un disegno di legge punta a impedire ai cittadini di riprendere le forze di polizia in azione: ai trasgressori 45mila euro di multa. Interviene anche l’Onu: deriva pericolosa che minaccia la libertà di espressione e di stampa
Eravamo quattro amici al pub
Eravamo quattro amici al pub
In Irlanda, 4 amici hanno acquistato un volo a prezzi stracciati per poter accedere all’area partenze dell’aeroporto di Dublino, dove pub e ristoranti sono aperti…
Scettico e no-mask? Niente ricovero
Scettico e no-mask? Niente ricovero
La polemica proposta di Willy Oggier, un economista svizzero che propone un registro nazionale in cui ognuno è libero di dichiarare la propria posizione in merito al virus, ma accettando anche l’idea che non sarà curato
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Dopo la spaccatura fra Johnson e il suo stratega Dominic Cummings, emerge sempre di più la figura della fidanzata del premier. Una donna tosta che sa cosa vuole, e soprattutto come ottenerlo
GB, la faida al 10 di Downing Street
GB, la faida al 10 di Downing Street
Dominic Cummings, il guru della Brexit, silurato da BoJo pare anche su gentile richiesta della fidanzata. Un maremoto che potrebbe costare la poltrona al premier
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Per due anni, il giornalista Valentin Gendrot si è finto un agente per scrivere un libro in cui ha raccontato decine di episodi abusi e razzismo, ma anche le difficili condizioni in cui lavorano i poliziotti
Putin pronto a lasciare
Putin pronto a lasciare
Un tabloid inglese rivela che il presidente russo sarebbe affetto da Parkinson: il Cremlino smentisce, ma tutto lascia pensare ad un passaggio di consegne imminente