Nessuna fuga, Ghosn è uscito di casa

| Le telecamere di sorveglianza consegnano una verità amara per le autorità giapponesi: la fuga sotto gli occhi di tutti, e l’unico dubbio di come sia arrivato al jet privato, forse nascosto in una valigia

+ Miei preferiti
Nessuna custodia da strumento musicale, nessun camuffamento: per iniziare la sua fuga dal Giappone al Libano, Carlo Ghosn è semplicemente uscito di casa con le sue gambe. Ha preso un treno da Tokyo, con quello ha raggiunto Osaka, si è imbarcato sul volo privato ed volato a Beirut. Punto.

A smentire almeno in parte le supposizioni di fughe rocambolesche degne di “Mission Impossibile” sono state le immagini mostrate dalle telecamere di sicurezza, piazzate forse per tenere lontani venditori ambulanti e Testimoni di Geova, ma non certo per controllare lui. L’ex Ceo di Renault-Nissan ha lasciato la sua residenza nel centro di Tokyo nel pomeriggio del 29 dicembre scorso per raggiungere un albergo ad un km di distanza, dove si sarebbe incontrato con due persone. Il gruppo sarebbe poi salito alla stazione di Shinagawa su un treno ad alta velocità diretto ad Osaka. Dalla stazione i tre hanno preso un taxi per un hotel non distante dall’aeroporto di Kansai: alle 22:30 i due hanno lasciato l’albergo con due grandi valigie, ma Ghosn non era con loro. È proprio questo, il dettaglio della fuga che ancora manca all’appello: secondo la polizia, Carlos Ghosn sarebbe stato nascosto dentro una delle due valigie in metallo per raggiungere la scaletta di un jet privato in un’area riservata dell’aeroporto, dove i controlli sono meno rigidi.

La sua verità, attesissima, Ghosn la rivelerà nei prossimi giorni in un’attesissima conferenza stampa.

Esteri
Il CEO di Ryanair accusato di razzismo e islamofobia
Il CEO di Ryanair accusato di razzismo e islamofobia
Il variopinto Michael O’Leary, non nuovo ad uscite spettacolari e spesso sconvenienti, suggerisce controlli serrati contro i musulmani che viaggiano da soli: se il pericolo arriva da loro, è lì che bisogna agire
Harry & Meghan, tutto da rifare
Harry & Meghan, tutto da rifare
La regina Elisabetta ha negato alla coppia di fuggitivi l’autorizzazione a utilizzare il marchio “Sussex Royal”, già depositato e stampato su centinaia di articoli pronti ad entrare in commercio
La Francia scopre “la truffa Le Drian”
La Francia scopre “la truffa Le Drian”
Fra il 2015 e l’anno successivo, una banda di abili truffatori ha sottratto 80 milioni di euro a imprenditori fingendo di essere il ministro degli esteri francese: il denaro sarebbe servito per liberare ostaggi nelle mani dei terroristi
Lo scandalo Griveaux sulle comunali di Parigi
Lo scandalo Griveaux sulle comunali di Parigi
Il candidato di “En Marche”, fedelissimo di Macron, travolto dalla pubblicazioni di messaggi e video intimi con un’amante. Inevitabili le sue dimissioni
Abusava di donne malate di cancro
Abusava di donne malate di cancro
Manish Shah, medico londinese, condannato a 3 ergastoli: avrebbe abusato e maltrattato 23 donne affette da tumore
Schumacher, il giallo delle foto rubate
Schumacher, il giallo delle foto rubate
Un tabloid inglese denuncia di aver ricevuto l’offerta di un “pacchetto di immagini” che ritraggono Schumy nel letto della sua residenza di Ginevra. La moglie Corinna ha allertato avvocati e forze dell’ordine per bloccare la diffusione
Harry rompe il silenzio
Harry rompe il silenzio
Il duca di Sussex racconta la propria versione del divorzio dell’anno nel corso di un evento benefico: “Il Regno Unito è casa mia, e questo non cambierà mai”
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
La polemica sui costi della sicurezza di Harry e Meghan ha coinvolto anche il duca di York: secondo alcune fonti vicine a Scotland Yard, “spendere tanti soldi per qualcuno che non ha più ruoli pubblici è immorale”
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
Nel paese nordamericano infiamma il dibattito: Harry e Meghan non pensino di arrivare qui e sentirsi reali perché non lo sono. E non da ultimo, chi pagherà l’apparato di cui si circondano, valutato in 10 milioni di dollari ogni anno?
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Dopo il clamore della rocambolesca fuga di Carlo Ghosn, il colosso giapponese di strumenti e attrezzature musicali avvisa: non provateci, è molto pericoloso