Nessuna fuga, Ghosn è uscito di casa

| Le telecamere di sorveglianza consegnano una verità amara per le autorità giapponesi: la fuga sotto gli occhi di tutti, e l’unico dubbio di come sia arrivato al jet privato, forse nascosto in una valigia

+ Miei preferiti
Nessuna custodia da strumento musicale, nessun camuffamento: per iniziare la sua fuga dal Giappone al Libano, Carlo Ghosn è semplicemente uscito di casa con le sue gambe. Ha preso un treno da Tokyo, con quello ha raggiunto Osaka, si è imbarcato sul volo privato ed volato a Beirut. Punto.

A smentire almeno in parte le supposizioni di fughe rocambolesche degne di “Mission Impossibile” sono state le immagini mostrate dalle telecamere di sicurezza, piazzate forse per tenere lontani venditori ambulanti e Testimoni di Geova, ma non certo per controllare lui. L’ex Ceo di Renault-Nissan ha lasciato la sua residenza nel centro di Tokyo nel pomeriggio del 29 dicembre scorso per raggiungere un albergo ad un km di distanza, dove si sarebbe incontrato con due persone. Il gruppo sarebbe poi salito alla stazione di Shinagawa su un treno ad alta velocità diretto ad Osaka. Dalla stazione i tre hanno preso un taxi per un hotel non distante dall’aeroporto di Kansai: alle 22:30 i due hanno lasciato l’albergo con due grandi valigie, ma Ghosn non era con loro. È proprio questo, il dettaglio della fuga che ancora manca all’appello: secondo la polizia, Carlos Ghosn sarebbe stato nascosto dentro una delle due valigie in metallo per raggiungere la scaletta di un jet privato in un’area riservata dell’aeroporto, dove i controlli sono meno rigidi.

La sua verità, attesissima, Ghosn la rivelerà nei prossimi giorni in un’attesissima conferenza stampa.

Esteri
Gli enormi mal di testa di BoJo
Gli enormi mal di testa di BoJo
L’incubo del numero di infezioni in crescita, la poca voglia degli inglesi di ubbidire ancora, la Brexit da chiudere, la minaccia di un probabile lockdown, l’economia a pezzi: per il premier inglese si prepara un autunno infernale
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
Una guardia del corpo del ministro degli esteri Dominic Raab ha dimenticato la pistola sul sedile di un aereo. Pochi mesi fa, lo stesso aveva fatto un altro agente di scorta all’ex premier David Cameron. L’imbarazzo della polizia
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca
Il triste destino dei ponti di Londra
Il triste destino dei ponti di Londra
L’Hammersmith Bridge si sta sgretolando: è stato chiuso al traffico causando enormi problemi al traffico, ma non ci sono i fondi per ripararlo e neanche per un rattoppo. Ma non è l’unico ponte ad essere messo male
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Mentre si fa sempre più strada l’ipotesi di scontri fra gang che hanno insanguinato il sabato sera della città inglese, a Parigi un uomo è stato accoltellato sui binari della Gare du Nord di Parigi
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Una donna di 27 anni ha ucciso 5 dei suoi 6 figli tentando poi di togliersi la vita. Gli abitanti di Solingen raccontano di aver visto agenti in lacrime uscire dall’appartamento
GB, con la seconda ondata 85mila morti
GB, con la seconda ondata 85mila morti
È la peggiore delle previsioni fatte da uno studio governativo inglese realizzato da scienziati ed esperti. L’influenza stagionale potrebbe complicare l’individuazione di possibili contagi
Giovane mamma irlandese muore a Ibiza
Giovane mamma irlandese muore a Ibiza
Amy Connor, 23 anni, è stata trovata senza vita nel letto di un resort dove stava trascorrendo alcuni giorni di vacanza in compagnia della sorella e della cugina. Nelle scorse ore il commovente funerale
Amazon, via libera alle consegne con i droni
Amazon, via libera alle consegne con i droni
Il colosso di Seattle punta all’obiettivo dei 30 minuti di consegna al dal momento dell’ordine. L’ente dell’aviazione americano ha dato il benestare