Nessuna fuga, Ghosn è uscito di casa

| Le telecamere di sorveglianza consegnano una verità amara per le autorità giapponesi: la fuga sotto gli occhi di tutti, e l’unico dubbio di come sia arrivato al jet privato, forse nascosto in una valigia

+ Miei preferiti
Nessuna custodia da strumento musicale, nessun camuffamento: per iniziare la sua fuga dal Giappone al Libano, Carlo Ghosn è semplicemente uscito di casa con le sue gambe. Ha preso un treno da Tokyo, con quello ha raggiunto Osaka, si è imbarcato sul volo privato ed volato a Beirut. Punto.

A smentire almeno in parte le supposizioni di fughe rocambolesche degne di “Mission Impossibile” sono state le immagini mostrate dalle telecamere di sicurezza, piazzate forse per tenere lontani venditori ambulanti e Testimoni di Geova, ma non certo per controllare lui. L’ex Ceo di Renault-Nissan ha lasciato la sua residenza nel centro di Tokyo nel pomeriggio del 29 dicembre scorso per raggiungere un albergo ad un km di distanza, dove si sarebbe incontrato con due persone. Il gruppo sarebbe poi salito alla stazione di Shinagawa su un treno ad alta velocità diretto ad Osaka. Dalla stazione i tre hanno preso un taxi per un hotel non distante dall’aeroporto di Kansai: alle 22:30 i due hanno lasciato l’albergo con due grandi valigie, ma Ghosn non era con loro. È proprio questo, il dettaglio della fuga che ancora manca all’appello: secondo la polizia, Carlos Ghosn sarebbe stato nascosto dentro una delle due valigie in metallo per raggiungere la scaletta di un jet privato in un’area riservata dell’aeroporto, dove i controlli sono meno rigidi.

La sua verità, attesissima, Ghosn la rivelerà nei prossimi giorni in un’attesissima conferenza stampa.

Esteri
Londra, polemiche per la tassa sugli abbracci
Londra, polemiche per la tassa sugli abbracci
Sarà introdotta prima a Gatwick e poco a Heathrow una tariffa di 5 sterline per 10 minuti di sosta veloce. La tassa prende il posto del “Kiss and Fly” gratuito, e fioccano le polemiche
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
Quasi vent’anni prima della sua fuga, la principessa Shamsa aveva tentato la stessa cosa: fu rapita a Cambridge e riportata a Dubai. Ha vissuto anni in galera ed è ormai ridotta ad “uno zombie”
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
Il premier Boris Johnson ha anticipato il piano messo a punto per la graduale riapertura di attività e socialità nel Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Sono in molti, a chiedersi se dopo la regina più amata di sempre non sarebbe più giusto ripensarsi come repubblica. Per gli esperti il dubbio quel giorno sarà inevitabile, a meno di non dare una nuova immagine più “light”
Francia, lo scandalo degli incesti
Francia, lo scandalo degli incesti
Un libro shock svela le violenze subite all’interno di una famiglia di intellettuali, ben nota negli ambienti della Riva Gauche. La pubblicazione ha scatenato l’hashtag #MeTooIncest, che ha portato alla luce migliaia di casi
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
Il governo del Regno Unito avverte: non correte a prenotare vacanze all’estero, è assai difficile che potrete farle. Nuova stretta sui documenti necessari per l’ingresso nel Paese, specie per i paesi nella “lista rossa”
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Un’inchiesta giornalistica, con tanto di documenti scritti, svela che negli anni 70 gli avvocati della regina avrebbero fatto pressioni per escludere i sovrani dalla norma sulla trasparenza finanziaria
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
In una lunga dichiarazione dopo la lettura della sentenza, il dissidente russo chiede ai suoi concittadini di non arrendersi: “Il piccolo ladro chiuso nel suo bunker non può rinchiudere milioni di persone”
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile