Niente Natale a Notre-Dame

| L’incendio dello scorso aprile ha costretto i parigini a rinunciare per la prima volta ad una delle tradizioni più antiche e amate

+ Miei preferiti
Qualcuno a Parigi l’ha sperato fino alla fine, ma malgrado gli sforzi immensi, per la prima volta in 216 anni, la cattedrale di Notre-Dame non ospiterà la Messa di Natale. Un silenzio a cui uno dei simboli assoluti di Parigi è costretto dopo il devastante incendio dello scorso 15 aprile.

La Messa di Natale a Notre-Dame era una tradizione amatissima dai parigini, che secondo le indicazioni del comune possono rivolgersi alla chiesa di Saint-Germain-l’Auxerrois, di fronte al Louvre, dove dal 1° settembre scorso sono state trasferite le funzioni ordinarie di Notre-Dame. Dopo una prima messa per le famiglie alle 18:30, alle 23:30 è annunciata una veglia di preghiera con la Maîtrise di Notre-Dame, ma quest’anno non è un Natale facile: al momento la presenza del coro non è certa: dal 17 dicembre scorso gli studenti che formano il coro degli adulti di Notre-Dame de Paris hanno cancellato tutte le esibizioni natalizie per protestare contro il licenziamento di cinque insegnanti dell’associazione “Musique sacrée à Notre-Dame de Paris”.

Dopo l'incendio della cattedrale, le celebrazioni presiedute dall’arcivescovo di Parigi si sono svolte a Saint-Sulpice, che è in grado di accogliere un numero maggiore di fedeli.

Da qualche giorno, Notre-Dame ospita i pezzi di un’enorme gru che servirà per smontare l’impalcatura che la minaccia: uno ad uno, circa 10.000 tubi metallici, 250 tonnellate in totale, che l’incendio del 15 aprile aveva saldato insieme. 

Esteri
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Un uomo di un villaggio della Russia occidentale infastidito dal chiasso dei vicini, ha iniziato un litigio che è sfociato in tragedia
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
Accusato da un uomo che afferma di essere stato violentato insieme ad un compagno di coro, morto suicida, l’alto prelato scagionato al terzo grado di giustizia. La sentenza non è appellabile
H&M non sono più reali
H&M non sono più reali
L’ultimo giorno in cui i Sussex possono fregiarsi dei titoli nobiliari. A dar loro il benvenuto fra i comuni mortali il presidente Trump, che commentando il loro arrivo in America ha commentato “Non pagheremo per la loro protezione
H&M, il problema della sicurezza passa agli americani
H&M, il problema della sicurezza passa agli americani
Poco prima dello stop ai voli internazionali, hanno raggiunto Los Angeles, dove i Sussex vorrebbero mettere radici. Ma perdendo lo status di reali, perderanno anche il diritto alla protezione stabilita per legge
GB: il mistero della missione navale russa
GB: il mistero della missione navale russa
La Royal Navy ha rivelato che per otto giorni le proprie navi hanno seguito e pattugliato l’attività di alcune misteriose fregate russe
È morto il principe Filippo?
È morto il principe Filippo?
Al momento sembra una fake news che si rincorre da settimane, ma la regina ha annunciato una comunicazione straordinaria al Paese che insospettisce i tabloid: l'ultima era stata per annunciare la morte della madre
Harry vittima di un feroce scherzo telefonico
Harry vittima di un feroce scherzo telefonico
Due abilissimi youtuber russi si sono finti Greta Thunberg e suo padre, incalzando il principe a parlare della separazione dalla famiglia reale e dei suoi problemi
La Cina rialza la testa
La Cina rialza la testa
Malgrado tanti restano in isolamento, la città di Wuhan sembra uscita dal peggio e i funzionari cinesi attaccano gli Stati Uniti, pretendendo la riconoscenza perché il sacrificio di milioni di persone ha reso meno peggiore il contagio
Coronavirus, il Regno Unito nel panico
Coronavirus, il Regno Unito nel panico
L’inizio dell’epidemia fa crescere la psicosi: gli scaffali dei supermercati vuoti e la chiusura di molte aziende aumentano il timore fra la popolazione
Londra pronta al lockdown
Londra pronta al lockdown
Illustrato il piano di emergenza contro il coronavirus messo a punto dal governo inglese: nell’ipotesi peggiore, pronti a chiudere intere città