ONU: lo scandalo del sesso a bordo

| Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria

+ Miei preferiti
La parola d’ordine, nei corridoi del Palazzo di Vetro di New York, quartier generale dell’ONU, è la “prendere tempo per arrivare alla verità”, ma l’imbarazzo resta, e si sente nell’aria. Lo scandalo, perché quello sta diventando con il passare delle ore, è riassunto in un breve video della durata di 18 secondi appena, ripreso da qualcuno su una terrazza o una finestra di Tel Aviv, in Israele, in cui si vede un fuoristrada bianco con i simboli delle Nazioni Unite fermo per qualche istante prima di ripartire. A bordo, nei pochi frammenti video, l’inequivocabile scena di un rapporto sessuale consumato probabilmente fra un funzionario ed una prostituta.

Il video, diventato virale, ha scatenato la durissima reazione di Stéphane Dujrrac, portavoce del segretario generale Antonio Guterres, che ha dichiarato l’intera organizzazione “profondamente turbata” per l’accaduto.

L’inconfondibile Suv bianco delle Nazioni Unite viene ripreso di notte in una strada molto trafficata della capitale israeliana: bordo quattro persone fra l’autista, un passeggero sul sedile anteriore e due dietro, fra cui una donna vestita di rosso, presumibilmente una prostituta. L’inclinazione dell’inquadratura non permette di vedere i volti degli occupanti, ma in base alle prime indagini sommarie sembrerebbe una vettura della UNTSO, la United Nations Truce Supervision Organisation, corpo di paecekeeping dell’Onu nato con il compito di vigilare sul cessate il fuoco.

L’Onu ha dichiarato di essere ormai prossima all’identificazione degli occupanti della vettura, nell’ambito di un’inchiesta che avrà anche il compito di appurare se l’atto sessuale sia stato volontario o a pagamento, eventualità questa che farebbe scattare conseguenze pesanti, visto le rigide direttive sui comportamenti adottati dalle Nazioni Unite verso i propri dipendenti.

Esteri
Olanda, i container per le torture
Olanda, i container per le torture
In coordinamento con la polizia europea, le forze dell’ordine olandesi hanno sgominato una banda che aveva attrezzato sei container per torturare
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Finito al centro di un’indagine internazionale per possesso di materiale pedopornografico pedofilia, all’ex ambasciatore ungherese in Perù vicino al presidente Orban è stato garantito un trattamento giudiziario di favore
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
L’immagine di Nadezhda Zhukova in costume fra i malati di Covid-19 aveva fatto il giro del mondo. Un’inchiesta l’ha scagionata e ore sogna di diventare medico, ma nel frattempo ha iniziato anche a posare per un marchio sportivo
GB: notte di sangue a Reading
GB: notte di sangue a Reading
Un uomo armato di coltello si è gettato sulla folla che sciamava dopo una manifestazione antirazzismo: prima di essere bloccato è riuscito a uccidere tre persone e ferirne altrettanto. Per la polizia non si tratta di terrorismo
BoJo in difficoltà: troppe decisioni e scelte sbagliate
BoJo in difficoltà: troppe decisioni e scelte sbagliate
La stella dell’uomo forte della Brexit si sta offuscando: invece di pensare ai problemi del Paese, afflitto dal Covid-19 e da una crisi economica pesantissima, si concentra sul altro