Parigi, the day after

| Il presidente Macron annuncia pugno di ferro, i ministri del suo governo definiscono assassini i manifestanti. Il 18esimo sabato dei Gilet Jaunes è stato davvero quello del giro di boa. Danni per centinaia di milioni di euro

+ Miei preferiti
Il giorno dopo di quello che i Gilet Jaunes hanno definito “l’ultimatum a Macron” si contano i danni. Gli Champs-Élysées, l’elegante viale nel cuore della capitale francese, meta di turismo e di shopping fra i più esclusivi, è un campo di battaglia. L’iniezione dei Black Bloc nel 18esimo sabato di protesta ha alzato il livello dello scontro, dopo settimane in cui tutto era sembrato affievolirsi. Il bilancio è pesante, da guerriglia vera: 11 feriti, una mamma e il suo bambino salvati in extremis dai vigili del fuoco dalle fiamme che hanno invaso un palazzo, negozi devastati, decine di automobili date alle fiamme, segnali stradali divelti, 82 arresti (237 in tutta la Francia), una nuvola di gas lacrimogeni che è rimasta per ore sulla zona, lanciati dai 5.000 agenti di polizia schierati per respingere un mare di gilet gialli, 44mila secondo la polizia. La sede di una banca data alle fiamme, lo storico ristorante “Forquet’s” saccheggiato insieme a boutique e negozi fra cui “Bulgari”, “Hugo Boss” “Zara” e “Disneystore”.

In rete circolano le immagini, accompagnate da migliaia di visualizzazioni e compiacimenti, di momenti della battaglia: un’auto della polizia accerchiata e presa a sassate, poliziotti colpiti.

Le parole di Edoard Philippe, il primo ministro sono durissime: “Non si tratta né di manifestanti né di casseur, questi sono assassini”. Gli fa eco il ministro dell’interno, Christophe Castagner: “Hanno risposto in massa all’appello alla violenza fatto da alcuni leader dei gilet gialli”. Per finire con le parole del presidente Macron, secondo cui la misura è ormai colma: “Bisogna prendere decisioni chiare affinché tutto questo non si ripeta più. Quel che è avvenuto sugli Champs-Élysées non si chiama manifestazione. Tutti coloro che erano lì sono complici di quanto è accaduto”.

Galleria fotografica
Parigi, the day after - immagine 1
Parigi, the day after - immagine 2
Parigi, the day after - immagine 3
Parigi, the day after - immagine 4
Esteri
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare