Parigi, the day after

| Il presidente Macron annuncia pugno di ferro, i ministri del suo governo definiscono assassini i manifestanti. Il 18esimo sabato dei Gilet Jaunes è stato davvero quello del giro di boa. Danni per centinaia di milioni di euro

+ Miei preferiti
Il giorno dopo di quello che i Gilet Jaunes hanno definito “l’ultimatum a Macron” si contano i danni. Gli Champs-Élysées, l’elegante viale nel cuore della capitale francese, meta di turismo e di shopping fra i più esclusivi, è un campo di battaglia. L’iniezione dei Black Bloc nel 18esimo sabato di protesta ha alzato il livello dello scontro, dopo settimane in cui tutto era sembrato affievolirsi. Il bilancio è pesante, da guerriglia vera: 11 feriti, una mamma e il suo bambino salvati in extremis dai vigili del fuoco dalle fiamme che hanno invaso un palazzo, negozi devastati, decine di automobili date alle fiamme, segnali stradali divelti, 82 arresti (237 in tutta la Francia), una nuvola di gas lacrimogeni che è rimasta per ore sulla zona, lanciati dai 5.000 agenti di polizia schierati per respingere un mare di gilet gialli, 44mila secondo la polizia. La sede di una banca data alle fiamme, lo storico ristorante “Forquet’s” saccheggiato insieme a boutique e negozi fra cui “Bulgari”, “Hugo Boss” “Zara” e “Disneystore”.

In rete circolano le immagini, accompagnate da migliaia di visualizzazioni e compiacimenti, di momenti della battaglia: un’auto della polizia accerchiata e presa a sassate, poliziotti colpiti.

Le parole di Edoard Philippe, il primo ministro sono durissime: “Non si tratta né di manifestanti né di casseur, questi sono assassini”. Gli fa eco il ministro dell’interno, Christophe Castagner: “Hanno risposto in massa all’appello alla violenza fatto da alcuni leader dei gilet gialli”. Per finire con le parole del presidente Macron, secondo cui la misura è ormai colma: “Bisogna prendere decisioni chiare affinché tutto questo non si ripeta più. Quel che è avvenuto sugli Champs-Élysées non si chiama manifestazione. Tutti coloro che erano lì sono complici di quanto è accaduto”.

Galleria fotografica
Parigi, the day after - immagine 1
Parigi, the day after - immagine 2
Parigi, the day after - immagine 3
Parigi, the day after - immagine 4
Esteri
Boris e l'incubo del Natale in lockdown
Boris e l
Gli esperti sanitari avvertono: chiudiamo tutto o sarà un inferno. Ma il premier deve vedersela con una parte del suo partito che non vuol sentir parlare di fermare il Paese
GB, polemiche per la pedofila graziata
GB, polemiche per la pedofila graziata
Monica McCanch, condannata nel 2007 per abusi su minori e uscita di galera, ha ottenuto la revoca del divieto di avere contatti con minori di 16 anni. Secondo il tribunale non sarebbe più un soggetto a rischio
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Cosimo Chionna, su cui pensava un mandato di cattura internazionale, è accusato di oltre 160 stupri in 14 anni
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica