Per la corte suprema UK è illegale il blocco del parlamento

| Uno smacco al premier Boris Johnson, che era riuscito perfino a convincere la regina Elisabetta. La sempre più intricata questione della Brexit si avvia verso elezioni anticipate

+ Miei preferiti
“Illegale”: si riassume con una sola parola la doccia fredda della Corte Suprema inglese alla “prorogation”, la norma con cui premier Boris Johnson aveva deciso di fermare l’attività del Parlamento fino al 14 ottobre, a pochi giorni dalla scadenza del 31, la data ultima di scadenza della “Brexit”, l’uscita del Regno Unito dall’UE che ormai inizia ad assumere i contorni di una tragedia epocale.

La decisione, raggiunta peraltro all’unanimità, considera arbitraria l’imposizione del premier, con “effetti sulla nostra democrazia estremi”. Il riferimento è alle proteste che avevano accompagnato la decisione di imbavagliare i lavori di Westminster per evitare la legge che obbliga il premier a trattare un’uscita che non prevede il “no deal”, la mancanza di accordo cha trascinerebbe il Regno Unito in un baratro inesplorato e di grande pericolosità. Con la decisione della corte, che riapre ufficialmente il parlamento, lo storico speaker della camera John Bercow ha immediatamente convocato i deputati per sancire la “ripresa dei lavori”.

Ma la situazione peggiore è quella in cui piombato Boris Johnson – al momento impegnato a New York alla conferenza sul clima - che malgrado fino a ieri abbia negato di pensare alle dimissioni, si troverà nelle prossime ore a dover rispondere anche dell’onta di aver convinto la regina a firmare un provvedimento secondo lui perfettamente legale, che in realtà è stato considerato l’esatto contrario dall’arta corte britannica.

Una richiesta di dimissioni è arrivata in tempo reale da Jeremy Corbyn, e lo spettro delle elezioni anticipate si fa sempre più realistico, ormai quasi una strada obbligate per uscire da un impasse senza sbocchi.

Galleria fotografica
Per la corte suprema UK è illegale il blocco del parlamento - immagine 1
Esteri
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Polemiche e proteste per la decisione di alcuni istituti superiori di adottare t-shirt consegnate all’ingresso delle scuole alle studentesse con abiti provocanti o succinti
Navalny: «Putin mi voleva morto»
Navalny: «Putin mi voleva morto»
“C’è lui dietro al mio avvelenamento”: la pesante accusa lanciata dal dissidente russo in un’intervista in cui ribadisce di voler tornare al suo posto in Russia
La scomoda verità delle spettacolari residenze inglesi
La scomoda verità delle spettacolari residenze inglesi
Dietro la bellezza a volte fiabesca di palazzi immersi nel verde, si nasconde il risvolto meno conosciuto dell’impero britannico, fra schiavitù e colonialismo. Luoghi che il “National Trust” ha censito, scatenando le polemiche