Polonia, il vaccino prima ai Vip

| Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta

+ Miei preferiti
Nel mare di polemiche sulle campagne di vaccinazione, che proseguono a singhiozzo un po’ ovunque mettendo a nudo l’approssimazione dei governi, c’è chi riesce a fare perfino peggio.

In Polonia, dove la pandemia finora è costata 1,32 milioni di contagi e 30mila morti, sta diventando uno scandalo in piena regola la notizia che circola sui media in queste ore, e riguarderebbe alcune decine di polacchi “illustri”, fra cui Vip, politici e personaggi dello spettacolo, che avrebbero ricevuto il vaccino saltando le linee guida delle autorità sanitarie: prima il personale ospedaliero, subito dopo gli anziani delle case di riposo e i soggetti a rischio, poi via via tutti gli altri.

Invece, a sorpresa, emerge che il 30 dicembre scorso, tre giorni dopo il V-Day europeo, 18 celebrità polacche di età compresa fra i 60 ed i 70 anni sarebbero state vaccinate presso l’ospedale dell’Università medica di Varsavia. Fra loro un ex primo ministro e diversi attori, che si sono giustificati dicendo che era un protocollo richiesto per permettere loro di partecipare alle campagne di promozione della vaccinazione di massa.

Immediate le proteste delle associazioni che riuniscono medici, infermieri e operatori sanitari che continuano a lavorare senza ancora aver ricevuto il vaccino. Sulla questione è intervenuto il ministro della sanità Adam Niedzierlski, che oltre a dichiararsi “disgustato” dalla vicenda ha promesso un’indagine per fare piena luce su un episodio che rischia di inasprire ancora di più il diffuso malcontento sulla risposta del governo alla pandemia.

Esteri
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare
L’anno difficile di Elisabetta
L’anno difficile di Elisabetta
Una donna sola al comando: più volte nel corso del 2020, la regina ha affrontato questioni pubbliche e scossoni privati. Mai in affanno o sopra le righe, continua a guidare il Paese durante la Brexit e la pandemia come solo lei sa fare
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
Da tre giorni fermi con i loro tir, hanno tentato di forzare un blocco della polizia inglese. La Francia ha annunciato la riapertura delle frontiere, ma l’obbligo di test e tamponi allunga i tempi
Ucciso uno scienziato russo che lavorava sul vaccino
Ucciso uno scienziato russo che lavorava sul vaccino
Alexander Kagansky è precipitato dal 14esimo piano dopo aver ricevuto una coltellata: lavorava al vaccino anti Covid-19 ed era un affermato scienziato di fama internazionale