Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano

| Quella di Emma, una 18enne anglosassone, è diventata una battaglia di principio per cambiare le norme che regolano i lutti familiari: devono essere inclusi anche gli animali

+ Miei preferiti
Emma McNulty, una 18enne scozzese di Glasgow, aveva una grande amica per la pelle: Milli, la sua cagnolina. Erano cresciute insieme, e Milli era diventata una di famiglia, un’amica disposta ad ascoltare e a scodinzolare sempre, anche nelle giornate peggiori. Ma la cagnolina, che aveva compiuto da poco 14 anni, è morta all’improvviso ed Emma, distrutta dal dolore, ha pensato fosse doveroso prendersi un giorno di ferie dal lavoro in un fast-food, per dare l’ultimo addio a Milli. Ma il proprietario del locale, ha pensato l’assenza della ragazza fosse del tutto immotivata e soprattutto non contemplata dalle leggi britanniche, licenziandola in tronco. Emma però non si è arresa: ha lanciato una petizione su “Change.org”, la ben nota piattaforma online gratuita che ospita campagne sociali, per chiedere che la norma che regola i permessi per lutti familiari includa anche gli animali. E la reazione della rete non si è fatta attendere: 10mila firme di gente d’accordo con Emma e, soprattutto, tutti convinti che la piccola Millie meritasse l’ultimo giorno insieme, e non le poche ore concesse dall’orario di lavoro. “È tempo che le aziende riconoscano e diano alle persone il tempo di cui hanno bisogno per riprendersi da una perdita simile, senza doversi preoccupare di rischiare il posto di lavoro”.

Galleria fotografica
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano - immagine 1
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano - immagine 2
Esteri
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente
La talpa del 10 di Downing Street
La talpa del 10 di Downing Street
I tabloid inglesi continuano ad essere inondati di rivelazioni scottanti sugli atteggiamenti e il comportamento del premier Johnson. Sospettato numero uno David Cummings, l'ex braccio destro in cerca di vendetta
40 giorni sottoterra
40 giorni sottoterra
Si è concluso il “Deep Time”, l’esperimento di chiudere 15 volontari francesi in una grotta senza orologi, telefoni e luce del sole. L’obiettivo è di studiare il grado di adattamento fisico e mentale
«Non restituite gli ex terroristi all’Italia»
«Non restituite gli ex terroristi all’Italia»
Un appello degli intellettuali francesi, pubblicato su Le Monde, ribadisce la visione democratica e soprattutto umana la Dottrina Mitterand. Nei giorni scorsi, la ministra Cartabia aveva avuto colloqui con l'omologo francese
A Liverpool un esperimento di musica live
A Liverpool un esperimento di musica live
A godersi il concerto dei “Blossoms” sul palco dello Sefton Park saranno 5.000 persone senza mascherina e distanziamento. Si tratta di un progetto voluto dal ministero della salute per verificare eventuali casi di trasmissione
Francia: il caso di Mia, fatta rapire dalla madre
Francia: il caso di Mia, fatta rapire dalla madre
È il colpo di scena di una vicenda più intricata di quel che sembra. I tre rapitori, arrestati dalla polizia, hanno confessato che il mandante del sequestro era la madre, una donna con gravi problemi comportamentali
L’ultimo addio a Filippo
L’ultimo addio a Filippo
Il principe di Edimburgo aveva previsto tuttoo: dall’auto che accompagna il feretro alle musiche che risuoneranno nella Cappella di San Giorgio, a Windsor. Presente di persona solo famiglia reale, ma con diretta televisiva in tutto il mondo