Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano

| Quella di Emma, una 18enne anglosassone, è diventata una battaglia di principio per cambiare le norme che regolano i lutti familiari: devono essere inclusi anche gli animali

+ Miei preferiti
Emma McNulty, una 18enne scozzese di Glasgow, aveva una grande amica per la pelle: Milli, la sua cagnolina. Erano cresciute insieme, e Milli era diventata una di famiglia, un’amica disposta ad ascoltare e a scodinzolare sempre, anche nelle giornate peggiori. Ma la cagnolina, che aveva compiuto da poco 14 anni, è morta all’improvviso ed Emma, distrutta dal dolore, ha pensato fosse doveroso prendersi un giorno di ferie dal lavoro in un fast-food, per dare l’ultimo addio a Milli. Ma il proprietario del locale, ha pensato l’assenza della ragazza fosse del tutto immotivata e soprattutto non contemplata dalle leggi britanniche, licenziandola in tronco. Emma però non si è arresa: ha lanciato una petizione su “Change.org”, la ben nota piattaforma online gratuita che ospita campagne sociali, per chiedere che la norma che regola i permessi per lutti familiari includa anche gli animali. E la reazione della rete non si è fatta attendere: 10mila firme di gente d’accordo con Emma e, soprattutto, tutti convinti che la piccola Millie meritasse l’ultimo giorno insieme, e non le poche ore concesse dall’orario di lavoro. “È tempo che le aziende riconoscano e diano alle persone il tempo di cui hanno bisogno per riprendersi da una perdita simile, senza doversi preoccupare di rischiare il posto di lavoro”.

Galleria fotografica
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano - immagine 1
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano - immagine 2
Esteri
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca
Il triste destino dei ponti di Londra
Il triste destino dei ponti di Londra
L’Hammersmith Bridge si sta sgretolando: è stato chiuso al traffico causando enormi problemi al traffico, ma non ci sono i fondi per ripararlo e neanche per un rattoppo. Ma non è l’unico ponte ad essere messo male
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Mentre si fa sempre più strada l’ipotesi di scontri fra gang che hanno insanguinato il sabato sera della città inglese, a Parigi un uomo è stato accoltellato sui binari della Gare du Nord di Parigi
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Una donna di 27 anni ha ucciso 5 dei suoi 6 figli tentando poi di togliersi la vita. Gli abitanti di Solingen raccontano di aver visto agenti in lacrime uscire dall’appartamento
GB, con la seconda ondata 85mila morti
GB, con la seconda ondata 85mila morti
È la peggiore delle previsioni fatte da uno studio governativo inglese realizzato da scienziati ed esperti. L’influenza stagionale potrebbe complicare l’individuazione di possibili contagi
Giovane mamma irlandese muore a Ibiza
Giovane mamma irlandese muore a Ibiza
Amy Connor, 23 anni, è stata trovata senza vita nel letto di un resort dove stava trascorrendo alcuni giorni di vacanza in compagnia della sorella e della cugina. Nelle scorse ore il commovente funerale
Amazon, via libera alle consegne con i droni
Amazon, via libera alle consegne con i droni
Il colosso di Seattle punta all’obiettivo dei 30 minuti di consegna al dal momento dell’ordine. L’ente dell’aviazione americano ha dato il benestare
Muore uno degli eredi dell’impero Bonduelle
Muore uno degli eredi dell’impero Bonduelle
Jerone, figlio più piccolo di Bruno Bonduelle, investito da un’auto a Lille mentre tornava a casa in sella alla sua biciletta
Svezia, violente proteste anti-musulmane
Svezia, violente proteste anti-musulmane
Oltre 300 persone hanno manifestato a Malmö per il divieto di ingresso nel Paese del leader dell’ultradestra danese. Dal rogo delle copie del Corano, la situazione è presto degenerata in guerriglia urbana