Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia

| Una 15enne sequestrata da un balordo riesce ad avvisare le forze dell’ordine, ma dopo una telefonata surreale le pattuglie arrivano sul posto soltanto 19 ore dopo: troppo tardi

+ Miei preferiti
La Romania è scesa in piazza per protestare contro la vicenda che ha portato alla terribile morte di Alexandra Măceșanu, una 15enne rapita, violentata e uccisa da un meccanico. Il caso è esploso dopo la pubblicazione della registrazione delle chiamate al 112, il numero di emergenza, in cui la giovane, imprigionata dal 65enne Gheorghe Dinca, un balordo che viveva in una baracca isolata, aveva rinchiuso Alexandra dopo averle dato un passaggio. Quasi subito le sequestra il cellulare, la benda e la porta a Caracal, dove la giovane rinchiusa in una stanza subisce botte e violenza. Ma l’uomo non si accorge di aver lasciato il cellulare nella stanza in cui tiene prigioniera la ragazza, che ne approfitta per chiamare la polizia. Nell’audio, si sente distintamente Alexandra chiedere aiuto, ha la voce terrorizzata ed è in uno stato confusionale dovuto alla violenza, ma tenta ugualmente di dare indicazioni utili al centralino della polizia: “Mi chiamo Alexandra Măceșanu, ho 15 anni, sono stati rapita e violentata, per favore, venite a liberarmi”. L’operatore chiede dove si trova e la ragazza dice di non saperlo, ma la reazione è stizzita: “Non sai dove sei? E come pensi che riusciamo a trovarti?”. La ragazza si sforza: “Siamo a Caracal, ma non so esattamente dove, per favore non riattacchi, ho paura che torni”. Poi inizia a rovistare nella stanza e trova finalmente un bigliettino che è comunque un indizio: “Antonius Caracalla numero 9”. Manca l’indirizzo, fa notare l’agente, che comunque le dice “mandiamo una pattuglia”. Alla fine, la frase che per Alexandra equivale alla condanna “Per favore, adesso riagganci e tenga la linea libera”.

La pattuglia riesce a individuare il luogo dove Alexandra è tenuta prigioniera 19 ore dopo la chiamata, rallentati anche dalla richiesta di un mandato di perquisizione del tutto inutile. Ma per la ragazza è troppo tardi: gli agenti trovano soltanto i resti carbonizzati di un corpo, frammenti di ossa e alcuni denti.

Gheorghe Dinca viene arrestato e confessa sia l’omicidio di Alexandra che quello di Luiza Melencu, una 18enne scomparsa lo scorso aprile nella stessa zona di cui non si sa più nulla.

A complicare una vicenda che sta mettendo in forte imbarazzo la polizia e il governo stesso, arriva anche la testimonianza di una vicina di casa dell’uomo, che ha raccontato di aver chiamato il 112 per denunciare movimenti strani e urla provenire dall’abitazione del meccanico, personaggio considerato instabile e pericoloso.

A Bucarest, la gente è scesa in piazza per protestare davanti al Ministero degli Interni, dove è comparso un manifesto che recita “Police Kill”. La prima testa a volare è stata quella di Ioan Buda, il capo della polizia, licenziato in tronco insieme a due funzionari di polizia della contea di Caracal.

Galleria fotografica
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia - immagine 1
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia - immagine 2
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia - immagine 3
Esteri
Gli enormi mal di testa di BoJo
Gli enormi mal di testa di BoJo
L’incubo del numero di infezioni in crescita, la poca voglia degli inglesi di ubbidire ancora, la Brexit da chiudere, la minaccia di un probabile lockdown, l’economia a pezzi: per il premier inglese si prepara un autunno infernale
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
Una guardia del corpo del ministro degli esteri Dominic Raab ha dimenticato la pistola sul sedile di un aereo. Pochi mesi fa, lo stesso aveva fatto un altro agente di scorta all’ex premier David Cameron. L’imbarazzo della polizia
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca
Il triste destino dei ponti di Londra
Il triste destino dei ponti di Londra
L’Hammersmith Bridge si sta sgretolando: è stato chiuso al traffico causando enormi problemi al traffico, ma non ci sono i fondi per ripararlo e neanche per un rattoppo. Ma non è l’unico ponte ad essere messo male
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Mentre si fa sempre più strada l’ipotesi di scontri fra gang che hanno insanguinato il sabato sera della città inglese, a Parigi un uomo è stato accoltellato sui binari della Gare du Nord di Parigi
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Una donna di 27 anni ha ucciso 5 dei suoi 6 figli tentando poi di togliersi la vita. Gli abitanti di Solingen raccontano di aver visto agenti in lacrime uscire dall’appartamento
GB, con la seconda ondata 85mila morti
GB, con la seconda ondata 85mila morti
È la peggiore delle previsioni fatte da uno studio governativo inglese realizzato da scienziati ed esperti. L’influenza stagionale potrebbe complicare l’individuazione di possibili contagi
Giovane mamma irlandese muore a Ibiza
Giovane mamma irlandese muore a Ibiza
Amy Connor, 23 anni, è stata trovata senza vita nel letto di un resort dove stava trascorrendo alcuni giorni di vacanza in compagnia della sorella e della cugina. Nelle scorse ore il commovente funerale
Amazon, via libera alle consegne con i droni
Amazon, via libera alle consegne con i droni
Il colosso di Seattle punta all’obiettivo dei 30 minuti di consegna al dal momento dell’ordine. L’ente dell’aviazione americano ha dato il benestare