Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia

| Una 15enne sequestrata da un balordo riesce ad avvisare le forze dell’ordine, ma dopo una telefonata surreale le pattuglie arrivano sul posto soltanto 19 ore dopo: troppo tardi

+ Miei preferiti
La Romania è scesa in piazza per protestare contro la vicenda che ha portato alla terribile morte di Alexandra Măceșanu, una 15enne rapita, violentata e uccisa da un meccanico. Il caso è esploso dopo la pubblicazione della registrazione delle chiamate al 112, il numero di emergenza, in cui la giovane, imprigionata dal 65enne Gheorghe Dinca, un balordo che viveva in una baracca isolata, aveva rinchiuso Alexandra dopo averle dato un passaggio. Quasi subito le sequestra il cellulare, la benda e la porta a Caracal, dove la giovane rinchiusa in una stanza subisce botte e violenza. Ma l’uomo non si accorge di aver lasciato il cellulare nella stanza in cui tiene prigioniera la ragazza, che ne approfitta per chiamare la polizia. Nell’audio, si sente distintamente Alexandra chiedere aiuto, ha la voce terrorizzata ed è in uno stato confusionale dovuto alla violenza, ma tenta ugualmente di dare indicazioni utili al centralino della polizia: “Mi chiamo Alexandra Măceșanu, ho 15 anni, sono stati rapita e violentata, per favore, venite a liberarmi”. L’operatore chiede dove si trova e la ragazza dice di non saperlo, ma la reazione è stizzita: “Non sai dove sei? E come pensi che riusciamo a trovarti?”. La ragazza si sforza: “Siamo a Caracal, ma non so esattamente dove, per favore non riattacchi, ho paura che torni”. Poi inizia a rovistare nella stanza e trova finalmente un bigliettino che è comunque un indizio: “Antonius Caracalla numero 9”. Manca l’indirizzo, fa notare l’agente, che comunque le dice “mandiamo una pattuglia”. Alla fine, la frase che per Alexandra equivale alla condanna “Per favore, adesso riagganci e tenga la linea libera”.

La pattuglia riesce a individuare il luogo dove Alexandra è tenuta prigioniera 19 ore dopo la chiamata, rallentati anche dalla richiesta di un mandato di perquisizione del tutto inutile. Ma per la ragazza è troppo tardi: gli agenti trovano soltanto i resti carbonizzati di un corpo, frammenti di ossa e alcuni denti.

Gheorghe Dinca viene arrestato e confessa sia l’omicidio di Alexandra che quello di Luiza Melencu, una 18enne scomparsa lo scorso aprile nella stessa zona di cui non si sa più nulla.

A complicare una vicenda che sta mettendo in forte imbarazzo la polizia e il governo stesso, arriva anche la testimonianza di una vicina di casa dell’uomo, che ha raccontato di aver chiamato il 112 per denunciare movimenti strani e urla provenire dall’abitazione del meccanico, personaggio considerato instabile e pericoloso.

A Bucarest, la gente è scesa in piazza per protestare davanti al Ministero degli Interni, dove è comparso un manifesto che recita “Police Kill”. La prima testa a volare è stata quella di Ioan Buda, il capo della polizia, licenziato in tronco insieme a due funzionari di polizia della contea di Caracal.

Galleria fotografica
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia - immagine 1
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia - immagine 2
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia - immagine 3
Esteri
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
Quasi vent’anni prima della sua fuga, la principessa Shamsa aveva tentato la stessa cosa: fu rapita a Cambridge e riportata a Dubai. Ha vissuto anni in galera ed è ormai ridotta ad “uno zombie”
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
Il premier Boris Johnson ha anticipato il piano messo a punto per la graduale riapertura di attività e socialità nel Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Sono in molti, a chiedersi se dopo la regina più amata di sempre non sarebbe più giusto ripensarsi come repubblica. Per gli esperti il dubbio quel giorno sarà inevitabile, a meno di non dare una nuova immagine più “light”
Francia, lo scandalo degli incesti
Francia, lo scandalo degli incesti
Un libro shock svela le violenze subite all’interno di una famiglia di intellettuali, ben nota negli ambienti della Riva Gauche. La pubblicazione ha scatenato l’hashtag #MeTooIncest, che ha portato alla luce migliaia di casi
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
Il governo del Regno Unito avverte: non correte a prenotare vacanze all’estero, è assai difficile che potrete farle. Nuova stretta sui documenti necessari per l’ingresso nel Paese, specie per i paesi nella “lista rossa”
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Un’inchiesta giornalistica, con tanto di documenti scritti, svela che negli anni 70 gli avvocati della regina avrebbero fatto pressioni per escludere i sovrani dalla norma sulla trasparenza finanziaria
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
In una lunga dichiarazione dopo la lettura della sentenza, il dissidente russo chiede ai suoi concittadini di non arrendersi: “Il piccolo ladro chiuso nel suo bunker non può rinchiudere milioni di persone”
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale