Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia

| Una 15enne sequestrata da un balordo riesce ad avvisare le forze dell’ordine, ma dopo una telefonata surreale le pattuglie arrivano sul posto soltanto 19 ore dopo: troppo tardi

+ Miei preferiti
La Romania è scesa in piazza per protestare contro la vicenda che ha portato alla terribile morte di Alexandra Măceșanu, una 15enne rapita, violentata e uccisa da un meccanico. Il caso è esploso dopo la pubblicazione della registrazione delle chiamate al 112, il numero di emergenza, in cui la giovane, imprigionata dal 65enne Gheorghe Dinca, un balordo che viveva in una baracca isolata, aveva rinchiuso Alexandra dopo averle dato un passaggio. Quasi subito le sequestra il cellulare, la benda e la porta a Caracal, dove la giovane rinchiusa in una stanza subisce botte e violenza. Ma l’uomo non si accorge di aver lasciato il cellulare nella stanza in cui tiene prigioniera la ragazza, che ne approfitta per chiamare la polizia. Nell’audio, si sente distintamente Alexandra chiedere aiuto, ha la voce terrorizzata ed è in uno stato confusionale dovuto alla violenza, ma tenta ugualmente di dare indicazioni utili al centralino della polizia: “Mi chiamo Alexandra Măceșanu, ho 15 anni, sono stati rapita e violentata, per favore, venite a liberarmi”. L’operatore chiede dove si trova e la ragazza dice di non saperlo, ma la reazione è stizzita: “Non sai dove sei? E come pensi che riusciamo a trovarti?”. La ragazza si sforza: “Siamo a Caracal, ma non so esattamente dove, per favore non riattacchi, ho paura che torni”. Poi inizia a rovistare nella stanza e trova finalmente un bigliettino che è comunque un indizio: “Antonius Caracalla numero 9”. Manca l’indirizzo, fa notare l’agente, che comunque le dice “mandiamo una pattuglia”. Alla fine, la frase che per Alexandra equivale alla condanna “Per favore, adesso riagganci e tenga la linea libera”.

La pattuglia riesce a individuare il luogo dove Alexandra è tenuta prigioniera 19 ore dopo la chiamata, rallentati anche dalla richiesta di un mandato di perquisizione del tutto inutile. Ma per la ragazza è troppo tardi: gli agenti trovano soltanto i resti carbonizzati di un corpo, frammenti di ossa e alcuni denti.

Gheorghe Dinca viene arrestato e confessa sia l’omicidio di Alexandra che quello di Luiza Melencu, una 18enne scomparsa lo scorso aprile nella stessa zona di cui non si sa più nulla.

A complicare una vicenda che sta mettendo in forte imbarazzo la polizia e il governo stesso, arriva anche la testimonianza di una vicina di casa dell’uomo, che ha raccontato di aver chiamato il 112 per denunciare movimenti strani e urla provenire dall’abitazione del meccanico, personaggio considerato instabile e pericoloso.

A Bucarest, la gente è scesa in piazza per protestare davanti al Ministero degli Interni, dove è comparso un manifesto che recita “Police Kill”. La prima testa a volare è stata quella di Ioan Buda, il capo della polizia, licenziato in tronco insieme a due funzionari di polizia della contea di Caracal.

Galleria fotografica
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia - immagine 1
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia - immagine 2
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia - immagine 3
Esteri
H&M, i termini del divorzio dalla “Ditta”
H&M, i termini del divorzio dalla “Ditta”
Oltre a restituire i 2,4 milioni di sterline spesi per il loro nido d’amore, i due non potranno più utilizzare il titolo di Sua Altezza Reale e non riceveranno più fondi. Il tono conciliante di Elisabetta
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
La polemica sui costi della sicurezza di Harry e Meghan ha coinvolto anche il duca di York: secondo alcune fonti vicine a Scotland Yard, “spendere tanti soldi per qualcuno che non ha più ruoli pubblici è immorale”
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
Nel paese nordamericano infiamma il dibattito: Harry e Meghan non pensino di arrivare qui e sentirsi reali perché non lo sono. E non da ultimo, chi pagherà l’apparato di cui si circondano, valutato in 10 milioni di dollari ogni anno?
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Dopo il clamore della rocambolesca fuga di Carlo Ghosn, il colosso giapponese di strumenti e attrezzature musicali avvisa: non provateci, è molto pericoloso
Il villaggio dove apparivano i soldi
Il villaggio dove apparivano i soldi
Per anni, decine di abitanti di un piccolo centro inglese hanno ritrovato per strada mazzette da 2.000 sterline, riconsegnandole tutte alla polizia. Ma ora, il mistero è stato svelato…
Lady Kitty, il nuovo imbarazzo reale
Lady Kitty, il nuovo imbarazzo reale
La sexy nipote di Lady Diana, 28 anni, pronta a sposare il fidanzato 61enne. Una relazione poco gradita alla famiglia, che si aggiunge agli altri guai
Bielorussia, condannati a morte due fratelli
Bielorussia, condannati a morte due fratelli
Stanislaw e Illya Kostsew, 19 e 21 anni, saranno fucilati, ma secondo la legge non si sa dove e quando. Hanno ucciso selvaggiamente una delle loro insegnanti
La rabbia del principe Filippo
La rabbia del principe Filippo
Ormai ex baricentro della Royal Family, costretto a letto dall’età, il Duca di Eimborgo si è infuriato per la decisione di Harry e Meghan, ma è preoccupato per l’impatto che questa vicenda può avere su sua moglie, la Regina
Il Regno Unito chiede l’estradizione della moglie di un diplomatico americano
Il Regno Unito chiede l’estradizione della moglie di un diplomatico americano
Lo scorso agosto, la donna ha travolto e ucciso un ragazzo di 19 anni con la propria auto, ma è tornata negli Stati Uniti avvalendosi dell’immunità diplomatica
Inside Harry e Meghan
Inside Harry e Meghan
I retroscena, le indiscrezioni e gli episodi da cui pare sia nata la clamorosa decisione dei duchi del Sussex