Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia

| Una 15enne sequestrata da un balordo riesce ad avvisare le forze dell’ordine, ma dopo una telefonata surreale le pattuglie arrivano sul posto soltanto 19 ore dopo: troppo tardi

+ Miei preferiti
La Romania è scesa in piazza per protestare contro la vicenda che ha portato alla terribile morte di Alexandra Măceșanu, una 15enne rapita, violentata e uccisa da un meccanico. Il caso è esploso dopo la pubblicazione della registrazione delle chiamate al 112, il numero di emergenza, in cui la giovane, imprigionata dal 65enne Gheorghe Dinca, un balordo che viveva in una baracca isolata, aveva rinchiuso Alexandra dopo averle dato un passaggio. Quasi subito le sequestra il cellulare, la benda e la porta a Caracal, dove la giovane rinchiusa in una stanza subisce botte e violenza. Ma l’uomo non si accorge di aver lasciato il cellulare nella stanza in cui tiene prigioniera la ragazza, che ne approfitta per chiamare la polizia. Nell’audio, si sente distintamente Alexandra chiedere aiuto, ha la voce terrorizzata ed è in uno stato confusionale dovuto alla violenza, ma tenta ugualmente di dare indicazioni utili al centralino della polizia: “Mi chiamo Alexandra Măceșanu, ho 15 anni, sono stati rapita e violentata, per favore, venite a liberarmi”. L’operatore chiede dove si trova e la ragazza dice di non saperlo, ma la reazione è stizzita: “Non sai dove sei? E come pensi che riusciamo a trovarti?”. La ragazza si sforza: “Siamo a Caracal, ma non so esattamente dove, per favore non riattacchi, ho paura che torni”. Poi inizia a rovistare nella stanza e trova finalmente un bigliettino che è comunque un indizio: “Antonius Caracalla numero 9”. Manca l’indirizzo, fa notare l’agente, che comunque le dice “mandiamo una pattuglia”. Alla fine, la frase che per Alexandra equivale alla condanna “Per favore, adesso riagganci e tenga la linea libera”.

La pattuglia riesce a individuare il luogo dove Alexandra è tenuta prigioniera 19 ore dopo la chiamata, rallentati anche dalla richiesta di un mandato di perquisizione del tutto inutile. Ma per la ragazza è troppo tardi: gli agenti trovano soltanto i resti carbonizzati di un corpo, frammenti di ossa e alcuni denti.

Gheorghe Dinca viene arrestato e confessa sia l’omicidio di Alexandra che quello di Luiza Melencu, una 18enne scomparsa lo scorso aprile nella stessa zona di cui non si sa più nulla.

A complicare una vicenda che sta mettendo in forte imbarazzo la polizia e il governo stesso, arriva anche la testimonianza di una vicina di casa dell’uomo, che ha raccontato di aver chiamato il 112 per denunciare movimenti strani e urla provenire dall’abitazione del meccanico, personaggio considerato instabile e pericoloso.

A Bucarest, la gente è scesa in piazza per protestare davanti al Ministero degli Interni, dove è comparso un manifesto che recita “Police Kill”. La prima testa a volare è stata quella di Ioan Buda, il capo della polizia, licenziato in tronco insieme a due funzionari di polizia della contea di Caracal.

Galleria fotografica
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia - immagine 1
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia - immagine 2
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia - immagine 3
Esteri
Olanda, i container per le torture
Olanda, i container per le torture
In coordinamento con la polizia europea, le forze dell’ordine olandesi hanno sgominato una banda che aveva attrezzato sei container per torturare
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Finito al centro di un’indagine internazionale per possesso di materiale pedopornografico pedofilia, all’ex ambasciatore ungherese in Perù vicino al presidente Orban è stato garantito un trattamento giudiziario di favore
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
L’immagine di Nadezhda Zhukova in costume fra i malati di Covid-19 aveva fatto il giro del mondo. Un’inchiesta l’ha scagionata e ore sogna di diventare medico, ma nel frattempo ha iniziato anche a posare per un marchio sportivo
GB: notte di sangue a Reading
GB: notte di sangue a Reading
Un uomo armato di coltello si è gettato sulla folla che sciamava dopo una manifestazione antirazzismo: prima di essere bloccato è riuscito a uccidere tre persone e ferirne altrettanto. Per la polizia non si tratta di terrorismo