Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini

| Un uomo di un villaggio della Russia occidentale infastidito dal chiasso dei vicini, ha iniziato un litigio che è sfociato in tragedia

+ Miei preferiti
È un caso che sta facendo discutere la Russia, quello di un uomo arrestato per aver ucciso cinque persone dopo aver chiesto loro di non fare tanto rumore durante il blocco imposto dalla pandemia di coronavirus. Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa TASS, che ha raccolto le poche informazioni filtrate dal Comitato Investigativo Russo, la strage sarebbe stata causata da una discussione fra vicini sfociata in acceso litigio. L’incidente è avvenuto nel villaggio di Yelatma, nella regione di Ryazan, nella Russia occidentale. Una zona che, come la maggior parte delle regioni del Paese, ha imposto il completo isolamento ai residenti per prevenire la pandemia.

“Gli agenti di polizia sono arrivati sulla scena dopo una telefonata che avvisava di una sparatoria: un residente dell’edificio, classe 1988, è stato arrestato a poca distanza da dove sono stati rinvenuti i corpi di cinque persone: quattro uomini e una donna”.

Dal balcone del suo appartamento, l’uomo avrebbe prima “chiesto a un gruppo di quattro giovani uomini e a una ragazza di fare meno chiasso”. Dopo uno scambio verbale diventato sempre più accesso, l’uomo sarebbe rientrato nel suo appartamento per prendere una pistola che detiene con regolare licenza e di aver aperto il fuoco: tutte e cinque le vittime sono morte all’istante.

Un portavoce del tribunale distrettuale di Kasimov ha confermato che l’uomo ha confessato l’incidente nel corso dell’interrogatorio, dicendo di aver agito per legittima difesa.

Esteri
GB, polemiche per la pedofila graziata
GB, polemiche per la pedofila graziata
Monica McCanch, condannata nel 2007 per abusi su minori e uscita di galera, ha ottenuto la revoca del divieto di avere contatti con minori di 16 anni. Secondo il tribunale non sarebbe più un soggetto a rischio
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Cosimo Chionna, su cui pensava un mandato di cattura internazionale, è accusato di oltre 160 stupri in 14 anni
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Polemiche e proteste per la decisione di alcuni istituti superiori di adottare t-shirt consegnate all’ingresso delle scuole alle studentesse con abiti provocanti o succinti