Ryanair non rivelerà ai passeggeri se viaggiano su un Boeing 737 Max

| Lo afferma l’inglese “Daily Mail”, e la notizia è stata seccamente smentita dalla compagnia irlandese, anche se ammette che non sempre è necessario indicare il modello, basta garantire la sicurezza

+ Miei preferiti
È l’inglese “Daily Mail” a rivelare che “Ryanair”, la compagnia aerea low cost irlandese, avrebbe scelto di non rivelare ai propri passeggeri se stanno viaggiando su un Boeing 737 Max, l’aereo finito al centro delle polemiche per due schianti mortali costati la vita a 346 persone.

Secondo la compagnia aerea, che utilizza soltanto Boeing 737 e ha in corso un ordine di 183 velivoli e un’opzione per altri 100, per un totale che porterebbe la flotta a 520 aerei, presto il 737 “sarà l’aereo più sicuro al mondo”.

Una notizia che si è trasformata in una furiosa polemica contro la Ryanair, accusata da diverse parti di non informare i propri passeggeri, non tutti in grado di riconoscere un 737 Max.

La compagnia ha negato con forza la notizia, sostenendo che le caratteristiche identificative degli aerei saranno ben chiare e visibili a tutti, senza nascondere nulla. “I passeggeri apprezzeranno l’aereo, è grande e comodo, anche se non crediamo sia necessario dover specificare per forza il modello”. Sulla questione è intervenuta anche la Boeing, che attraverso un portavoce ha assicurato: “Per tutta la durata della messa a terra del 737 MAX abbiamo continuato a costruire nuovi aerei riempiendo i depositi con 400 nuovi velivoli. Valuteremo i nostri piani di produzione nel caso in cui la messa a terra del MAX dovesse durare più del previsto, e a seguito di questa valutazione, daremo priorità alla consegna degli aerei stoccati e di sospendere temporaneamente la produzione del programma 737 a partire da gennaio. Nel frattempo continueremo a lavorare con gli enti di regolamentazione di tutto il mondo per riportare in servizio la flotta 737 MAX: fino al 9 dicembre scorso abbiamo sottoposto il modello a 1.012 voli, per un totale di 1.864 ore, con il software aggiornato. Grazie al lavoro che stiamo svolgendo in collaborazione con le autorità di regolamentazione, il 737 MAX sarà presto uno degli aerei più sicuri del mondo”.

Articoli correlati
Esteri
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Un uomo di un villaggio della Russia occidentale infastidito dal chiasso dei vicini, ha iniziato un litigio che è sfociato in tragedia
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
Accusato da un uomo che afferma di essere stato violentato insieme ad un compagno di coro, morto suicida, l’alto prelato scagionato al terzo grado di giustizia. La sentenza non è appellabile
H&M non sono più reali
H&M non sono più reali
L’ultimo giorno in cui i Sussex possono fregiarsi dei titoli nobiliari. A dar loro il benvenuto fra i comuni mortali il presidente Trump, che commentando il loro arrivo in America ha commentato “Non pagheremo per la loro protezione
H&M, il problema della sicurezza passa agli americani
H&M, il problema della sicurezza passa agli americani
Poco prima dello stop ai voli internazionali, hanno raggiunto Los Angeles, dove i Sussex vorrebbero mettere radici. Ma perdendo lo status di reali, perderanno anche il diritto alla protezione stabilita per legge
GB: il mistero della missione navale russa
GB: il mistero della missione navale russa
La Royal Navy ha rivelato che per otto giorni le proprie navi hanno seguito e pattugliato l’attività di alcune misteriose fregate russe
È morto il principe Filippo?
È morto il principe Filippo?
Al momento sembra una fake news che si rincorre da settimane, ma la regina ha annunciato una comunicazione straordinaria al Paese che insospettisce i tabloid: l'ultima era stata per annunciare la morte della madre
Harry vittima di un feroce scherzo telefonico
Harry vittima di un feroce scherzo telefonico
Due abilissimi youtuber russi si sono finti Greta Thunberg e suo padre, incalzando il principe a parlare della separazione dalla famiglia reale e dei suoi problemi
La Cina rialza la testa
La Cina rialza la testa
Malgrado tanti restano in isolamento, la città di Wuhan sembra uscita dal peggio e i funzionari cinesi attaccano gli Stati Uniti, pretendendo la riconoscenza perché il sacrificio di milioni di persone ha reso meno peggiore il contagio
Coronavirus, il Regno Unito nel panico
Coronavirus, il Regno Unito nel panico
L’inizio dell’epidemia fa crescere la psicosi: gli scaffali dei supermercati vuoti e la chiusura di molte aziende aumentano il timore fra la popolazione
Londra pronta al lockdown
Londra pronta al lockdown
Illustrato il piano di emergenza contro il coronavirus messo a punto dal governo inglese: nell’ipotesi peggiore, pronti a chiudere intere città