Schumacher, il giallo delle foto rubate

| Un tabloid inglese denuncia di aver ricevuto l’offerta di un “pacchetto di immagini” che ritraggono Schumy nel letto della sua residenza di Ginevra. La moglie Corinna ha allertato avvocati e forze dell’ordine per bloccare la diffusione

+ Miei preferiti
Un team di avvocati della famiglia Schumacher e una squadra specializzata della polizia sono al lavoro per bloccare la pubblicazione di “un pacchetto di foto” che ritraggono Michael nel letto della sua residenza di Ginevra, dove è costretto dal terribile incidente del 29 dicembre 2013 sulle nevi di Meribel.

È stato il tabloid inglese “Mirror” a rivelare l’esistenza delle immagini, scattate non si sa da chi ma soprattutto senza alcuna autorizzazione da parte della famiglia, che da sette anni ha eretto intorno all’ex campione di F1 un muro di riserbo e privacy invalicabile. Il pacchetto di foto, definite “macabre”, sarebbe stato offerto al tabloid per un milione di sterline, pari a 1,3 milioni di dollari.

È l’ennesimo colpo di scena sulle misteriose condizioni di salute del campione tedesco, su cui di recente si era pronunciato un neurochirurgo, definendole “molto peggiorate negli ultimi tempi nella struttura organica, muscolare e scheletrica, tutte molto alterate e deteriorate”. Una dichiarazione che è sembrata stridere con quanto affermato la moglie Corinna poche settimane prima, nell’anniversario dell’incidente sulle nevi svizzere: “Le grandi cose iniziano con piccoli passi”.

Non è la prima volta che la vicenda di Michael Schumacher deve vedersela con qualcuno convinto di poter fare soldi sulla pelle dell’ex campione: nel 2014 un funzionario del trasporto medico svizzero aveva trafugato le cartelle cliniche di Schumy, salvo poi suicidarsi in una cella.

Esteri
La Francia scopre “la truffa Le Drian”
La Francia scopre “la truffa Le Drian”
Fra il 2015 e l’anno successivo, una banda di abili truffatori ha sottratto 80 milioni di euro a imprenditori fingendo di essere il ministro degli esteri francese: il denaro sarebbe servito per liberare ostaggi nelle mani dei terroristi
Lo scandalo Griveaux sulle comunali di Parigi
Lo scandalo Griveaux sulle comunali di Parigi
Il candidato di “En Marche”, fedelissimo di Macron, travolto dalla pubblicazioni di messaggi e video intimi con un’amante. Inevitabili le sue dimissioni
Abusava di donne malate di cancro
Abusava di donne malate di cancro
Manish Shah, medico londinese, condannato a 3 ergastoli: avrebbe abusato e maltrattato 23 donne affette da tumore
Harry rompe il silenzio
Harry rompe il silenzio
Il duca di Sussex racconta la propria versione del divorzio dell’anno nel corso di un evento benefico: “Il Regno Unito è casa mia, e questo non cambierà mai”
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
La polemica sui costi della sicurezza di Harry e Meghan ha coinvolto anche il duca di York: secondo alcune fonti vicine a Scotland Yard, “spendere tanti soldi per qualcuno che non ha più ruoli pubblici è immorale”
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
Nel paese nordamericano infiamma il dibattito: Harry e Meghan non pensino di arrivare qui e sentirsi reali perché non lo sono. E non da ultimo, chi pagherà l’apparato di cui si circondano, valutato in 10 milioni di dollari ogni anno?
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Dopo il clamore della rocambolesca fuga di Carlo Ghosn, il colosso giapponese di strumenti e attrezzature musicali avvisa: non provateci, è molto pericoloso
Il villaggio dove apparivano i soldi
Il villaggio dove apparivano i soldi
Per anni, decine di abitanti di un piccolo centro inglese hanno ritrovato per strada mazzette da 2.000 sterline, riconsegnandole tutte alla polizia. Ma ora, il mistero è stato svelato…
Lady Kitty, il nuovo imbarazzo reale
Lady Kitty, il nuovo imbarazzo reale
La sexy nipote di Lady Diana, 28 anni, pronta a sposare il fidanzato 61enne. Una relazione poco gradita alla famiglia, che si aggiunge agli altri guai
Bielorussia, condannati a morte due fratelli
Bielorussia, condannati a morte due fratelli
Stanislaw e Illya Kostsew, 19 e 21 anni, saranno fucilati, ma secondo la legge non si sa dove e quando. Hanno ucciso selvaggiamente una delle loro insegnanti