Schumacher, la speranza delle staminali

| Un quotidiano francese rivela che l’ex campione di F1 si starebbe sottoponendo ad un’innovativa cura attraverso l’infusione di cellule staminali. Intorno al celebre paziente il massimo riserbo

+ Miei preferiti
È il quotidiano francese “Le Parisien” a infrangere la cortina di silenzio e riservatezza che circonda Michael Schumacher dal 29 dicembre 2013, quando fu vittima di un banale incidente sugli sci dalle conseguenze disastrose sulle nevi di Méribel.

Il sette volte campione del mondo di F1 si sta sottoponendo ad un innovativo trattamento di trasfusioni di cellule staminali che dovrebbero ottenere “un’azione anti-infiammatoria sistemica”. Secondo l’indiscrezione, è il terzo viaggio di Schumi verso Parigi: i primi due al “Pitié-Salpetriere” per alcuni esami, l’ultimo all’ospedale “Georges-Pompidou”, nel XV arrondissement di Parigi, ma tutto si svolge nel massimo riserbo, come sempre. Schumacher viene trasportato su un’ambulanza privata con targa svizzera e una barella ipertecnologica circondata da guardie del corpo e uomini della sicurezza dell’ospedale non lascia intravedere nulla.

Ad attenderlo il professor Philippe Manasché, 69 anni, uno dei più noti pionieri della terapia cellulare ma anche nome di spicco dell’istituto del cervello e del midollo spinale. Il medico ha ideato un sistema di infusione per via endovenosa preparato in laboratorio con le cellule staminali. Al suo fianco Gerard Saillant, altro medico passato alle cronache per aver rimesso ordine fra i legamenti di Cristiano Ronaldo restituendolo ai campi di calcio.

La consegna del silenzio, per i due medici come per tutto l’ospedale, è totale: nessuno conferma e nessuno smentisce. L’unica indiscrezione è che la terapia sarebbe dovuta cominciare lo scorso luglio, ma un malanno del celebre paziente aveva costretto i medici e la famiglia Schumacher a rimandare. L’ex campione del mondo dovrebbe tornare in Svizzera nei prossimi giorni.

Galleria fotografica
Schumacher, la speranza delle staminali - immagine 1
Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente