Sei pompieri di Parigi stuprano una studentessa

| Da eroi di Notre-Dame ad accusati di violenza carnale da una giovane norvegese che ha raccontato di essere stata violentata in caserma da sei o sette uomini

+ Miei preferiti
Dalla notte del tragico rogo della cattedrale di Notre-Dame, si erano goduti un bagno di popolarità e di apprezzamenti dalla Francia intera, per l’impegno dimostrato nel tentativo di salvare un pezzo della storia di Francia. Ma adesso, sul corpo dei Vigili del Fuoco si Parigi si addensano nuvole scure. Sei pompieri in servizio nei reparti della capitale francese sarebbero finiti al centro di un’inchiesta per un caso di stupro denunciato da una studentessa norvegese. La giovane sarebbe stata violentata in una delle caserme dei “Sapeurs Pompiers” dopo aver ammesso di aver avuto rapporti consenzienti con uno di loro: gli altri si sarebbero uniti poco dopo, convinti di poterne approfittare.

L’episodio sarebbe avvenuto nella notte fra venerdì e sabato scorso, quando i sei pompieri stavano festeggiando il trasferimento di uno di loro. Nel locale, i sei avrebbe fatto amicizia con la giovane, invitandola prima a continuare la serata per bere qualcosa, quindi in caserma, dove si sarebbe consumato lo stupro. La giovane ha raccontato di essere stata abusata da almeno “sei o sette uomini” e di essere stata rinchiusa nei bagni della struttura fino al mattino successivo.

I sei si sono presentati davanti ad un giudice lunedì mattina, e dopo essere stati ascoltati sono usciti come “testimoni qualificati”, definizione che la legge francese assegna a qualcuno su cui al momento pendono forti sospetti di coinvolgimenti in reati. In attesa che si concludano ulteriori indagini volute dalla procura parigina, i sei pompieri sono stai sospesi dal servizio. “Si tratta di gesti che non possono essere tollerati: sono contrari ai valori del corpo dei Vigili del Fuoco. Se le accuse saranno confermate, mostreremo la massima fermezza possibile”, ha commentato il capo dei Sapeurs Pompiers di Parigi.

Esteri
Le ultime ore di Vincent Lambert
Le ultime ore di Vincent Lambert
Tetraplegico e in stato vegetativo da 10 anni, all’uomo sono state eliminate l’alimentazione l’idratazione. Sulla sua sorte è in corso da anni una battaglia legale, culminata con una sentenza del Consiglio di Stato
La storia di un cinico egoista
La storia di un cinico egoista
Dimitry Khlebushkin era fra i passeggeri dell’aereo che ha preso fuoco a Mosca, costato la vita a 41 persone: prima di scendere ha preteso di prendere il proprio zaino, condannando altri alla morte
41 morti nel rogo dell’aereo di Mosca
41 morti nel rogo dell’aereo di Mosca
Il bilancio definitivo dell’atterraggio di emergenza è pesante: più della metà dei passeggeri non ce l’hanno fatta e cinque feriti gravi lottano in ospedale. Putin ordina un’inchiesta per stabilire le cause
Londra: altri due adolescenti accoltellati
Londra: altri due adolescenti accoltellati
Uno è morto mentre veniva portato in ospedale, un altro si salverà. Dall’inizio dell’anno Scotland Yard ha aperto oltre 40 fascicoli per omicidi per guerre fra baby gang
Assange condannato a un anno di carcere
Assange condannato a un anno di carcere
Prima condanna per il fondatore di WikiLeaks per la violazione della libertà provvisoria del 2012. L’attesa è per la pronuncia della corte di Westminster sulla domanda di estradizione presentata dagli Stati Uniti
Kim Jong-Un in Russia
Kim Jong-Un in Russia
Il leader nordcoreano è arrivato a Vladivostok con un giorno di anticipo rispetto al primo storico incontro con Putin. Le preoccupazioni degli analisti internazionali
Gilet Jaunes, un altro sabato d’inferno
Gilet Jaunes, un altro sabato d’inferno
Dagli Champs-Élysée, blindati dalle forze dell’ordine, i casseur hanno spostato la protesta in altre zone del centro. Urla e insulti contro i milioni destinati a Notre-Dame
Scarcerato per sbaglio
Scarcerato per sbaglio
Un uomo inglese si è visto spalancare le porte della prigione per un errore delle autorità carcerari. Ora lo cercano in tutto il Regno Unito
Charlie Hebdo, ironia sulla tragedia
Charlie Hebdo, ironia sulla tragedia
Neanche di fronte al rogo di Notre-Dame, il settimanale rinuncia all’ironia più feroce. In Francia montano le polemiche, e qualcuna si accende anche in Italia grazie a Salvini
Muore in scena fra le risate del pubblico
Muore in scena fra le risate del pubblico
Ian Cognito, comico inglese 60enne, aveva appena finito di pronunciare una battuta sulla morte quando si è accasciato su una sedia, ma il pubblico ha creduto fosse uno sketch