Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa

| Era una studentessa inglese di origini bengalesi, ma a 15 anni parte per la Siria per unirsi all’Isis. Ora, incinta del terzo figlio, chiede di tornare in Inghilterra, ma senza ripudiare nulla del suo passato

+ Miei preferiti
Sharmeena Begum, classe 1999, studentessa inglese alla “Bethnal Green Academy”, nel dicembre 2014 diventa un caso che fa discutere il Regno Unito. Decide di partire per l’Iraq, con l’idea di unirsi allo Stato islamico: ha 15 anni, è la più giovane adolescente britannica segnalata nelle file dell’Isis. L’anno successivo, due sue compagne di scuola, Amira Base, Shamina Begum e Kadiza Sultana si uniscono a lei.

Ora, a 19 anni, si torna a parlare di lei: è riemersa in un campo profughi siriano e assicura di non rimpiangere la sua decisione di unirsi ai combattenti dell’Isis: “Non ho avuto nessun ribrezzo di fronte alla prima testa mozzata”.

Ma c’è un problema: i suoi primi due figli sono morti di fame e malattia, ma il terzo, che ha in ventre, avrebbe piacere di farlo nascere nel Regno Unito per assicurargli una vita decente insieme a lei. L’adolescente è stata scoperta da una giornalista del “Times” in un campo di rifugiati in fuga dalla battaglia dell’ultima roccaforte dell’ISIS. Ha raccontato di essere stata sposata con un combattente olandese e di aver avuto una vita “normale” fin quando lui si è arreso ai combattenti siriani e probabilmente ucciso. “So cosa pensano di me nel Regno Unito: ho letto tutto quello che è stato scritto su di me, ma voglio solo tornare a casa per avere mio figlio”.

Parlando di quel che l’ha fatta allontanare dal villaggio di Baghuz, Begum si è descritta come “debole” per aver lasciato l’ISIS e ha elogiato coloro che hanno avuto il coraggio di restare. “Alla fine, non sono più riuscita a resistere. Non riuscivo a sopportarlo. Ora tutto quello che voglio fare è tornare a casa, in Gran Bretagna, anche se non più la stessa studentessa quindicenne che quattro anni fa è scappata, e non mi pento di essere venuta qui”.

Begum - che ha usato il passaporto della sorella maggiore per lasciare il Regno Unito - è fuggita con due amiche della Bethnal Green Academy, Kadiza Sultana e Amira Abase, nel febbraio 2015. Le tre ragazze sono volate in Turchia, trovando poi aiuti per attraversare clandestinamente il confine con la Siria. Non sa più nulla delle sue amiche, ma è convinta che Kadiza Sultana sia stata uccisa nel 2016, nel corso di un attacco aereo di Raqqqa.

Immediata la reazione di Ben Wallace, il ministro della sicurezza, che ha messo in guardia dai pericoli del ritorno in patria dei combattenti e dei seguaci dell’ISIS: “Sono induriti dalla guerra, alcuni stanno tornando ma senza aver cambiato idea sul nostro stile di vita e i nostri valori”. Il ministro ricorda poi che è al vaglio del governo un pacchetto di leggi che prevedano per i jihadisti che tornano in Gran Bretagna fino a un decennio di carcere.

Renu, la sorella maggiore di Begum, ha raccontato: “Sono così sollevata che mia sorella è stata trovata sana e salva. Sappiamo che sta cercando di uscire”.

 

Galleria fotografica
Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa - immagine 1
Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa - immagine 2
Esteri
Il Duca di Kent coinvolto in un incidente
Il Duca di Kent coinvolto in un incidente
Dopo il principe Filippo, il cugino della regina Edward, 82 anni, sembra sia la causa di un incidente che ha coinvolto una studentessa
Olanda, nei bancomat le foto dei bimbi scomparsi
Olanda, nei bancomat le foto dei bimbi scomparsi
Per adesso si limitano agli sportelli bancari di zone di grande traffico, ma la speranza è di arrivare a coprire tutti quelli presenti nei Paesi Bassi
Spagna, incidente in una giostra: 28 feriti
Spagna, incidente in una giostra: 28 feriti
Si stacca una fila di sedili da un “tagadà” e gli occupanti volano fuori: aperta un’inchiesta per verificare eventuali responsabilità
Mangia spaghetti, e diventi gay
Mangia spaghetti, e diventi gay
Lo ha affermato il sindaco di una città indonesiana nel corso di un convegno sulla gravidanza. Una teoria sommersa dalle risate dei social
Bomba in un golf club di Belfast
Bomba in un golf club di Belfast
È stata individuata per tempo e disinnescata: doveva colpire un agente di polizia in servizio durante un torneo di golf
Vorrei la pelle bianca
Vorrei la pelle bianca
Per cercare di evitare gli episodi di bullismo di cui sono vittime, tanti piccoli inglesi chiedono alle famiglie dei trattamenti per rendere la pelle più cara. L’allarme lanciato da un’associazione: il razzismo è sempre più diffuso
I figli del silenzio
I figli del silenzio
Migliaia di bambini nati da rapporti fra sacerdoti, suore e donne laiche, educati nel silenzio, mai riconosciuti, costretti a vivere a metà. Ora qualcosa si muove: il 13 giugno in 50 incontreranno i vescovi francesi per parlarne
Vincent per ora è salvo
Vincent per ora è salvo
La Corte d’Appello di Parigi ha ordinato di proseguire nei trattamenti che tengono in vita l’uomo, accogliendo il ricordo d’urgenza presentato dai genitori
Sei pompieri di Parigi stuprano una studentessa
Sei pompieri di Parigi stuprano una studentessa
Da eroi di Notre-Dame ad accusati di violenza carnale da una giovane norvegese che ha raccontato di essere stata violentata in caserma da sei o sette uomini
La storia di un cinico egoista
La storia di un cinico egoista
Dimitry Khlebushkin era fra i passeggeri dell’aereo che ha preso fuoco a Mosca, costato la vita a 41 persone: prima di scendere ha preteso di prendere il proprio zaino, condannando altri alla morte