Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa

| Era una studentessa inglese di origini bengalesi, ma a 15 anni parte per la Siria per unirsi all’Isis. Ora, incinta del terzo figlio, chiede di tornare in Inghilterra, ma senza ripudiare nulla del suo passato

+ Miei preferiti
Sharmeena Begum, classe 1999, studentessa inglese alla “Bethnal Green Academy”, nel dicembre 2014 diventa un caso che fa discutere il Regno Unito. Decide di partire per l’Iraq, con l’idea di unirsi allo Stato islamico: ha 15 anni, è la più giovane adolescente britannica segnalata nelle file dell’Isis. L’anno successivo, due sue compagne di scuola, Amira Base, Shamina Begum e Kadiza Sultana si uniscono a lei.

Ora, a 19 anni, si torna a parlare di lei: è riemersa in un campo profughi siriano e assicura di non rimpiangere la sua decisione di unirsi ai combattenti dell’Isis: “Non ho avuto nessun ribrezzo di fronte alla prima testa mozzata”.

Ma c’è un problema: i suoi primi due figli sono morti di fame e malattia, ma il terzo, che ha in ventre, avrebbe piacere di farlo nascere nel Regno Unito per assicurargli una vita decente insieme a lei. L’adolescente è stata scoperta da una giornalista del “Times” in un campo di rifugiati in fuga dalla battaglia dell’ultima roccaforte dell’ISIS. Ha raccontato di essere stata sposata con un combattente olandese e di aver avuto una vita “normale” fin quando lui si è arreso ai combattenti siriani e probabilmente ucciso. “So cosa pensano di me nel Regno Unito: ho letto tutto quello che è stato scritto su di me, ma voglio solo tornare a casa per avere mio figlio”.

Parlando di quel che l’ha fatta allontanare dal villaggio di Baghuz, Begum si è descritta come “debole” per aver lasciato l’ISIS e ha elogiato coloro che hanno avuto il coraggio di restare. “Alla fine, non sono più riuscita a resistere. Non riuscivo a sopportarlo. Ora tutto quello che voglio fare è tornare a casa, in Gran Bretagna, anche se non più la stessa studentessa quindicenne che quattro anni fa è scappata, e non mi pento di essere venuta qui”.

Begum - che ha usato il passaporto della sorella maggiore per lasciare il Regno Unito - è fuggita con due amiche della Bethnal Green Academy, Kadiza Sultana e Amira Abase, nel febbraio 2015. Le tre ragazze sono volate in Turchia, trovando poi aiuti per attraversare clandestinamente il confine con la Siria. Non sa più nulla delle sue amiche, ma è convinta che Kadiza Sultana sia stata uccisa nel 2016, nel corso di un attacco aereo di Raqqqa.

Immediata la reazione di Ben Wallace, il ministro della sicurezza, che ha messo in guardia dai pericoli del ritorno in patria dei combattenti e dei seguaci dell’ISIS: “Sono induriti dalla guerra, alcuni stanno tornando ma senza aver cambiato idea sul nostro stile di vita e i nostri valori”. Il ministro ricorda poi che è al vaglio del governo un pacchetto di leggi che prevedano per i jihadisti che tornano in Gran Bretagna fino a un decennio di carcere.

Renu, la sorella maggiore di Begum, ha raccontato: “Sono così sollevata che mia sorella è stata trovata sana e salva. Sappiamo che sta cercando di uscire”.

 

Galleria fotografica
Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa - immagine 1
Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa - immagine 2
Esteri
Le notti sfrenate di Andrew
Le notti sfrenate di Andrew
Uno scoop giornalistico rivela alcune immagini del Duca di York ospite di un party in Costa Azzurra nel 2008, sempre in compagnia di giovani donne. Secondo un testimone, sono stati gli anni più folli del principe
Il Black Friday di Trump
Il Black Friday di Trump
Un venerdì nero fatto di tweet che fanno infuriare il Congresso, di dichiarazioni pubbliche dei testimoni e di incriminazioni e condanne di suoi stretti collaboratori. L’aria intorno alla Casa Bianca si fa pesante
Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi
Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi
Aggredita su un’ambulanza da un uomo ferito in una rissa, ha scelto di denunciare pubblicamente l’accaduto per ricordare le quasi 15mila aggressioni subite in cinque anni. Quasi tutte impunite
UK, a processo la donna che dava droga al figlio
UK, a processo la donna che dava droga al figlio
Lo scorso gennaio, il 15enne Tyler Peck e un suo amico ricevono droghe e antidolorifici dalla madre del primo: Tyler muore, e nel suo corpo l’autopsia rileva una grande quantità di oppioidi
Hong Kong, il punto del non ritorno
Hong Kong, il punto del non ritorno
Le violenze hanno ormai raggiunto un’intensità preoccupante: un manifestante colpito da un proiettile della polizia lotta fra la vita e morte, e un cittadino pro-Pechino è stato dato alle fiamme
UK, una campagna elettorale al veleno
UK, una campagna elettorale al veleno
Ad una sola settimana dall’inizio della campagna per le elezioni del 12 dicembre prossimo, conservatori e laburisti hanno iniziato una guerra di nervi piene di colpi bassi
Si dà fuoco per protesta contro i governi francesi
Si dà fuoco per protesta contro i governi francesi
Un giovane di 22 anni è in fin di vita a Lione: si è dato fuoco incolpando gli ex presidenti di averlo ridotto sul lastrico
UK: vietato toccare lo smartphone mentre si guida
UK: vietato toccare lo smartphone mentre si guida
Dal prossimo anno entreranno in funzione sofisticate telecamere che riprenderanno i trasgressori, a cui sarà recapitata una multa e tolti 6 punti dalla patente. Ma almeno inizialmente, servirà la flagranza dell’infrazione
Ritrovato il violino di Stephen Morris
Ritrovato il violino di Stephen Morris
L’autore del furto ha accettato di restituire il prezioso strumento, dimenticato dal musicista su un treno
Trovato il corpo di Amelia Bambridge
Trovato il corpo di Amelia Bambridge
Il corpo della giovane inglese scomparsa in Cambogia è stato rinvenuto in mare: si sospetta che sia morta per annegamento, ma non è ancora certo che si tratti di omicidio