Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa

| Era una studentessa inglese di origini bengalesi, ma a 15 anni parte per la Siria per unirsi all’Isis. Ora, incinta del terzo figlio, chiede di tornare in Inghilterra, ma senza ripudiare nulla del suo passato

+ Miei preferiti
Sharmeena Begum, classe 1999, studentessa inglese alla “Bethnal Green Academy”, nel dicembre 2014 diventa un caso che fa discutere il Regno Unito. Decide di partire per l’Iraq, con l’idea di unirsi allo Stato islamico: ha 15 anni, è la più giovane adolescente britannica segnalata nelle file dell’Isis. L’anno successivo, due sue compagne di scuola, Amira Base, Shamina Begum e Kadiza Sultana si uniscono a lei.

Ora, a 19 anni, si torna a parlare di lei: è riemersa in un campo profughi siriano e assicura di non rimpiangere la sua decisione di unirsi ai combattenti dell’Isis: “Non ho avuto nessun ribrezzo di fronte alla prima testa mozzata”.

Ma c’è un problema: i suoi primi due figli sono morti di fame e malattia, ma il terzo, che ha in ventre, avrebbe piacere di farlo nascere nel Regno Unito per assicurargli una vita decente insieme a lei. L’adolescente è stata scoperta da una giornalista del “Times” in un campo di rifugiati in fuga dalla battaglia dell’ultima roccaforte dell’ISIS. Ha raccontato di essere stata sposata con un combattente olandese e di aver avuto una vita “normale” fin quando lui si è arreso ai combattenti siriani e probabilmente ucciso. “So cosa pensano di me nel Regno Unito: ho letto tutto quello che è stato scritto su di me, ma voglio solo tornare a casa per avere mio figlio”.

Parlando di quel che l’ha fatta allontanare dal villaggio di Baghuz, Begum si è descritta come “debole” per aver lasciato l’ISIS e ha elogiato coloro che hanno avuto il coraggio di restare. “Alla fine, non sono più riuscita a resistere. Non riuscivo a sopportarlo. Ora tutto quello che voglio fare è tornare a casa, in Gran Bretagna, anche se non più la stessa studentessa quindicenne che quattro anni fa è scappata, e non mi pento di essere venuta qui”.

Begum - che ha usato il passaporto della sorella maggiore per lasciare il Regno Unito - è fuggita con due amiche della Bethnal Green Academy, Kadiza Sultana e Amira Abase, nel febbraio 2015. Le tre ragazze sono volate in Turchia, trovando poi aiuti per attraversare clandestinamente il confine con la Siria. Non sa più nulla delle sue amiche, ma è convinta che Kadiza Sultana sia stata uccisa nel 2016, nel corso di un attacco aereo di Raqqqa.

Immediata la reazione di Ben Wallace, il ministro della sicurezza, che ha messo in guardia dai pericoli del ritorno in patria dei combattenti e dei seguaci dell’ISIS: “Sono induriti dalla guerra, alcuni stanno tornando ma senza aver cambiato idea sul nostro stile di vita e i nostri valori”. Il ministro ricorda poi che è al vaglio del governo un pacchetto di leggi che prevedano per i jihadisti che tornano in Gran Bretagna fino a un decennio di carcere.

Renu, la sorella maggiore di Begum, ha raccontato: “Sono così sollevata che mia sorella è stata trovata sana e salva. Sappiamo che sta cercando di uscire”.

 

Galleria fotografica
Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa - immagine 1
Sharmeena Begum, la jihadista che vuole tornare a casa - immagine 2
Esteri
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano
Quella di Emma, una 18enne anglosassone, è diventata una battaglia di principio per cambiare le norme che regolano i lutti familiari: devono essere inclusi anche gli animali
Berlino, arrivano i sexbox
Berlino, arrivano i sexbox
In una parte del Tempelhof, l’immensa area dove sorgeva l’ex aeroporto cittadino, la capitale tedesca sta discutendo se attrezzare delle cabine per le prostitute e i loro clienti
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I servizi segreti francesi avrebbero raggiunto un accordo segreto con gli iracheni: 2 milioni di dollari per ogni jihadista transalpino eliminato
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Una 15enne sequestrata da un balordo riesce ad avvisare le forze dell’ordine, ma dopo una telefonata surreale le pattuglie arrivano sul posto soltanto 19 ore dopo: troppo tardi
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Il padre ha deciso di non sottoporre le due gemelline siamesi che dividono parecchi organi ad un rischioso intervento di separazione. Quando sarà ora, se ne andranno così come sono nate
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
In Libano, una campagna per mettere a tacere un gruppo indie rock ha galvanizzato l’estrema destra cristiana del Paese. Un loro concerto è stato cancellato per le minacce “di una strage” giunte agli organizzatori
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
È un’ipotesi lanciata da tanti, convinti che la promessa di una Brexit dura possa avere conseguenze impensabili sugli abitanti del Regno Unito, sempre meno uniti
UK, condannato un sacerdote pedofilo
UK, condannato un sacerdote pedofilo
Si è chiuso con una condanna a 18 anni il terzo processo contro Michael Higginbottom, ex sacerdote di un prestigioso seminario inglese dove avrebbe abusato di due ragazzi
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Un trasportatore pregiudicato si è tranquillamente avvicinato a George, Charlotte e Louis, figli di William e Kate, scambiando qualche parola con il più grande. Una bufera che sta rimettendo in discussione tutto l’apparato di sicurezza
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
L’incredibile vicenda giudiziaria di un ex infermiere che ha accusato decine di personaggi di spicco del Regno Unito di far parte di una rete di pedofili. Per poi scoprire che l’unico pedofilo era lui