Si dimette il ministro dello scandalo dell’aragosta

| È stato ribattezzato così dai giornali francesi: ha come epicentro il ministro dell’ambiente François de Rugy, accusato di aver offerto cene a base di aragoste e champagne

+ Miei preferiti
È un’altra tegola che pende sulla testa di Macron, le dimissioni rassegnate da François de Rugy, il ministro dell’ambiente travolto dallo scandalo delle spese pazze per cene sontuose a base di aragoste, vini pregiati e champagne. Una rivelazione della testata online “Mediapart” che ha raccontato di esageratissime cene all’Assemblea Nazionale offerte insieme alla moglie a una trentina di invitati per volta fra l’ottobre del 2017 ed il giugno dello scorso anno, quando de Rugy era presidente della camera bassa.

Minacciato di querela, il sito ha rilanciato, svelando 63mila euro dei contribuenti spesi per rinnovare l’appartamento privato nella sede del ministero, 17mila usati per una cabina-armadio da sogno. 

A nulla è servito spiegare che di alcuni dei lussuosi ingredienti citati nell’articolo, François de Rugy si è dichiarato addirittura allergico e intollerante, e che i lavori fossero necessari per un palazzo del XVIII secolo: ormai la gogna mediatica era partita e fermarla impresa al limite dell’impossibile. Nelle recenti manifestazioni dei gilet gialli, sono comparse aragoste gonfiabili come chiaro riferimento allo scandalo.

Proprio oggi, accompagnate da una nota, sono arrivate le dimissioni di de Rugy, ormai inevitabili: “Gli attacchi e il linciaggio mediatico che hanno preso di mira la mia famiglia mi costringono a fare un necessario passo indietro. A causa di ciò che è necessario fare per difendermi, non sono in grado di svolgere serenamente ed efficacemente la missione affidatami dal presidente della Repubblica”. Le dimissioni, ha comunicato l’Eliseo, sono state accettate dal presidente Macron, che si è limitato a commentare di “decisione personale da rispettare, perché sia libero di difendersi pienamente e liberamente”.

Esteri
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
Il premier Boris Johnson ha anticipato il piano messo a punto per la graduale riapertura di attività e socialità nel Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Sono in molti, a chiedersi se dopo la regina più amata di sempre non sarebbe più giusto ripensarsi come repubblica. Per gli esperti il dubbio quel giorno sarà inevitabile, a meno di non dare una nuova immagine più “light”
Francia, lo scandalo degli incesti
Francia, lo scandalo degli incesti
Un libro shock svela le violenze subite all’interno di una famiglia di intellettuali, ben nota negli ambienti della Riva Gauche. La pubblicazione ha scatenato l’hashtag #MeTooIncest, che ha portato alla luce migliaia di casi
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
Il governo del Regno Unito avverte: non correte a prenotare vacanze all’estero, è assai difficile che potrete farle. Nuova stretta sui documenti necessari per l’ingresso nel Paese, specie per i paesi nella “lista rossa”
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Un’inchiesta giornalistica, con tanto di documenti scritti, svela che negli anni 70 gli avvocati della regina avrebbero fatto pressioni per escludere i sovrani dalla norma sulla trasparenza finanziaria
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
In una lunga dichiarazione dopo la lettura della sentenza, il dissidente russo chiede ai suoi concittadini di non arrendersi: “Il piccolo ladro chiuso nel suo bunker non può rinchiudere milioni di persone”
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti