Si dimette John Bercow, l’unico eroe della Brexit

| Il variopinto speaker della House of Commons inglese si è dimesso: il 31 ottobre, quando la Brexit sarà definitiva, preferisce non esserci. Un personaggio a tutto tondo, amato dalla gente e mal sopportato dai parlamentari

+ Miei preferiti
Non ce l’ha fatta a trattenere la commozione, quando ha annunciato le dimissioni: John Bercow, il colorito e colorato speaker della House of Commons inglese il 31 ottobre, al momento ultima data utile della Brexit, non sarà più al suo posto.

Se la Brexit ha un eroe è proprio lui, John Simon Bercow, classe 1963, figlio di un tassista ebreo cresciuto a Edgware, a nord di Londra. La famiglia ha origini rumene: si chiamavano Berkowitz, diventato Bercow per sentirsi un più più inglesi. Secondo le sue note biografiche, il piccolo John studia con ottimi risultati nelle scuole pubbliche fino alla laurea con lode all’Università di Essex. Nel 1986, ad un anno appena dalla laurea, viene eletto consigliere del London Borough of Lambeth per il Partito Conservatore. È l’inizio di una carriera politica che in tanti considerano da bandieruola: passa da posizioni di destra ad altre di sinistra con una semplicità disarmante.

Il 22 giugno 2009 viene eletto Speaker della Camera dei Comuni, lascia i Conservatori e inaugura l’incarico dichiarandosi un riformista che vuole riavvicinare i cittadini alle impettite sale di Westminster: si batte per i diritti degli omosessuali, dichiara “assurda” l’idea di una repressione verso chi fuma cannabis e concede ai deputati di accedere all’aula senza cravatta. Ma soprattutto, diventa suo malgrado una celebrità e uno dei soggetti preferiti della satira anglosassone: i suoi “order” urlati ai deputati, il rifiuto di indossare la tradizionale parrucca preferendo i capelli grigi perennemente spettinati e un dubbio gusto nella scelta delle cravatte ne fanno un personaggio a tutto tondo. Da sempre contrario alla Brexit, non ha mai risparmiato bordate verso Boris Johnson, con cui è in scontro aperto da sempre, acuito ancor di più dalla recente decisione del premier di sospendere i lavori del Parlamento per cinque settimane. Nel 2017 è Bercow a vietare l’ingresso a Donald Trump nella House of Commons, mettendo in imbarazzo l’allora premier Theresa May che aveva presentato la richiesta.

I deputati si dividono: in molti lo definiscono “divisivo, pomposo, insicuro”, o ancora “un nano stupido e bigotto”, secondo altri è “uno dei più grandi speaker nella storia del Regno Unito”.

Galleria fotografica
Si dimette John Bercow, l’unico eroe della Brexit - immagine 1
Si dimette John Bercow, l’unico eroe della Brexit - immagine 2
Si dimette John Bercow, l’unico eroe della Brexit - immagine 3
Si dimette John Bercow, l’unico eroe della Brexit - immagine 4
Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente