Si dimette John Bercow, l’unico eroe della Brexit

| Il variopinto speaker della House of Commons inglese si è dimesso: il 31 ottobre, quando la Brexit sarà definitiva, preferisce non esserci. Un personaggio a tutto tondo, amato dalla gente e mal sopportato dai parlamentari

+ Miei preferiti
Non ce l’ha fatta a trattenere la commozione, quando ha annunciato le dimissioni: John Bercow, il colorito e colorato speaker della House of Commons inglese il 31 ottobre, al momento ultima data utile della Brexit, non sarà più al suo posto.

Se la Brexit ha un eroe è proprio lui, John Simon Bercow, classe 1963, figlio di un tassista ebreo cresciuto a Edgware, a nord di Londra. La famiglia ha origini rumene: si chiamavano Berkowitz, diventato Bercow per sentirsi un più più inglesi. Secondo le sue note biografiche, il piccolo John studia con ottimi risultati nelle scuole pubbliche fino alla laurea con lode all’Università di Essex. Nel 1986, ad un anno appena dalla laurea, viene eletto consigliere del London Borough of Lambeth per il Partito Conservatore. È l’inizio di una carriera politica che in tanti considerano da bandieruola: passa da posizioni di destra ad altre di sinistra con una semplicità disarmante.

Il 22 giugno 2009 viene eletto Speaker della Camera dei Comuni, lascia i Conservatori e inaugura l’incarico dichiarandosi un riformista che vuole riavvicinare i cittadini alle impettite sale di Westminster: si batte per i diritti degli omosessuali, dichiara “assurda” l’idea di una repressione verso chi fuma cannabis e concede ai deputati di accedere all’aula senza cravatta. Ma soprattutto, diventa suo malgrado una celebrità e uno dei soggetti preferiti della satira anglosassone: i suoi “order” urlati ai deputati, il rifiuto di indossare la tradizionale parrucca preferendo i capelli grigi perennemente spettinati e un dubbio gusto nella scelta delle cravatte ne fanno un personaggio a tutto tondo. Da sempre contrario alla Brexit, non ha mai risparmiato bordate verso Boris Johnson, con cui è in scontro aperto da sempre, acuito ancor di più dalla recente decisione del premier di sospendere i lavori del Parlamento per cinque settimane. Nel 2017 è Bercow a vietare l’ingresso a Donald Trump nella House of Commons, mettendo in imbarazzo l’allora premier Theresa May che aveva presentato la richiesta.

I deputati si dividono: in molti lo definiscono “divisivo, pomposo, insicuro”, o ancora “un nano stupido e bigotto”, secondo altri è “uno dei più grandi speaker nella storia del Regno Unito”.

Galleria fotografica
Si dimette John Bercow, l’unico eroe della Brexit - immagine 1
Si dimette John Bercow, l’unico eroe della Brexit - immagine 2
Si dimette John Bercow, l’unico eroe della Brexit - immagine 3
Si dimette John Bercow, l’unico eroe della Brexit - immagine 4
Esteri
Il Black Friday di Trump
Il Black Friday di Trump
Un venerdì nero fatto di tweet che fanno infuriare il Congresso, di dichiarazioni pubbliche dei testimoni e di incriminazioni e condanne di suoi stretti collaboratori. L’aria intorno alla Casa Bianca si fa pesante
Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi
Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi
Aggredita su un’ambulanza da un uomo ferito in una rissa, ha scelto di denunciare pubblicamente l’accaduto per ricordare le quasi 15mila aggressioni subite in cinque anni. Quasi tutte impunite
UK, a processo la donna che dava droga al figlio
UK, a processo la donna che dava droga al figlio
Lo scorso gennaio, il 15enne Tyler Peck e un suo amico ricevono droghe e antidolorifici dalla madre del primo: Tyler muore, e nel suo corpo l’autopsia rileva una grande quantità di oppioidi
Hong Kong, il punto del non ritorno
Hong Kong, il punto del non ritorno
Le violenze hanno ormai raggiunto un’intensità preoccupante: un manifestante colpito da un proiettile della polizia lotta fra la vita e morte, e un cittadino pro-Pechino è stato dato alle fiamme
UK, una campagna elettorale al veleno
UK, una campagna elettorale al veleno
Ad una sola settimana dall’inizio della campagna per le elezioni del 12 dicembre prossimo, conservatori e laburisti hanno iniziato una guerra di nervi piene di colpi bassi
Si dà fuoco per protesta contro i governi francesi
Si dà fuoco per protesta contro i governi francesi
Un giovane di 22 anni è in fin di vita a Lione: si è dato fuoco incolpando gli ex presidenti di averlo ridotto sul lastrico
UK: vietato toccare lo smartphone mentre si guida
UK: vietato toccare lo smartphone mentre si guida
Dal prossimo anno entreranno in funzione sofisticate telecamere che riprenderanno i trasgressori, a cui sarà recapitata una multa e tolti 6 punti dalla patente. Ma almeno inizialmente, servirà la flagranza dell’infrazione
Ritrovato il violino di Stephen Morris
Ritrovato il violino di Stephen Morris
L’autore del furto ha accettato di restituire il prezioso strumento, dimenticato dal musicista su un treno
Trovato il corpo di Amelia Bambridge
Trovato il corpo di Amelia Bambridge
Il corpo della giovane inglese scomparsa in Cambogia è stato rinvenuto in mare: si sospetta che sia morta per annegamento, ma non è ancora certo che si tratti di omicidio
Assolto il fidanzato di una ragazza precipitata in un burrone
Assolto il fidanzato di una ragazza precipitata in un burrone
La corte del Derbyshire, in Inghilterra, ha scagionato da ogni sospetto il fidanzato: si è trattato di un tragico incidente. Lui ha tentato di afferrarla quando la giovane ha messo un piede in fallo, senza riuscirci