Si inventa lo stupro, condannata giovane inglese

| In vacanza a Cipro, una 19enne ha raccontato di essere stata violentata da 12 giovani israeliani, ma ha poi ritrattato ogni cosa. Secondo il suo avvocato è stata obbligata dalla polizia

+ Miei preferiti
Di lei si soltanto l’età, 19 anni, e che si tratta di una cittadina di britannica: è una ragazza finita in guai più grandi lei per aver dichiarato il falso, beccandosi una denuncia per calunnia, diffamazione e procurato allarme.

La sua colpa, essersi inventata una violenza di gruppo che secondo il suo racconto avrebbe subito da 12 uomini israeliani presso l’hotel dove lo scorso mese di luglio stava trascorrendo, il “Pambos Napa Rocks” di Ayia Napa, sull’isola di Cipro.

Dieci giorni dopo aver presentato la denuncia, che ha messo in moto le forze dell’ordine e le ambasciate, la giovane aveva ritrattato ogni cosa. Motivi sufficienti perché ai suoi polsi scattassero le manette.

Ma ora, il caso si sta avviando verso un possibile incidente diplomatico fra Grecia e Gran Bretagna. A soffiare sul fuoco è l’avvocato della giovane inglese, Michael Polak, secondo cui la ragazza sarebbe stata costretta con la forza a rivedere la propria versione dei fatti vendendosi negare anche l’assistenza legale: “Non le è stato permesso avere un avvocato, il che è contro la legge europea. Non aveva un traduttore e non è stata seguitata da medici e psicologi mentre mostrava chiari sintomi di disturbo post traumatico da forte stress”.

La ricostruzione del legale è ben diversa: nel corso dell’udienza in tribunale, la giovane aveva dichiarato di essere stata violentata, ma poco dopo è stata costretta a cambiare la versione dei fatti dalla polizia cipriota. Tutto sarebbe partito da un flirt estivo con uno dei giovani israeliani, e quando i due hanno cercato un po’ di privacy in una stanza dell’hotel sarebbero comparsi gli altri, che l’avrebbero violentata a turno per ore.

Di diverso avviso il giudice Michalis Papathanasiou, che ha ritenuto più veritiera la versione della difesa secondo cui la donna si è inventata tutto perché temeva ripercussioni dopo aver scoperto che alcuni dei giovani israeliani l’avevano filmata di nascosto con gli smartphone mentre faceva sesso.

Ma fra le stranezze, ricorda l’avvocato della giovane, il dettaglio che nessuno dei giovani sia mai stato chiamato a testimoniare. Per loro, ha parlato esclusivamente l’avvocato Nir Yaslovitzh, che ha usato parole particolarmente dure: “Spero che il tribunale stabilirà una condanna esemplare perché la signorina abbia il tempo di riflettere sui danni che le sue affermazioni hanno comportato. Umanamente mi dispiace, ma come uomo di legge sono felice di sapere che il tribunale l’ha condannata”.

La giovane ha trascorso più di un mese nelle prigioni cipriote, prima che le venisse concessa la libertà provvisoria, ma le è stato confiscato il passaporto e non può lasciare il Paese. La sentenza è rinviata al prossimo 7 gennaio e potrebbe portare fino a un anno di carcere, ma il suo legale ha annunciato l’appello alla Corte Suprema di Cipro e, in caso di fallimento, alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

La vicenda è stata seguita da vicino dagli attivisti per i diritti umani, che affermano sia stata gestita male e in modo assai superficiale dai funzionari ciprioti.

Esteri
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
L’immagine di Nadezhda Zhukova in costume fra i malati di Covid-19 aveva fatto il giro del mondo. Un’inchiesta l’ha scagionata e ore sogna di diventare medico, ma nel frattempo ha iniziato anche a posare per un marchio sportivo
GB: notte di sangue a Reading
GB: notte di sangue a Reading
Un uomo armato di coltello si è gettato sulla folla che sciamava dopo una manifestazione antirazzismo: prima di essere bloccato è riuscito a uccidere tre persone e ferirne altrettanto. Per la polizia non si tratta di terrorismo
BoJo in difficoltà: troppe decisioni e scelte sbagliate
BoJo in difficoltà: troppe decisioni e scelte sbagliate
La stella dell’uomo forte della Brexit si sta offuscando: invece di pensare ai problemi del Paese, afflitto dal Covid-19 e da una crisi economica pesantissima, si concentra sul altro
Almeno 3.000 vittime di abusi nella chiesa francese
Almeno 3.000 vittime di abusi nella chiesa francese
Sono i risultati parziali delle indagini di una commissione che dopo il lockdown sta riprendendo ogni parrocchia e congregazione francese alla ricerca di casi avvolti nel silenzio