Si inventa lo stupro, condannata giovane inglese

| In vacanza a Cipro, una 19enne ha raccontato di essere stata violentata da 12 giovani israeliani, ma ha poi ritrattato ogni cosa. Secondo il suo avvocato è stata obbligata dalla polizia

+ Miei preferiti
Di lei si soltanto l’età, 19 anni, e che si tratta di una cittadina di britannica: è una ragazza finita in guai più grandi lei per aver dichiarato il falso, beccandosi una denuncia per calunnia, diffamazione e procurato allarme.

La sua colpa, essersi inventata una violenza di gruppo che secondo il suo racconto avrebbe subito da 12 uomini israeliani presso l’hotel dove lo scorso mese di luglio stava trascorrendo, il “Pambos Napa Rocks” di Ayia Napa, sull’isola di Cipro.

Dieci giorni dopo aver presentato la denuncia, che ha messo in moto le forze dell’ordine e le ambasciate, la giovane aveva ritrattato ogni cosa. Motivi sufficienti perché ai suoi polsi scattassero le manette.

Ma ora, il caso si sta avviando verso un possibile incidente diplomatico fra Grecia e Gran Bretagna. A soffiare sul fuoco è l’avvocato della giovane inglese, Michael Polak, secondo cui la ragazza sarebbe stata costretta con la forza a rivedere la propria versione dei fatti vendendosi negare anche l’assistenza legale: “Non le è stato permesso avere un avvocato, il che è contro la legge europea. Non aveva un traduttore e non è stata seguitata da medici e psicologi mentre mostrava chiari sintomi di disturbo post traumatico da forte stress”.

La ricostruzione del legale è ben diversa: nel corso dell’udienza in tribunale, la giovane aveva dichiarato di essere stata violentata, ma poco dopo è stata costretta a cambiare la versione dei fatti dalla polizia cipriota. Tutto sarebbe partito da un flirt estivo con uno dei giovani israeliani, e quando i due hanno cercato un po’ di privacy in una stanza dell’hotel sarebbero comparsi gli altri, che l’avrebbero violentata a turno per ore.

Di diverso avviso il giudice Michalis Papathanasiou, che ha ritenuto più veritiera la versione della difesa secondo cui la donna si è inventata tutto perché temeva ripercussioni dopo aver scoperto che alcuni dei giovani israeliani l’avevano filmata di nascosto con gli smartphone mentre faceva sesso.

Ma fra le stranezze, ricorda l’avvocato della giovane, il dettaglio che nessuno dei giovani sia mai stato chiamato a testimoniare. Per loro, ha parlato esclusivamente l’avvocato Nir Yaslovitzh, che ha usato parole particolarmente dure: “Spero che il tribunale stabilirà una condanna esemplare perché la signorina abbia il tempo di riflettere sui danni che le sue affermazioni hanno comportato. Umanamente mi dispiace, ma come uomo di legge sono felice di sapere che il tribunale l’ha condannata”.

La giovane ha trascorso più di un mese nelle prigioni cipriote, prima che le venisse concessa la libertà provvisoria, ma le è stato confiscato il passaporto e non può lasciare il Paese. La sentenza è rinviata al prossimo 7 gennaio e potrebbe portare fino a un anno di carcere, ma il suo legale ha annunciato l’appello alla Corte Suprema di Cipro e, in caso di fallimento, alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

La vicenda è stata seguita da vicino dagli attivisti per i diritti umani, che affermano sia stata gestita male e in modo assai superficiale dai funzionari ciprioti.

Esteri
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Andrea ha immolato una montagna di denaro partecipare ad un torneo di golf. E il viaggio in Africa di Harry e Meghan ha stabilito il record assoluto di spesa, mentre all’orizzonte spunta una strana voglia di politica della Markle
GB, torna la corsa alla carta igienica
GB, torna la corsa alla carta igienica
Il timore di un nuovo lockdown ha riproposto le stesse scene dello scorso marzo: code infinite davanti ai supermercati e scaffali vuoti. L’invito delle autorità alla calma non frena l’accaparramento
Gli enormi mal di testa di BoJo
Gli enormi mal di testa di BoJo
L’incubo del numero di infezioni in crescita, la poca voglia degli inglesi di ubbidire ancora, la Brexit da chiudere, la minaccia di un probabile lockdown, l’economia a pezzi: per il premier inglese si prepara un autunno infernale
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
Una guardia del corpo del ministro degli esteri Dominic Raab ha dimenticato la pistola sul sedile di un aereo. Pochi mesi fa, lo stesso aveva fatto un altro agente di scorta all’ex premier David Cameron. L’imbarazzo della polizia
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca
Il triste destino dei ponti di Londra
Il triste destino dei ponti di Londra
L’Hammersmith Bridge si sta sgretolando: è stato chiuso al traffico causando enormi problemi al traffico, ma non ci sono i fondi per ripararlo e neanche per un rattoppo. Ma non è l’unico ponte ad essere messo male
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Mentre si fa sempre più strada l’ipotesi di scontri fra gang che hanno insanguinato il sabato sera della città inglese, a Parigi un uomo è stato accoltellato sui binari della Gare du Nord di Parigi
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Una donna di 27 anni ha ucciso 5 dei suoi 6 figli tentando poi di togliersi la vita. Gli abitanti di Solingen raccontano di aver visto agenti in lacrime uscire dall’appartamento
GB, con la seconda ondata 85mila morti
GB, con la seconda ondata 85mila morti
È la peggiore delle previsioni fatte da uno studio governativo inglese realizzato da scienziati ed esperti. L’influenza stagionale potrebbe complicare l’individuazione di possibili contagi