Sotto accusa la sicurezza dei tre principini

| Un trasportatore pregiudicato si è tranquillamente avvicinato a George, Charlotte e Louis, figli di William e Kate, scambiando qualche parola con il più grande. Una bufera che sta rimettendo in discussione tutto l’apparato di sicurezza

+ Miei preferiti
Nel silenzio ovattato della corte britannica, pare che in questi giorni si stiano levando parecchie urla e molte teste siano pronte a volare: in discussione c’è l’apparato di sicurezza che ruota intorno a George, Charlotte e Louis, i tre fratellini figli di William e Kate Middleton.

Su di loro vegliano con discrezione i servizi segreti e stuoli di guardie, o almeno così i sudditi di Sua Maestà pensavano fosse. Invece, è successo qualche giorno fa che il camion di una ditta di trasporti abbia varcato i cancelli di Kensington Palace per consegnare alcuni mobili. Nell’attesa delle autorizzazioni all’ingresso nell’edificio, dal camion è sceso Darren Benjamin, 40 anni, un pregiudicato che nel 2008 è stato condannato a sette anni di galera per aver picchiato e torturato un uomo insieme a due amici. Benjamin, che ha regolarmente scontato la sua pena trovando lavoro in un’impresa di trasporti, si è avvicinato ai tre pargoli reali, che erano in compagnia della tata, scambiando qualche parola proprio con George, il più grande dei tre, curioso come tutti i bambini della sua età.

Non è successo null’altro: la consegna è stata fatta e il camion è uscito dai cancelli della residenza reale senza alcun intoppo, ma la facilità con cui uno sconosciuto, e per di più noto alla giustizia per essere un violento, sia riuscito ad avvicinarsi ai principini ha mandato su tutte le furie William e Kate. L’episodio è stato riportato dal “Sun”, che ha anche raccolto qualche battuta di Darren Benjamin, il quale ha definito George “un bambino simpatico e piacevole”.

Costretto a fare buon viso a cattivo gioco, anche William si è affrettato a dichiarare che “L’accaduto ci ha costretti ad avviare una revisione urgente del dispositivo di sicurezza, ma siamo convinti fermamente che i criminali meritino una seconda possibilità dopo aver scontato la loro pena”.

Galleria fotografica
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini - immagine 1
Esteri
Il CEO di Ryanair accusato di razzismo e islamofobia
Il CEO di Ryanair accusato di razzismo e islamofobia
Il variopinto Michael O’Leary, non nuovo ad uscite spettacolari e spesso sconvenienti, suggerisce controlli serrati contro i musulmani che viaggiano da soli: se il pericolo arriva da loro, è lì che bisogna agire
Harry & Meghan, tutto da rifare
Harry & Meghan, tutto da rifare
La regina Elisabetta ha negato alla coppia di fuggitivi l’autorizzazione a utilizzare il marchio “Sussex Royal”, già depositato e stampato su centinaia di articoli pronti ad entrare in commercio
La Francia scopre “la truffa Le Drian”
La Francia scopre “la truffa Le Drian”
Fra il 2015 e l’anno successivo, una banda di abili truffatori ha sottratto 80 milioni di euro a imprenditori fingendo di essere il ministro degli esteri francese: il denaro sarebbe servito per liberare ostaggi nelle mani dei terroristi
Lo scandalo Griveaux sulle comunali di Parigi
Lo scandalo Griveaux sulle comunali di Parigi
Il candidato di “En Marche”, fedelissimo di Macron, travolto dalla pubblicazioni di messaggi e video intimi con un’amante. Inevitabili le sue dimissioni
Abusava di donne malate di cancro
Abusava di donne malate di cancro
Manish Shah, medico londinese, condannato a 3 ergastoli: avrebbe abusato e maltrattato 23 donne affette da tumore
Schumacher, il giallo delle foto rubate
Schumacher, il giallo delle foto rubate
Un tabloid inglese denuncia di aver ricevuto l’offerta di un “pacchetto di immagini” che ritraggono Schumy nel letto della sua residenza di Ginevra. La moglie Corinna ha allertato avvocati e forze dell’ordine per bloccare la diffusione
Harry rompe il silenzio
Harry rompe il silenzio
Il duca di Sussex racconta la propria versione del divorzio dell’anno nel corso di un evento benefico: “Il Regno Unito è casa mia, e questo non cambierà mai”
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
La polemica sui costi della sicurezza di Harry e Meghan ha coinvolto anche il duca di York: secondo alcune fonti vicine a Scotland Yard, “spendere tanti soldi per qualcuno che non ha più ruoli pubblici è immorale”
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
Nel paese nordamericano infiamma il dibattito: Harry e Meghan non pensino di arrivare qui e sentirsi reali perché non lo sono. E non da ultimo, chi pagherà l’apparato di cui si circondano, valutato in 10 milioni di dollari ogni anno?
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Dopo il clamore della rocambolesca fuga di Carlo Ghosn, il colosso giapponese di strumenti e attrezzature musicali avvisa: non provateci, è molto pericoloso