Sotto accusa la sicurezza dei tre principini

| Un trasportatore pregiudicato si è tranquillamente avvicinato a George, Charlotte e Louis, figli di William e Kate, scambiando qualche parola con il più grande. Una bufera che sta rimettendo in discussione tutto l’apparato di sicurezza

+ Miei preferiti
Nel silenzio ovattato della corte britannica, pare che in questi giorni si stiano levando parecchie urla e molte teste siano pronte a volare: in discussione c’è l’apparato di sicurezza che ruota intorno a George, Charlotte e Louis, i tre fratellini figli di William e Kate Middleton.

Su di loro vegliano con discrezione i servizi segreti e stuoli di guardie, o almeno così i sudditi di Sua Maestà pensavano fosse. Invece, è successo qualche giorno fa che il camion di una ditta di trasporti abbia varcato i cancelli di Kensington Palace per consegnare alcuni mobili. Nell’attesa delle autorizzazioni all’ingresso nell’edificio, dal camion è sceso Darren Benjamin, 40 anni, un pregiudicato che nel 2008 è stato condannato a sette anni di galera per aver picchiato e torturato un uomo insieme a due amici. Benjamin, che ha regolarmente scontato la sua pena trovando lavoro in un’impresa di trasporti, si è avvicinato ai tre pargoli reali, che erano in compagnia della tata, scambiando qualche parola proprio con George, il più grande dei tre, curioso come tutti i bambini della sua età.

Non è successo null’altro: la consegna è stata fatta e il camion è uscito dai cancelli della residenza reale senza alcun intoppo, ma la facilità con cui uno sconosciuto, e per di più noto alla giustizia per essere un violento, sia riuscito ad avvicinarsi ai principini ha mandato su tutte le furie William e Kate. L’episodio è stato riportato dal “Sun”, che ha anche raccolto qualche battuta di Darren Benjamin, il quale ha definito George “un bambino simpatico e piacevole”.

Costretto a fare buon viso a cattivo gioco, anche William si è affrettato a dichiarare che “L’accaduto ci ha costretti ad avviare una revisione urgente del dispositivo di sicurezza, ma siamo convinti fermamente che i criminali meritino una seconda possibilità dopo aver scontato la loro pena”.

Galleria fotografica
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini - immagine 1
Esteri
La Scozia pretende
un secondo referendum
La Scozia pretende<br>un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente
La talpa del 10 di Downing Street
La talpa del 10 di Downing Street
I tabloid inglesi continuano ad essere inondati di rivelazioni scottanti sugli atteggiamenti e il comportamento del premier Johnson. Sospettato numero uno David Cummings, l'ex braccio destro in cerca di vendetta
40 giorni sottoterra
40 giorni sottoterra
Si è concluso il “Deep Time”, l’esperimento di chiudere 15 volontari francesi in una grotta senza orologi, telefoni e luce del sole. L’obiettivo è di studiare il grado di adattamento fisico e mentale
«Non restituite gli ex terroristi all’Italia»
«Non restituite gli ex terroristi all’Italia»
Un appello degli intellettuali francesi, pubblicato su Le Monde, ribadisce la visione democratica e soprattutto umana la Dottrina Mitterand. Nei giorni scorsi, la ministra Cartabia aveva avuto colloqui con l'omologo francese
A Liverpool un esperimento di musica live
A Liverpool un esperimento di musica live
A godersi il concerto dei “Blossoms” sul palco dello Sefton Park saranno 5.000 persone senza mascherina e distanziamento. Si tratta di un progetto voluto dal ministero della salute per verificare eventuali casi di trasmissione
Francia: il caso di Mia, fatta rapire dalla madre
Francia: il caso di Mia, fatta rapire dalla madre
È il colpo di scena di una vicenda più intricata di quel che sembra. I tre rapitori, arrestati dalla polizia, hanno confessato che il mandante del sequestro era la madre, una donna con gravi problemi comportamentali