Spagna, incidente in una giostra: 28 feriti

| Si stacca una fila di sedili da un “tagadà” e gli occupanti volano fuori: aperta un’inchiesta per verificare eventuali responsabilità

+ Miei preferiti
È andata bene, continuano a ripeterlo le autorità di La Rinconada, comune spagnolo in provincia di Siviglia, in Andalusia. Da una giostra del tipo tagadà, all’interno di un parco di divertimenti allestito per la fiera di San José, all’improvviso si è staccata una fila di sedili, scaraventando i passeggeri- privi di sostegni e appigli – all’esterno dell’attrazione. Il bilancio è di 28 feriti, quasi tutti ragazzini, fra cui una bimba di 13 anni. In nove sono stati ricoverati in ospedale per accertamenti, anche se dai primi bollettini medici nessuno sarebbe in pericolo di vita.

Sull’episodio è stata immediatamente aperta un’inchiesta per verificare eventuali responsabilità, e malgrado le autorità ripetano che la giostra “aveva superato tutti i controlli di sicurezza” e i permessi in ordine, resta da chiarire il motivo per cui l’attrazione non si sia arrestata al momento del distacco della fila di sedili. Secondo alcune indiscrezioni rilanciate dai media locali, numerose telefonate erano giunte ai numeri del pronto intervento per segnalare una “giostra fuori controllo”: l’incidente poco prima dell’intervento di una squadra mandata per verificare l’impianto. Il comune ha fatto immediatamente chiudere il parco di divertimenti, mettendo il sigillo alla giostra in attesa degli accertamenti tecnici.

 

Esteri
Irlanda, sesta notte di proteste
Irlanda, sesta notte di proteste
Elementi infiltrati hanno alzato il livello degli scontri, mettendo a ferro e fuoco Belfast: un autobus dato alle fiamme e scontri violenza con la polizia sono proseguiti per tutta la notte
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi
Francia, smantellata la banda dei Lego
Francia, smantellata la banda dei Lego
Studiavano nei dettagli i negozi e magazzini da colpire, poi rivendevano i mattoncini sul mercato nero, dove pare siano richiestissimi
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Alla sua prima uscita pubblica dal castello di Windsor, la regina rende omaggio all’aviazione militare australiana. Un cenno verso un Paese che continua a chiedersi che senso ha avere una monarca così distante
Il #MeToo degli studenti inglesi
Il #MeToo degli studenti inglesi
Un sito per segnalazioni anonime ha registrato oltre 7.000 di stupri, violenze e bullismo, scoperchiando un realtà preoccupante su cui adesso tutti vogliono vederci chiaro
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Nei quattro anni di relazione clandestina (in realtà alla luce del sole) con l’allora sindaco di Londra, l’imprenditrice americana avrebbe ricevuto favori e contratti. Un’indagine vuole fare chiarezza, e Jonshon rischia grosso
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
Manifestazioni in tutto il Paese per un pacchetto di misure che sulla carta avrebbero dovuto trasformare ila Francia in un esempio, e che invece son o state riviste e scorrette per non scontentare i poteri forti
Peggiorano le condizioni di Navalny
Peggiorano le condizioni di Navalny
I suoi legali denunciano che l’ex dissidente accusa crescenti problemi di salute. Secondo qualcuno sarebbe ricoverato in ospedale, ma le autorità russe vietato a chiunque di avvicinarlo
Australia, i video hard dei parlamentari
Australia, i video hard dei parlamentari
Trema il governo di Scott Morrison, alle prese con il terzo caso di abusi sessuali nel giro di poche settimane. Questa volta sono emersi video e foto che mostrano i dipendenti mentre hanno rapporti sessuali negli uffici dei vari ministri
La bomba che ha ucciso la giornalista maltese fabbricata in Sicilia
La bomba che ha ucciso la giornalista maltese fabbricata in Sicilia
I 500grammi di esplosivo che hanno fatto saltare in aria l'auto di Daphne Caruana Galizia sarebbero stati preparati in Sicilia. È la rivelazione di un pentito, che conferma gli stretti legami fra la mafia maltese e quella siciliana