Svolta nell’omicidio di Daphne Caruana Galizia

| Un uomo sospettato di essere l’intermediario fra i mandanti e gli esecutori materiali dell’omicidio della giornalista, è finito in manette. Ma per rivelare tutto ha preteso la grazia dal presidente Muscat

+ Miei preferiti
A due anni dall’omicidio di Daphne Caruana Galizia, la giornalista maltese uccisa dall’esplosione di un’autobomba, arriva il primo colpo di scena. È arrivata poche ore fa la conferma che giovedì scorso è stato arrestato un uomo che secondo gli inquirenti avrebbe coperto il ruolo di intermediario fra i mandanti e i killer. La rivelazione arriva dal “Times of Malta” e da “Malta Today”, che parlano entrambi di un accordo scritto stipulato fra l’uomo e il premier maltese Joseph Muscat, che avrebbe garantito la grazia in cambio della piena collaborazione.

L’uomo, accusato di riciclaggio di denaro sporco e associazione a delinquere, avrebbe quasi subito accettato di diventare collaboratore di giustizia, accettando di rivelare la fitta trama che ha portato all’omicidio della giornalista maltese. Secondo alcune voci vicine al governo, la concessione della grazia sarebbe stata causa di accese discussioni fra il premier e il ministro della giustizia, a quanto si apprende fermamente contrario. All’appello mancano però commenti ufficiali, conferme o smentite da parte delle istituzioni maltesi.

Ma la svolta sembra aver smontato almeno in parte i sospetti di corruzione e malaffare che da sempre si addensano sul governo maltese, e su cui la Caruana stava indagando, come costola dell’inchiesta “Panama Papers”. Va comunque aggiunto che lo scorso giugno, l’assemblea del Consiglio Europeo aveva ufficialmente chiesto a Malta di aprire un’inchiesta pubblica per fare piena luce su un omicidio verso cui, secondo alcuni, il governo maltese sembrava non aver mai messo il massimo dell’impegno.

Per la morte di Daphne sono state incriminate tre persone, individuate grazie alle indagini dell’FBI, considerate gli esecutori materiali dell’attentato dinamitardo che il 16 ottobre del 2017 tolse la vita alla coraggiosa giornalista sulla strada di casa.

Esteri
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
L’immagine di Nadezhda Zhukova in costume fra i malati di Covid-19 aveva fatto il giro del mondo. Un’inchiesta l’ha scagionata e ore sogna di diventare medico, ma nel frattempo ha iniziato anche a posare per un marchio sportivo
GB: notte di sangue a Reading
GB: notte di sangue a Reading
Un uomo armato di coltello si è gettato sulla folla che sciamava dopo una manifestazione antirazzismo: prima di essere bloccato è riuscito a uccidere tre persone e ferirne altrettanto. Per la polizia non si tratta di terrorismo
BoJo in difficoltà: troppe decisioni e scelte sbagliate
BoJo in difficoltà: troppe decisioni e scelte sbagliate
La stella dell’uomo forte della Brexit si sta offuscando: invece di pensare ai problemi del Paese, afflitto dal Covid-19 e da una crisi economica pesantissima, si concentra sul altro
Almeno 3.000 vittime di abusi nella chiesa francese
Almeno 3.000 vittime di abusi nella chiesa francese
Sono i risultati parziali delle indagini di una commissione che dopo il lockdown sta riprendendo ogni parrocchia e congregazione francese alla ricerca di casi avvolti nel silenzio