Thomas Cook in bancarotta,
scatta il ponte aereo

| Oltre mezzo milione di viaggiatori sono rimasti da questa mattina senza un volo di ritorno prenotato e pagato. Le autorità hanno avviato la più grande operazione di rimpatrio in tempi di pace. Più di 22mila i posti di lavoro a rischio

+ Miei preferiti
L’ultima speranza si è spenta nel cuore della notte, con la rottura definitiva delle trattative con i creditori per evitare la bancarotta di “Thomas Cook”, uno dei più antichi tour operator del mondo. Questa mattina, la società si è arresa ufficialmente, “cancellando tutti i voli e i pacchetti vacanze”.

Un finale che tradotto in cifre assume contorni drammatici: 22mila posti lavoro in fumo e mezzo milione di clienti del tour operator in giro per il mondo – 150mila britannici e 350mila stranieri - rimasti senza più un volo che li riporti a casa. Pensando al rientro dei turisti incolpevoli, la “Civil Aviation Autorithy” ha fatto scattare una procedura di emergenza che qualcuno, nel Regno Unito, ha definito “la più grande operazione di rimpatrio in tempo di pace”. Un intervento stimato in 600milioni di sterline, almeno in parte finanziati dal fondo di garanzia voluto dall’ente dell’aviazione civile britannica ma che quasi sicuramente costringerà il governo a mettere mano al portafoglio, come confermato dal premier Boris Johnson, che in una dichiarazione non ha nascosto la propria delusione: “Mi chiedo quanto i vertici delle società fossero incentivati a risolvere i problemi. La situazione creata è molto difficile, e i nostri pensieri sono rivolti ai clienti che potrebbero avere difficoltà a rientrare a casa. Faremo del nostro meglio, e in qualche modo lo Stato dovrà intervenire per aiutarli”.

Un intervento confermato anche dal ministro dei trasporti Grant Shapps, che ha annunciato un ponte aereo con 45 voli charter che prevede di riportare in patria entro oggi le prime 14mila persone, con la conclusione delle operazioni di rimpatrio prevista entro il prossimo 6 ottobre.

Thomas Cook, creata nel 1841 a Leicester e diventato uno dei tour operator più antichi e conosciuti al mondo, nel 2007 è confluita nel “Thomas Cook Group” grazie alla fusione con My Travel, trasformandosi in un colosso quotato in borsa che possiede sette marchi turistici ed una propria compagnia aerea, con 97 velivoli, 2.926 punti vendita, 32.722 dipendenti, 200 hotel e 19,1 milioni di clienti annuali.

La situazione economica della società viaggiava da tempo in cattive acque a causa del boom delle agenzie online e delle compagnie aree low cost, situazione resa ancor più incandescente dalla minaccia della Brexit. A nulla era servito, lo scorso agosto, il finanziamento di 450 milioni di sterline - la metà della cifra stimata nel pacchetto di salvataggio - pompati nelle casse aziendali dalla “Fosum Tourism Group”, la società cinese che dal 2015 è diventata il primo azionista. 

Galleria fotografica
Thomas Cook in bancarotta,<br>scatta il ponte aereo - immagine 1
Esteri
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Alessandro Donati, milanese, ha ammesso davanti alla corte di Londra di aver svaligiato le residenze di celebrità come la figlia dell’ex patron della F1, di Frank Lampard e di un miliardario thailandese
Irlanda, sesta notte di proteste
Irlanda, sesta notte di proteste
Elementi infiltrati hanno alzato il livello degli scontri, mettendo a ferro e fuoco Belfast: un autobus dato alle fiamme e scontri violenza con la polizia sono proseguiti per tutta la notte
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi
Francia, smantellata la banda dei Lego
Francia, smantellata la banda dei Lego
Studiavano nei dettagli i negozi e magazzini da colpire, poi rivendevano i mattoncini sul mercato nero, dove pare siano richiestissimi
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Alla sua prima uscita pubblica dal castello di Windsor, la regina rende omaggio all’aviazione militare australiana. Un cenno verso un Paese che continua a chiedersi che senso ha avere una monarca così distante
Il #MeToo degli studenti inglesi
Il #MeToo degli studenti inglesi
Un sito per segnalazioni anonime ha registrato oltre 7.000 di stupri, violenze e bullismo, scoperchiando un realtà preoccupante su cui adesso tutti vogliono vederci chiaro
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Nei quattro anni di relazione clandestina (in realtà alla luce del sole) con l’allora sindaco di Londra, l’imprenditrice americana avrebbe ricevuto favori e contratti. Un’indagine vuole fare chiarezza, e Jonshon rischia grosso
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
Manifestazioni in tutto il Paese per un pacchetto di misure che sulla carta avrebbero dovuto trasformare ila Francia in un esempio, e che invece son o state riviste e scorrette per non scontentare i poteri forti
Peggiorano le condizioni di Navalny
Peggiorano le condizioni di Navalny
I suoi legali denunciano che l’ex dissidente accusa crescenti problemi di salute. Secondo qualcuno sarebbe ricoverato in ospedale, ma le autorità russe vietato a chiunque di avvicinarlo
Australia, i video hard dei parlamentari
Australia, i video hard dei parlamentari
Trema il governo di Scott Morrison, alle prese con il terzo caso di abusi sessuali nel giro di poche settimane. Questa volta sono emersi video e foto che mostrano i dipendenti mentre hanno rapporti sessuali negli uffici dei vari ministri