Thomas Cook in bancarotta,
scatta il ponte aereo

| Oltre mezzo milione di viaggiatori sono rimasti da questa mattina senza un volo di ritorno prenotato e pagato. Le autorità hanno avviato la più grande operazione di rimpatrio in tempi di pace. Più di 22mila i posti di lavoro a rischio

+ Miei preferiti
L’ultima speranza si è spenta nel cuore della notte, con la rottura definitiva delle trattative con i creditori per evitare la bancarotta di “Thomas Cook”, uno dei più antichi tour operator del mondo. Questa mattina, la società si è arresa ufficialmente, “cancellando tutti i voli e i pacchetti vacanze”.

Un finale che tradotto in cifre assume contorni drammatici: 22mila posti lavoro in fumo e mezzo milione di clienti del tour operator in giro per il mondo – 150mila britannici e 350mila stranieri - rimasti senza più un volo che li riporti a casa. Pensando al rientro dei turisti incolpevoli, la “Civil Aviation Autorithy” ha fatto scattare una procedura di emergenza che qualcuno, nel Regno Unito, ha definito “la più grande operazione di rimpatrio in tempo di pace”. Un intervento stimato in 600milioni di sterline, almeno in parte finanziati dal fondo di garanzia voluto dall’ente dell’aviazione civile britannica ma che quasi sicuramente costringerà il governo a mettere mano al portafoglio, come confermato dal premier Boris Johnson, che in una dichiarazione non ha nascosto la propria delusione: “Mi chiedo quanto i vertici delle società fossero incentivati a risolvere i problemi. La situazione creata è molto difficile, e i nostri pensieri sono rivolti ai clienti che potrebbero avere difficoltà a rientrare a casa. Faremo del nostro meglio, e in qualche modo lo Stato dovrà intervenire per aiutarli”.

Un intervento confermato anche dal ministro dei trasporti Grant Shapps, che ha annunciato un ponte aereo con 45 voli charter che prevede di riportare in patria entro oggi le prime 14mila persone, con la conclusione delle operazioni di rimpatrio prevista entro il prossimo 6 ottobre.

Thomas Cook, creata nel 1841 a Leicester e diventato uno dei tour operator più antichi e conosciuti al mondo, nel 2007 è confluita nel “Thomas Cook Group” grazie alla fusione con My Travel, trasformandosi in un colosso quotato in borsa che possiede sette marchi turistici ed una propria compagnia aerea, con 97 velivoli, 2.926 punti vendita, 32.722 dipendenti, 200 hotel e 19,1 milioni di clienti annuali.

La situazione economica della società viaggiava da tempo in cattive acque a causa del boom delle agenzie online e delle compagnie aree low cost, situazione resa ancor più incandescente dalla minaccia della Brexit. A nulla era servito, lo scorso agosto, il finanziamento di 450 milioni di sterline - la metà della cifra stimata nel pacchetto di salvataggio - pompati nelle casse aziendali dalla “Fosum Tourism Group”, la società cinese che dal 2015 è diventata il primo azionista. 

Galleria fotografica
Thomas Cook in bancarotta,<br>scatta il ponte aereo - immagine 1
Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente