Thomas Cook in bancarotta,
scatta il ponte aereo

| Oltre mezzo milione di viaggiatori sono rimasti da questa mattina senza un volo di ritorno prenotato e pagato. Le autorità hanno avviato la più grande operazione di rimpatrio in tempi di pace. Più di 22mila i posti di lavoro a rischio

+ Miei preferiti
L’ultima speranza si è spenta nel cuore della notte, con la rottura definitiva delle trattative con i creditori per evitare la bancarotta di “Thomas Cook”, uno dei più antichi tour operator del mondo. Questa mattina, la società si è arresa ufficialmente, “cancellando tutti i voli e i pacchetti vacanze”.

Un finale che tradotto in cifre assume contorni drammatici: 22mila posti lavoro in fumo e mezzo milione di clienti del tour operator in giro per il mondo – 150mila britannici e 350mila stranieri - rimasti senza più un volo che li riporti a casa. Pensando al rientro dei turisti incolpevoli, la “Civil Aviation Autorithy” ha fatto scattare una procedura di emergenza che qualcuno, nel Regno Unito, ha definito “la più grande operazione di rimpatrio in tempo di pace”. Un intervento stimato in 600milioni di sterline, almeno in parte finanziati dal fondo di garanzia voluto dall’ente dell’aviazione civile britannica ma che quasi sicuramente costringerà il governo a mettere mano al portafoglio, come confermato dal premier Boris Johnson, che in una dichiarazione non ha nascosto la propria delusione: “Mi chiedo quanto i vertici delle società fossero incentivati a risolvere i problemi. La situazione creata è molto difficile, e i nostri pensieri sono rivolti ai clienti che potrebbero avere difficoltà a rientrare a casa. Faremo del nostro meglio, e in qualche modo lo Stato dovrà intervenire per aiutarli”.

Un intervento confermato anche dal ministro dei trasporti Grant Shapps, che ha annunciato un ponte aereo con 45 voli charter che prevede di riportare in patria entro oggi le prime 14mila persone, con la conclusione delle operazioni di rimpatrio prevista entro il prossimo 6 ottobre.

Thomas Cook, creata nel 1841 a Leicester e diventato uno dei tour operator più antichi e conosciuti al mondo, nel 2007 è confluita nel “Thomas Cook Group” grazie alla fusione con My Travel, trasformandosi in un colosso quotato in borsa che possiede sette marchi turistici ed una propria compagnia aerea, con 97 velivoli, 2.926 punti vendita, 32.722 dipendenti, 200 hotel e 19,1 milioni di clienti annuali.

La situazione economica della società viaggiava da tempo in cattive acque a causa del boom delle agenzie online e delle compagnie aree low cost, situazione resa ancor più incandescente dalla minaccia della Brexit. A nulla era servito, lo scorso agosto, il finanziamento di 450 milioni di sterline - la metà della cifra stimata nel pacchetto di salvataggio - pompati nelle casse aziendali dalla “Fosum Tourism Group”, la società cinese che dal 2015 è diventata il primo azionista. 

Galleria fotografica
Thomas Cook in bancarotta,<br>scatta il ponte aereo - immagine 1
Esteri
L’inverno rigido di mister Johnson
L’inverno rigido di mister Johnson
Il premier inglese precipita nel malcontento: l’aumento dei casi Covid, la disoccupazione che cresce e il crollo dei colloqui sulla Brexit sono questioni che stanno venendo a galla tutte insieme
GB, avvocata di colore scambiata per imputata
GB, avvocata di colore scambiata per imputata
Per ben quattro volte, Alexandra Wilson si è vista fermare e rimproverare perché in quanto donna di colore nessuno pensava potesse essere un avvocato, ma un’imputata
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Andrea ha immolato una montagna di denaro partecipare ad un torneo di golf. E il viaggio in Africa di Harry e Meghan ha stabilito il record assoluto di spesa, mentre all’orizzonte spunta una strana voglia di politica della Markle
GB, torna la corsa alla carta igienica
GB, torna la corsa alla carta igienica
Il timore di un nuovo lockdown ha riproposto le stesse scene dello scorso marzo: code infinite davanti ai supermercati e scaffali vuoti. L’invito delle autorità alla calma non frena l’accaparramento
Gli enormi mal di testa di BoJo
Gli enormi mal di testa di BoJo
L’incubo del numero di infezioni in crescita, la poca voglia degli inglesi di ubbidire ancora, la Brexit da chiudere, la minaccia di un probabile lockdown, l’economia a pezzi: per il premier inglese si prepara un autunno infernale
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
Una guardia del corpo del ministro degli esteri Dominic Raab ha dimenticato la pistola sul sedile di un aereo. Pochi mesi fa, lo stesso aveva fatto un altro agente di scorta all’ex premier David Cameron. L’imbarazzo della polizia
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca
Il triste destino dei ponti di Londra
Il triste destino dei ponti di Londra
L’Hammersmith Bridge si sta sgretolando: è stato chiuso al traffico causando enormi problemi al traffico, ma non ci sono i fondi per ripararlo e neanche per un rattoppo. Ma non è l’unico ponte ad essere messo male
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Mentre si fa sempre più strada l’ipotesi di scontri fra gang che hanno insanguinato il sabato sera della città inglese, a Parigi un uomo è stato accoltellato sui binari della Gare du Nord di Parigi