Trump, confusione al vertice Nato

| Buckingham Palace alle prese con lo scottante “affaire Andrew”, la Casa Bianca con l’approvazione del rapporto dell’intelligence che preclude la stesura della messa in stato d’accusa. Tensioni anche con Macron

+ Miei preferiti
Al solito: neanche il tempo di sbarcare dall’Air Force One a Londra, dove partecipa al vertice per i 70 anni della Nato, e Donal Trump riesce a gettare lo scompiglio. Per ingannare le lunghe ore di volo se la prende con gli europei, in particolare Francia, Italia, Turchia e Austria, Paesi che minaccia apertamente di dazi pesantissimi se passasse la “Digital Tax” che colpisce i colossi americani Google, Apple, Amazon e Facebook.

Il principale obiettivo degli strali di Trump è comunque l’omologo francese Emmanuel Macron, che prima dell’inizio del vertice aveva parlato di “morte cerebrale” dell’Alleanza Atlantica, una frase definita “Offensiva, sgradevole e irrispettosa nei confronti degli altri 28 Paesi della Nato”.

Quella di Trump è una presenza pesante, che arriva in un momento di forte imbarazzo tanto per il Regno Unito quanto per il presidente americano. A Buckingham Palace, dove è stato organizzato il ricevimento reale offerto dalla regina Elisabetta per i leader dei 29 paesi della Nato, si respira la tensione delle ultime vicende del principe Andrea, finito in un groviglio così complicato da trascinarsi dietro l’intera onorabilità della Royal Family.

Intorno ad Andrea il vuoto si allarga: perfino Trump ha negato di averlo mai conosciuto. Affermazione subito smentita dai tabloid di mezzo mondo, che pubblicano foto di ogni epoca in cui i due appaiono insieme, felici e sorridenti. L’ultima volta, la più recente, nel corso della visita di stato nel Regno Unito di Trump nel giugno di quest’anno.

E la situazione non migliora parlando dei guai interni di Donald: mentre Trump saliva la scaletta dell’aereo presidenziale, la commissione intelligence della Camera ha approvato il rapporto sull’impeachment, che ha fatto il pieno fra i Dem e ovviamente i massicci voti contrari dei Repubblicani. Il documento, 300 pagine di tabulati telefonici, cronologie e testimonianze, sarà diffuso nelle prossime ore diventando la tabella di marcia per gli articoli dell’iter della messa in stato d’accusa.

Per gli analisti si tratta di una svolta epocale dell’indagine, poiché è la rappresentazione delle prove di uno dei crimini politici più gravi della storia degli Stati Uniti, sufficiente a pensare che non esista alternativa alcuna, se non quella di rimuovere il presidente dall’incarico 11 mesi prima delle prossime elezioni.

Trump, ovviamente, la pensa in modo diverso: “Una bufala antipatriottica” la definisce, dando poi il benservito ad Adam Schiff, presidente della commissione intelligence della Camera, liquidato come “Pazzo e gravemente malato”. Poche ore prima, Schiff non era andato per il sottile: “Dovremmo preoccuparci dei dettagli dell’Ucrainagate, perché possiamo essere certi che il Presidente lo rifarà alla prima occasione”.

Dalla sua, Trump conta sull’assoluzione piena del Senato, dove i Repubblicani hanno la maggioranza, ma prima di arrivare a questo, i Dem contano di far votare la messa in stato d’accusa prima di Natale.

Galleria fotografica
Trump, confusione al vertice Nato - immagine 1
Trump, confusione al vertice Nato - immagine 2
Trump, confusione al vertice Nato - immagine 3
Esteri
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Insieme a lui il suo ex avvocato di fiducia Thierry Herzog e il giudice Gilbert Azibert. Il giudice avrebbe fornito informazioni riservate sulle inchieste per finanziamento della campagna elettorale, chiedendo in cambio un posto a Monaco
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Zlatko Sikorsky, 36 anni, è stato aggredito da un altro detenuto nel carcere di Brisbane: stava scontando la condanna per l’omicidio di Larissa Beilby, la fidanzata 16enne uccisa a pugni due anni prima
Francia, vietato filmare la polizia
Francia, vietato filmare la polizia
Un disegno di legge punta a impedire ai cittadini di riprendere le forze di polizia in azione: ai trasgressori 45mila euro di multa. Interviene anche l’Onu: deriva pericolosa che minaccia la libertà di espressione e di stampa
Eravamo quattro amici al pub
Eravamo quattro amici al pub
In Irlanda, 4 amici hanno acquistato un volo a prezzi stracciati per poter accedere all’area partenze dell’aeroporto di Dublino, dove pub e ristoranti sono aperti…
Scettico e no-mask? Niente ricovero
Scettico e no-mask? Niente ricovero
La polemica proposta di Willy Oggier, un economista svizzero che propone un registro nazionale in cui ognuno è libero di dichiarare la propria posizione in merito al virus, ma accettando anche l’idea che non sarà curato
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Dopo la spaccatura fra Johnson e il suo stratega Dominic Cummings, emerge sempre di più la figura della fidanzata del premier. Una donna tosta che sa cosa vuole, e soprattutto come ottenerlo
GB, la faida al 10 di Downing Street
GB, la faida al 10 di Downing Street
Dominic Cummings, il guru della Brexit, silurato da BoJo pare anche su gentile richiesta della fidanzata. Un maremoto che potrebbe costare la poltrona al premier
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Per due anni, il giornalista Valentin Gendrot si è finto un agente per scrivere un libro in cui ha raccontato decine di episodi abusi e razzismo, ma anche le difficili condizioni in cui lavorano i poliziotti
Putin pronto a lasciare
Putin pronto a lasciare
Un tabloid inglese rivela che il presidente russo sarebbe affetto da Parkinson: il Cremlino smentisce, ma tutto lascia pensare ad un passaggio di consegne imminente
I tre eroi della notte di sangue di Vienna
I tre eroi della notte di sangue di Vienna
Tre giovani musulmani, due lottatori di MMA e un dipendente di McDonalds, hanno salvato un’anziana e un poliziotto dalla furia dell’attentatore che ha seminato il terrore nella capitale austriaca